Brexit e tutela della proprietà intellettuale in Dogana.

Quotidiano Legale -

Brexit e tutela della proprietà intellettuale in Dogana di Tommaso Rossi   In data 4 giugno 2018 la Commissione Europea ha pubblicato un documento che analizza le conseguenze della Brexit sulle procedure doganali relative alla tutela dei diritti di proprietà intellettuale. La tutela della proprietà intellettuale in dogana da parte delle Autorità doganali è disciplinata […]

L'articolo Brexit e tutela della proprietà intellettuale in Dogana. proviene da Quotidiano Legale.

TAR TOSCANA - 17 luglio 2018

AmbienteDiritto_Feed -

* APPALTI - Raggruppamenti di imprese - Principio di necessaria corrispondenza tra quote di partecipazione e quote di esecuzione - E’ venuto meno - Volontà legislativa di privilegiare il dato sostanziale dell’effettivo possesso dei requisiti - Erronea ripartizione tra le imprese raggruppate - Soccorso istruttorio - Applicabilità - Soccorso istruttorio - Art. 83, c. 9 d.lgs. n. 50/2016 - Inapplicabilità agli elementi relativi all’offerta economica e all’offerta tecnica - Interpretazione.

Autorità:  Categoria: 

TAR TOSCANA - 17 luglio 2018

AmbienteDiritto_Feed -

* APPALTI - Falso innocuo - Nozione - Inapplicabilità alla materia degli appalti pubblici - Ragioni - Sentenze di applicazione della pena su richiesta - Dichiarazione di estinzione del reato - Decorso del tempo - Esonero dell’obbligo dichiarativo nelle procedura di affidamento di appalti pubblici - Presupposti - Art. 80, c. 3 d.lgs. n. 50/2016.

Autorità:  Categoria: 

SENTENZA N. 166 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

SENTENZA N. 166 ANNO 2018
Assistenza e solidarietà sociale - Fondo nazionale per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione - Stranieri immigrati - Requisiti minimi necessari per beneficiare dei contributi integrativi previsti - Previsione del possesso del certificato storico di residenza da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni nella medesima Regione.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 11, comma 13, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria), convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 20 giugno 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Marta CARTABIA, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 20 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

SENTENZA N. 167 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

SENTENZA N. 167 ANNO 2018
Porti e aeroporti - Fondo per i servizi antincendi negli aeroporti - Contributo a carico delle società di gestione degli aeroporti - Esclusione, con norma interpretativa, della natura tributaria dell'obbligazione.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 1, comma 478, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)».

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 3 luglio 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Giancarlo CORAGGIO, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 20 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

SENTENZA N. 168 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

SENTENZA N. 168 ANNO 2018
Comuni, Province e Città metropolitane - Norme della Regione Siciliana - Liberi Consorzi comunali e Città metropolitane - Elezione del Presidente del libero Consorzio comunale e del Consiglio del libero Consorzio comunale - Previsione che gli stessi sono eletti, contestualmente, a suffragio universale e diretto dai cittadini iscritti nelle liste elettorali dei Comuni del libero Consorzio - Previsione che il Consiglio del libero Consorzio comunale è composto dal Presidente e da diciotto o venticinque componenti a seconda del numero di abitanti residenti nei liberi Consorzi. Elezione del Sindaco metropolitano e del Consiglio metropolitano - Previsione che gli stessi sono eletti a suffragio universale e diretto dai cittadini iscritti nelle liste elettorali dei Comuni appartenenti alla Città metropolitana - Previsione che il Consiglio metropolitano è composto dal Sindaco metropolitano e da trenta o trentasei componenti a seconda del numero di abitanti residenti nelle Città metropolitane. Indennità di carica - Previsione che al Presidente del libero Consorzio comunale e al Sindaco metropolitano è attribuita una indennità pari a quella spettante al sindaco del Comune capoluogo del relativo libero Consorzio comunale o della relativa Città metropolitane. Disposizioni in materia di elezione diretta del Presidente del libero Consorzio comunale e del Consiglio del libero Consorzio comunale, nonché del Sindaco metropolitano e del Consiglio metropolitano - Abrogazioni e modifiche - Disciplina in materia di cessazione degli organi degli enti di area vasta e in materia di gestione commissariale di tali enti, nelle more dell'insediamento degli organi dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara l’illegittimità costituzionale degli artt. da 1 a 6 e 7, lettere b), c) ed e), della legge della Regione Siciliana 11 agosto 2017, n. 17 (Disposizioni in materia di elezione diretta del Presidente del libero Consorzio comunale e del Consiglio del libero Consorzio comunale nonché del Sindaco metropolitano e del Consiglio metropolitano).

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 4 luglio 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Mario Rosario MORELLI, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 20 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

SENTENZA N. 169 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

SENTENZA N. 169 ANNO 2018
Presidente della Repubblica - Giudizio di responsabilità per danno erariale nei confronti di alcuni dipendenti della Presidenza della Repubblica - Sentenza della Corte dei conti, sezione II giurisdizionale centrale d'appello, del 19 dicembre 2016, n. 1354 trasmessa dalla Procura regionale per il Lazio della Corte dei conti con nota del 22 marzo 2017 - Sentenza della Corte dei conti, sezione giurisdizionale per il Lazio, del 25 settembre 2012, n. 894.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

1) dichiara che non spettava alla Corte dei conti, con le due sentenze indicate in epigrafe, esercitare la giurisdizione sulla responsabilità amministrativo-contabile nei confronti di dipendenti della Presidenza della Repubblica, né spettava alla Procura regionale della Corte dei conti, con la nota indicata in epigrafe, dare istruzioni alla Presidenza della Repubblica in vista dell’esecuzione della sentenza contabile di grado di appello;

2) annulla, per l’effetto, la sentenza della Corte dei conti, sezione giurisdizionale regionale per il Lazio, 25 settembre 2012, n. 894, la sentenza della Corte dei conti, sezione II giurisdizionale centrale d’appello, 19 dicembre 2016, n. 1354 e la nota della Procura regionale per il Lazio della Corte dei conti del 22 marzo 2017, prot. n. 0005627-22/03/2017-PR_LAZ-T61-P.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 5 giugno 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Marta CARTABIA, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 20 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

SENTENZA N. 170 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

SENTENZA N. 170 ANNO 2018
Ordinamento giudiziario - Disciplina degli illeciti disciplinari dei magistrati - Configurazione quale illecito disciplinare dell'iscrizione o partecipazione sistematica e continuativa a partiti politici anche per i magistrati, fuori dal ruolo organico della magistratura, in quanto collocati in aspettativa per motivi elettorali.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 3, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 23 febbraio 2006, n. 109, recante «Disciplina degli illeciti disciplinari dei magistrati, delle relative sanzioni e della procedura per la loro applicabilità, nonché modifica della disciplina in tema di incompatibilità, dispensa dal servizio e trasferimento di ufficio dei magistrati, a norma dell’articolo 1, comma 1, lettera f), della legge 25 luglio 2005, n. 150», nel testo sostituito dall’art. 1, comma 3, lettera d), numero 2), della legge 24 ottobre 2006, n. 269 (Sospensione dell’efficacia nonché modifiche di disposizioni in tema di ordinamento giudiziario), sollevate, in riferimento agli artt. 2, 3, 18, 49 e 98 della Costituzione, dalla sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura, con l’ordinanza indicata in epigrafe.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 4 luglio 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Nicolò ZANON, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 20 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

SENTENZA N. 171 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

SENTENZA N. 171 ANNO 2018
Servizio civile universale - Programmazione e attuazione - Procedimento di predisposizione del Piano triennale e dei Piani annuali. Procedura di valutazione ed approvazione dei programmi di intervento. Previsione che i programmi, attuati dalle Regioni con risorse proprie, siano sottoposti ad approvazione della Presidenza del Consiglio dei ministri, ai fini della verifica del rispetto dei principi e delle finalità del servizio civile universale.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

riuniti i giudizi,

dichiara non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 4, comma 4, del decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40 (Istituzione e disciplina del servizio civile universale, a norma dell’art. 8 della legge 6 giugno 2016, n. 106), promosse dalla Regione Veneto, in riferimento agli artt. 117, terzo e quarto comma, e 120 della Costituzione, e, in connessione con l’art. 3, dalla Regione Lombardia, in riferimento agli artt. 114, primo comma, 117, 118, primo e terzo comma, e 120, secondo comma, Cost., e al principio di leale collaborazione, con i ricorsi indicati in epigrafe;

dichiara non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 5, comma 5, del d.lgs. n. 40 del 2017, promosse dalla Regione Veneto, in riferimento agli artt. 117, terzo e quarto comma, e 120 Cost., con il ricorso iscritto al n. 43 del registro ricorsi 2017;

dichiara non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 7, comma 1, lettera d), del d.lgs. n. 40 del 2017, promosse dalla Regione Veneto, in riferimento all’art. 119, primo comma, Cost., e dalla Regione Lombardia, in riferimento agli artt. 97, 117 e 119, primo comma, Cost., con i ricorsi indicati in epigrafe.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 4 luglio 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Giuliano AMATO, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 20 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

ORDINANZA N. 162 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

ORDINANZA N. 162 ANNO 2018
Sanità pubblica - Impiego pubblico - Delegazione legislativa - Norme in materia di dirigenza sanitaria in attuazione della delega di cui all'art. 11, comma 1, lett. p), legge n. 124 del 2015 - Elenco nazionale dei soggetti idonei alla nomina a direttore generale delle ASL, delle aziende ospedaliere e degli altri enti del Servizio sanitario nazionale. Conferimento degli incarichi di direttore generale. Conferimento degli incarichi di direttore generale delle aziende ospedaliero-universitarie. Abrogazione delle disposizioni del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, relative al conferimento degli incarichi di direttore generale delle ASL, delle aziende ospedaliero-universitarie e degli altri enti del servizio sanitario nazionale.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 9 maggio 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Marta CARTABIA, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 19 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

ORDINANZA N. 163 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

ORDINANZA N. 163 ANNO 2018
Trattati e convenzioni internazionali - Memorandum d'intesa sulla cooperazione nel campo dello sviluppo, del contrasto all'immigrazione illegale, al traffico di esseri umani, al contrabbando e sul rafforzamento della sicurezza delle frontiere tra lo Stato della Libia e la Repubblica italiana, firmato a Roma il 2 febbraio 2017.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

riuniti i giudizi,

dichiara inammissibili i ricorsi per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato, proposti da Giulio Marcon, Giuseppe Civati, Beatrice Brignone e Andrea Maestri, nella qualità di membri della Camera dei deputati nella XVII legislatura, nei confronti del Governo della Repubblica italiana, in persona del Presidente del Consiglio dei ministri.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 4 luglio 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Giuliano AMATO, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 19 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

ORDINANZA N. 164 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

ORDINANZA N. 164 ANNO 2018
Legge - Disciplina elettorale di cui alle leggi 21 dicembre 2005, n. 270, 6 maggio 2015, n. 52, e 3 novembre 2017, n. 165 - Ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato promosso da Lamberto Roberti, nella "duplice variante" di "elettore e soggetto politico" nei confronti della Camera dei deputati, del Senato della Repubblica e del Governo "nell'espressione della Presidenza del Consiglio, del Ministero dell'interno e della Giustizia amministrativa".

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara inammissibile il ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato indicato in epigrafe.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 4 luglio 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Augusto Antonio BARBERA, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 19 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

ORDINANZA N. 165 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

ORDINANZA N. 165 ANNO 2018
Comuni, Province e Città metropolitane - Variazioni territoriali - Comune di Venezia - Deliberazione della Giunta regionale della Regione Veneto del 13 marzo 2018, recante "Indizione referendum consultivo sul progetto di legge n. 8 di iniziativa popolare relativo a «Suddivisione del comune di Venezia nei due comuni autonomi di Venezia e Mestre». Indizione della consultazione referendaria per domenica 30 settembre 2018 e approvazione del quesito referendario".

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 17 luglio 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Mario Rosario MORELLI, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 19 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/07/2018, Sentenza n.

AmbienteDiritto_Feed -

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Ordine di demolizione delle opere e rimessione in pristino dello stato dei luoghi a spese del condannato - Effetti della declaratoria di estinzione del reato per prescrizione -  Artt. 44, 65, 71, 72, 83 e 95 d.P.R. n. 380/2001 - Lavori abusivamente realizzati in zona sottoposta a vincolo paesaggistico - Sussistenza del delitto di cui all'art. 181, comma 1-bis, d.lgs. n. 42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Denuncia di violazioni di legge non dedotte con i motivi di appello - Questioni rilevabili di ufficio in ogni stato e grado del giudizio o che non sarebbe stato possibile dedurre in precedenza.

Autorità:  Categoria: 

RIORDINO DELLE FUNZIONI DI GOVERNO.

Quotidiano Legale -

RIORDINO DELLE FUNZIONI DI GOVERNO Disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni dei Ministeri dei beni e delle attività culturali e del turismo, delle politiche agricole alimentari e forestali e dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonché in materia di famiglia e disabilità (decreto legge) Il Consiglio dei ministri ha approvato […]

L'articolo RIORDINO DELLE FUNZIONI DI GOVERNO. proviene da Quotidiano Legale.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/07/2018, Sentenza n.30062

AmbienteDiritto_Feed -

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Omessa denuncia degli atti di atti traslativi aventi ad oggetto un cd "bene culturale" - Inadempimento all'obbligo di agire - Scadenza del termine - Natura di reato omissivo proprio permanente - Artt. 13, 14, 59, 173, 174 e 178 d. lgs. n. 42/2004 - Mancata denuncia degli atti di atti traslativi di beni protetti - Persistente condotta volontaria del soggetto attivo - Adempimento tardivo dell'atto - Effetti - Cessazione della permanenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Decreto di sequestro probatorio - Durata e rapporto di proporzionalità fra mezzo impiegato (spossessamento del bene) e fine endoprocessuale perseguito (accertamento del fatto reato).

Autorità:  Categoria: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 13/07/2018, Sentenza n.

AmbienteDiritto_Feed -

* PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Reato di abuso d'ufficio - Responsabile dell'Ufficio Tecnico - Art. 323 c.p. - Violazione dell'art. 31 del d.P.R. 380/2001 - Modifica del piano particolareggiato - Carenza probatoria relativa al dolo specifico del reato - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ordinanza di demolizione emessa dal Comune ineseguita - Attivazione delle procedure di demolizione - Gare andate deserte per mancanza di offerenti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione sulla motivazione della sentenza di non luogo a procedere - Valutazione di effettiva consistenza del materiale probatorio posto a fondamento dell'accusa da parte del G.U.P. - Prova della colpevolezza e impossibilità di sostenere l'accusa in giudizio - Prognosi dell'inutilità del dibattimento in ordine alla completabilità degli atti di indagine sulla prova positiva dell'innocenza o mancanza di prova della colpevolezza - Giurisprudenza.

Autorità:  Categoria: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/07/2018, Sentenza n.

AmbienteDiritto_Feed -

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere abusive e presenza di una causa di estinzione del reato - Fattispecie: reati edilizi estinti per prescrizione e revoca dell'ordine di demolizione - Artt. 44 lett. b) dpr n. 380/2001 (capo a), 71 d.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Notificazione all'imputato del decreto di citazione in appello eseguita presso il difensore d'ufficio - Omessa notificazione del decreto di citazione per il giudizio di appello al difensore di fiducia - Nullità d'ordine generale insanabile.

Autorità:  Categoria: 

SENTENZA N. 159 ANNO 2018

Corte Costituzionale Sentenze -

SENTENZA N. 159 ANNO 2018
Sanità pubblica - Norme della Regione Siciliana - Norme urgenti per le procedure di nomina nel settore sanitario regionale - Incarichi di direttore generale delle Aziende sanitarie provinciali, delle Aziende ospedaliere e delle Aziende ospedaliere universitarie della Regione - Previsione della conferma, sino alla naturale scadenza degli incarichi attualmente vigenti, nelle more della modifica legislativa a seguito della sentenza n. 251 del 2016 della Corte Costituzionale - Divieto di procedere a nuove nomine - Previsione della nomina di commissario ai sensi dell'art. 3-bis del decreto legislativo n. 502 del 1992, ove non ricorra l'incarico ordinario.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 3 della legge della Regione Siciliana 1° marzo 2017, n. 4 (Proroga dell’esercizio provvisorio per l’anno 2017 e istituzione del Fondo regionale per la disabilità. Norme urgenti per le procedure di nomina nel settore sanitario regionale).

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 maggio 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Marta CARTABIA, Redattore

Filomena PERRONE, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 17 luglio 2018.

Il Cancelliere

F.to: Filomena PERRONE