RIFIUTI: Concorso tra il delitto di truffa e quello di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti.

Quotidiano Legale -

CODICE DELL’AMBIENTE – RIFIUTI – Concorso tra il delitto di truffa e quello di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti – Differenza e tutela dei due reati – Attribuzione di un codice CER non corrispondente – Art. 260 d.lgs. n.152/06 – Attività organizzata di gestione dei rifiuti – Attività «c.d. clandestina» – Natura […] Altri articoli d'interesse::
  1. GIURISPRUDENZA RIFIUTI: Traffico illecito di rifiuti
  2. Trasporto illecito di rifiuti e confisca del mezzo. Terzo proprietario estraneo al reato.
  3. REATI AMBIENTALI: Attività di gestione di rifiuti non autorizzata in forma ambulante.

SENTENZA N. 62 ANNO 2017

Corte Costituzionale Sentenze -

SENTENZA N. 62 ANNO 2017
Bilancio e contabilità pubblica - Norme della Regione autonoma Valle d'Aosta - Legge finanziaria per gli anni 2016/2018 - Patto di stabilità interno - Determinazione del livello della spesa regionale autorizzata in termini di obiettivo euro-compatibile, nelle more della definizione, ai sensi dell'art. 1, comma 454, della legge n. 228 del 2012 [legge di stabilità 2013], dell'accordo tra il Ministro dell'Economia e delle Finanze e il Presidente della Regione per il patto di stabilità interno per gli anni 2016 e 2017.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

1) dichiara inammissibile la questione di legittimità costituzionale dell’art. 1 della legge della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste 11 dicembre 2015, n. 19, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione autonoma Valle d’Aosta (Legge finanziaria per gli anni 2016/2018). Modificazioni di leggi regionali», promossa dal Presidente del Consiglio dei ministri, in riferimento all’art. 119, secondo comma, all’art. 120, secondo comma, della Costituzione, in relazione alla tutela dell’unità economica della Repubblica, nonché all’art. 81, terzo comma, Cost.;

2) dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 1 della legge della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste n. 19 del 2015, promossa dal Presidente del Consiglio dei ministri, in riferimento all’art. 117, primo e terzo comma, Cost., in relazione ai vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario, e ai princìpi del coordinamento della finanza pubblica di cui all’art. 1, comma 454, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2013)».

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 7 febbraio 2017.

F.to:

Paolo GROSSI, Presidente

Giancarlo CORAGGIO, Redattore

Roberto MILANA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 30 marzo 2017.

Il Direttore della Cancelleria

F.to: Roberto MILANA

ORDINANZA N. 63 ANNO 2017

Corte Costituzionale Sentenze -

ORDINANZA N. 63 ANNO 2017
Ambiente - Norme della Regione Toscana - Disciplina delle fasi di autorizzazione provvisoria agli scarichi in acque superficiali di acque reflue urbane - Piano stralcio di programmazione degli interventi indifferibili ed urgenti relativi agli scarichi - Rilascio di autorizzazione provvisoria agli scarichi.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 febbraio 2017.

F.to:

Paolo GROSSI, Presidente

Franco MODUGNO, Redattore

Roberto MILANA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 30 marzo 2017.

Il Direttore della Cancelleria

F.to: Roberto MILANA

ORDINANZA N. 64 ANNO 2017

Corte Costituzionale Sentenze -

ORDINANZA N. 64 ANNO 2017
Esecuzione civile - Pignoramento presso terzi - Contestata dichiarazione [in specie, negativa] del terzo - Procedura di risoluzione introdotta dalla "legge di stabilità 2013" - Previsione che il giudice dell'esecuzione, compiuti i necessari accertamenti, risolve le contestazioni con ordinanza che produce effetti ai fini del procedimento in corso e dell'esecuzione fondata sul provvedimento di assegnazione e che è impugnabile nelle forme e nei termini dell'opposizione agli atti esecutivi [art. 617 c.p.c.].

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

ordina la restituzione degli atti al Giudice dell’esecuzione del Tribunale ordinario di Viterbo.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, l’8 marzo 2017.

F.to:

Paolo GROSSI, Presidente

Mario Rosario MORELLI, Redattore

Roberto MILANA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 30 marzo 2017.

Il Direttore della Cancelleria

F.to: Roberto MILANA

ORDINANZA N. 65 ANNO 2017

Corte Costituzionale Sentenze -

ORDINANZA N. 65 ANNO 2017
Ambiente - Norme in materia di gestione di risorse idriche - Organizzazione territoriale del servizio idrico integrato sulla base degli ambiti territoriali ottimali definiti dalle Regioni - Previsione che le Regioni che non hanno individuato gli enti di governo dell'ambito provvedono, con delibera, entro il termine perentorio del 31 dicembre 2014.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

riservata a separate pronunce la decisione delle altre questioni di legittimità costituzionale promosse con il ricorso in epigrafe;

dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il giorno 8 marzo 2017.

F.to:

Paolo GROSSI, Presidente

Daria de PRETIS, Redattore

Roberto MILANA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 30 marzo 2017.

Il Direttore della Cancelleria

F.to: Roberto MILANA

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 03/03/2017 Sentenza n.10515

AmbienteDiritto_Feed -

DANNO AMBIENTALE - Delitto di inquinamento ambientale - Deterioramento e compromissione - Scarico di reflui non depurati - Definizione di "danno ambientale" di cui all'art. 300, d.lgs. n. 152/2006 - ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Sanzioni - art. 452­bis e quater, cod. pen. - Art. 256 d.lgs. n. 152/2006 - Condotta "abusiva" - Assenza delle autorizzazioni - Autorizzazioni scadute o in violazione di leggi statali o regionali - Concetti di "compromissione" e "deterioramento" - Natura "abusiva" della condotta - Nesso causale tra violazioni - Attività causante ed evento - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione - Mancanza o manifesta illogicità della motivazione e travisamento della prova - Presupposti e limiti del sindacato di legittimità - Dato processuale/probatorio - Sequestro - Requisito della "concretezza" - Attualità del pericolo "concreto" di reiterazione del reato - Attributi distinti - Giudizio prognostico.

Autorità:  Categoria: 

TRIBUTARIO: Istanza di adesione valida se spedita entro i termini e anche se in busta chiusa.

Quotidiano Legale -

  L’istanza di accertamento con adesione è validamente presentata se spedita (e non anche ricevuta) entro i termini, e anche se spedita in busta chiusa.   Decisione: Sentenza n. 3335/2017 Cassazione Civile – Sezione V Classificazione: Tributario     Il caso. Una SRL presentava due istanze di accertamento con adesione, entrambe in busta chiusa, la […] Altri articoli d'interesse::
  1. TRIBUTARIO: Notifica della cartella esattoriale per imposte valida a mezzo posta senza apposita relata di notifica.
  2. TRIBUTARIO: Opposizione alla pretesa tributaria con termini scaduti per emendare la dichiarazione dei redditi.
  3. DIRITTO TRIBUTARIO: Le operazioni simulate possono essere penalmente rilevanti in ambito tributario.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 17/03/2017 Sentenza n.

AmbienteDiritto_Feed -

* DIRITTO ALIMENTARE - Sostanze alimentari - Detenzione per la vendita di alimenti - Cattivo stato di conservazione (pane) - Inosservanza di prescrizioni, leggi, regolamenti o atti amministrativi generali - Artt. 5, lett. b), e 6, L. n. 283/1962 - Insudiciamento degli alimenti (pane) - Elementi integratrici della fattispecie - Cattivo stato di conservazione e detenzione di alimenti insudiciati - Condotta alternativa - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Mestiere abusivo di panettiere - Apprezzamento unitario degli indizi - Verifica della confluenza verso un'univocità - Certezza logica dell'esistenza di un fatto - Prova diretta (o storica) - Libero convincimento del giudice.

Autorità:  Categoria: 

TAR TOSCANA - 23 marzo 2017

AmbienteDiritto_Feed -

* APPALTI – Provvedimento che determina ammissioni ed esclusioni ex art. 29, c. 1 d.lgs. n. 50/2016 – Omessa adozione – Impugnazione simultanea contro ammissione e aggiudicazione – Rito applicabile – Violazione del principio di rotazione – Legittimazione e interesse a sollevare la violazione – Concorrente partecipante alla gara – Sussistenza – Concessioni – Applicabilità del principio di rotazione – Fondamento – Art. 164 d.lgs. n. 50/2016 – Mancato rispetto del principio di rotazione – Rinnovo della procedura.

Autorità:  Categoria: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 22/03/2017 Sentenza n.

AmbienteDiritto_Feed -

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Sentenza di patteggiamento - Omessa irrogazione dell'ordine di demolizione di manufatto abusivo - Effetti del ricorso per cassazione - Art. 444 cod. proc. pen. - Art. 181 d.lgs. n. 42/2004 - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Reato paesaggistico - Opere abusive - Patteggiamento - Obbligo di disporre l'ordine di demolizione e rimessione in pristino - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Reato edilizio - Pronuncia della sentenza - Esclusione dell'ordine di demolizione del manufatto abusivamente realizzato se accertata l'avvenuta demolizione - Presupposti - Giurisprudenza.

Autorità:  Categoria: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 22/03/2017 Sentenza n.13887

AmbienteDiritto_Feed -

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Subordinazione della sospensione condizionale della pena alla demolizione dell'opera abusiva e ripristino dello stato dei luoghi - Applicazione - Legittimità - Artt. 44, lett. e), 93, 94 e 95 DPR n.380/01 - Art. 181 D.Lgs. n.42/04.

Autorità:  Categoria: 

IL REATO DI VIOLENZA SESSUALE (ANCHE DI GRUPPO) NEL CODICE PENALE E NELLA GIURISPRUDENZA

Quotidiano Legale -

IL REATO DI VIOLENZA SESSUALE (ANCHE DI GRUPPO) NEL CODICE PENALE E NELLA GIURISPRUDENZA ITALIANA E TEDESCA. Giulio La Barbiera.    La disciplina del reato di violenza sessuale è contenuta nell’articolo 609-bis c.p. (mentre la fattispecie criminosa della violenza sessuale di gruppo è disciplinata all’articolo 609-0cties del medesimo codice). Tale increscioso fenomeno criminoso si manifesta, […] Altri articoli d'interesse::
  1. Psicoterapeuta in posizione di supremazia: il sesso con la paziente compulsiva costituisce violenza sessuale
  2. E’ punibile l’adulto rimasto inerte o passivo in un rapporto sessuale con una minorenne
  3. Tutela del paesaggio: Reato ex art.181 D.L.vo n.42/2004 – natura di reato formale e di pericolo, effetti.