CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 1^, 31 maggio 2018 Sentenza C-251/17

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO – Raccolta e trattamento delle acque reflue urbane – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Mancata esecuzione della Sentenza della Corte che constata un inadempimento – Articolo 260, paragrafo 2, TFUE – Sanzioni pecuniarie – Penalità e somma forfettaria - Inadempimento di uno Stato (Italia) – Articoli 3, 4 e 10 Direttiva 91/271/CEE.  

Categoria: 

Autorità: 

TRIBUNALE UE Sez.5^ 08/05/2018 Sentenza T-283/15

RIFIUTI - REACH – Pericoli e rischi derivanti da prodotti chimici - Valutazione dei fascicoli – Controllo della conformità delle registrazioni – Controllo delle informazioni comunicate ed esito della valutazione dei fascicoli – Dichiarazione di non conformità – Competenza del Tribunale – Ricorso di annullamento – Atto impugnabile – Pregiudizio diretto e individuale – Ricevibilità – Base giuridica – Articoli 41, 42 e 126 del regolamento (CE) n. 1907/2006 - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Atti con produzione di effetti giuridici vincolanti - Impugnazione dell'atto – Ricorso di annullamento – Pregiudizio diretto e individuale – Ricevibilità - Criteri di valutazione del contenuto dell’atto impugnato - Giurisprudenza EU. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 07/05/2018, Sentenza n.19692

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Proprietà statale delle cose d'interesse archeologico - Presunzione di proprietà pubblica - Onere della prova - Dominio privato sugli stessi oggetti - Eccezione e presupposti -  Artt. 81, 110 cod. pen. e 174 d.lgs. n. 42/2004 - L n. 364/1909, Regio decreto n. 363/1913, L. n. 1089/1939, artt. 826, c.2, 828 e 832 cod. civ.- Reato di esportazione abusiva di beni culturali - Confisca obbligatoria anche in ipotesi di proscioglimento - Presupposti - Provvedimento ablatorio ex art. 174 d.lgs. n. 42/2004 - Persona estranea al reato -  Eccezione - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Beni di interesse storico e artistico oggetto di illecito trasferimento all'estero - Beni appartenenti al patrimonio indisponibile dello Stato - Confisca obbligatoria anche se il privato non è responsabile dell'illecito o comunque non ha riportato condanna - Natura di misura recuperatoria di carattere amministrativo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 05/04/2018, Sentenza n.15126

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Sequestro preventivo e confisca - Causa di estinzione del reato - Effetti e doveri del giudice del dibattimento - Trasformazione e alterazione di terreni agricoli sia in via cartolare che esecutiva mediante un piano di lottizzazione illegittimo - Articoli 321 del codice di procedura penale e 44, secondo comma, lettera c), d.p.r. 380/2001 - Confisca urbanistica e legittimità costituzionale - Sanzione di carattere amministrativo - Conformità e interpretazione della sentenza della Corte EDU nel caso Varvara - Accertamento di responsabilità - Sussistenza della lottizzazione abusiva - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - DIRITTO PROCESSUALE AMMINISTRATIVO - Confisca urbanistica - Sanzione amministrativa - Articolo 129 del codice di procedura penale - Causa di non punibilità - Limiti - Accertamento dell'insussistenza della lottizzazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. Un. 13/03/2018 Sentenza causa C-384/16 P

AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Prodotti fitosanitari - Immissione in commercio dei prodotti fitosanitari - Istituzione di un elenco di sostanze candidate alla sostituzione - Inserimento in tale elenco della sostanza “composti di rame” - Ricorso di annullamento - Atto regolamentare che non comporta alcuna misura di esecuzione - Nozione - Persona individualmente interessata - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALEASSOCIAZIONI - Difesa degli interessi collettivi dei produttori - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Impugnazione - Regolamento di esecuzione (UE) 2015/408 - Requisiti di ricevibilità - Articolo 263, c.4, TFUE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 3^ 22/02/2018 Sentenza causa C-336/16

INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Concentrazioni di particelle PM10 nell’aria ambiente - Superamento dei valori limite in alcune zone e agglomerati - Art. 23, par.1 - Piani per la qualità dell’aria - Periodo di superamento “più breve possibile” - Assenza di azioni appropriate nei programmi di protezione della qualità dell’aria ambiente - Inadempimento di uno Stato (Polonia) - Direttiva 2008/50/CE - Qualità dell’aria ambiente - Art.13, par. 1 - Art. 22, par.3 - Allegato XI -  Trasposizione scorretta -  Ricorso per inadempimento, ai sensi dell’articolo 258 TFUE - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Trasposizione in diritto interno di una direttiva - Criteri - Contesto giuridico generale che garantisca la piena applicazione di tale direttiva in modo sufficientemente chiaro e preciso.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 3^ 22/02/2018 Sentenza causa C-328/16

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Trattamento delle acque reflue urbane - Direttiva 91/271/CEE - Sentenza della Corte che accerta un inadempimento – Mancata esecuzione – Sanzioni pecuniarie – Somma forfettaria – Penalità - Inadempimento di uno Stato (Grecia) - TUTELA DEI CONSUMATORI - Infrazioni al diritto dell’Unione - Incidenza sulla salute umana e sull’ambiente - Reiterazione di infrazioni da parte di uno Stato membro - Effetti - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Condanna al pagamento di una somma forfettaria e determinazione dell’importo - Criteri specifici - Complesso degli elementi rilevanti - Caratteristiche dell’inadempimento - Potere discrezionale nel decidere in merito - Articolo 260, paragrafo 2, TFUE - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 1^ 29/12/2017, Sentenza n.58023

RIFIUTI - Sversamento dei rifiuti pericolosi sui terreni agricoli - Bonifica dei siti - Concetto di danno ambientale - Disastro ambientale - Ecodelitti - Rapporti tra disastro ambientale e disastro innominato - Clausola di riserva - Smaltimento dei rifiuti provenienti da impianti di depurazione - Manipolazione dei codici CER da rifiuti inquinanti a prodotti fertilizzante - Idrocarburi e sostanze cancerogene - Principio di cautela - Artt. 434, 452 quater, 452 octies, cod. pen. - L. n.68/2015 - Art. 239 d. lgs 152/2006 - INQUINAMENTO DEL SUOLO - DANNO AMBIENTALE - Differenza tra inquinamento ambientale e disastro innominato - Grado di tutela del bene protetto e progressività nell'offesa - Disastri dolosi - Delitti contro la pubblica incolumità - Reato di pericolo e aggravamento di pena - Art. 434 codice penale - Fattispecie: contaminazione di siti agricoli realizzata con regressivo accumulo di sostanze anche pericolose nell'ambiente - CODICE DELL'AMBIENTE - Disastro ambientale e configurabilità dell'art. 434 cod. pen. - Disastro innominato reato di pericolo a consumazione anticipata - Casi di inquinamento e contaminazione progressivi - Giurisprudenza - Ecodelitti: disastro ambientale - La tutela della incolumità pubblica nei reati cd. vaganti - Gestione e sversamento in ambiente di rifiuti illegalmente trattati - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Fatto punibile e successione di leggi penali - Operatività e limiti - Giudizio di appello a seguito dell'impugnazione del solo pubblico ministero - Condannai dell'imputato assolto nel giudizio di primo grado - Conseguenze sulla domanda della parte civile - Vizio di motivazione - Carenza argomentativa della sentenza - Elementi trascurati o disattesi con carattere di decisività - Diversità del fatto - Variazione dei contenuti essenziali dell'addebito nei confronti dell'imputato - Diritto di difesa - Concessione o del diniego delle circostanze attenuanti generiche - Elementi valutabili - Art. 133 cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Escussione testimoniale l'art 6 CEDU si applica anche al giudizio d'appello - Giurisprudenza Corte Edu.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.4^ 20/12/2017 Sentenza C-677/15 P

APPALTI – Appalti pubblici di servizi - Impugnazione – Prestazione di servizi esterni per la gestione di programmi e progetti nonché per la consulenza tecnica nel settore delle tecnologie dell’informazione – Procedura a cascata – Ponderazione dei sottocriteri nell’ambito dei criteri di aggiudicazione – Principi di pari opportunità e di trasparenza – Errori manifesti di valutazione – Vizi di motivazione – Perdita di un’opportunità – Responsabilità extracontrattuale dell’Unione europea – Domanda di risarcimento - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Appalti - Candidatura o offerta non accettata - Comunicazione dei motivi - Sintesi minuziosa - Esclusione - Amministrazione aggiudicatrice - Copia completa della relazione di valutazione - Limiti - Regolamento finanziario. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.4^ 20/12/2017 Sentenza C-664/15

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO – Ambiente  - Obblighi di impedire il deterioramento dello stato dei corpi idrici - Promozione della partecipazione attiva di tutte le parti interessate all’attuazione della direttiva – Convenzione di Aarhus – Partecipazione del pubblico al processo decisionale e accesso alla giustizia in materia ambientale – ASSOCIAZIONI E COMITATI - Organizzazioni per la tutela dell’ambiente e diritto di partecipazione e impugnazione - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Politica dell’Unione europea in materia di acque – Articolo 47 Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea – Diritto a una tutela giurisdizionale effettiva – Progetto che può avere un impatto sullo stato delle acque – Procedimento amministrativo di autorizzazione – Organizzazione per la tutela dell’ambiente – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Domanda diretta a ottenere la qualità di parte nel procedimento amministrativo – Possibilità di far valere diritti conferiti dalla Direttiva 2000/60/CE – Perdita della qualità di parte nel procedimento e del diritto di ricorso nel caso in cui tali diritti non siano stati fatti valere in tempo utile nel corso del procedimento amministrativo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.5^ 19/10/2017 Sentenza C-198/16 P

APPALTI - Appalto pubblico di servizi – Nozione di «offerta anormalmente bassa» - Assistenza tecnica operativa volta a costituire e a gestire un meccanismo di rete per l’attuazione del partenariato europeo per l’innovazione “Produttività e sostenibilità dell’agricoltura” – Rigetto dell’offerta di un concorrente – Offerta anormalmente bassa – Procedimento contraddittorio - Impugnazione – Responsabilità extracontrattuale dell’Unione - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Snaturamento degli elementi di prova da parte del Tribunale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.5^ 13/09/2017 Sentenza C-350/16 P

DIRITTO DELLA PESCA - Divieto della pesca del tonno rosso - Politica comune della pesca – Principio di parità di trattamento - Misure di emergenza adottate dalla Commissione europea – Violazione sufficientemente qualificata di una norma giuridica – Possibilità di invocare tale violazione – Principio di non discriminazione – Autorità di cosa giudicata - Impugnazione - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Responsabilità extracontrattuale dell’Unione europea – Domanda di risarcimento – Regolamento (CE) n. 530/2008 - Presupposti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/08/2017, Sentenza n.39078

INQUINAMENTO DEL SUOLO - Sversamento di reflui fognari non depurati - Inquinamento ambientale - Corpo idrico recettore - Compromissione dell'habitat naturalistico o deterioramento dell'ambiente - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Odori molesti provenienti dal depuratore - Adeguamento tecnologico e strutturale dell'intero ciclo di depurazione - DANNO AMBIENTALE - Rilevante e misurabile - Artt. 137 e 300 d. Lgs. n.152/06 - Artt. 452 bis e 674 c.p. - Esalazioni nauseabonde - Presenza di moltissimi insetti e zanzare - Adeguamento tecnologico e strutturale dell'intero ciclo di depurazione - Getto pericoloso di cose di cui all'art. 674 c.p. - Concorso con i reati ambientali - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ordinanze in materia di sequestro preventivo o probatorio - Ricorso per cassazione - Presupposti e limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 27/07/2017 Ordinanza n.37460

RIFIUTI - Gestione rifiuti - Classificazione - Produttore - Codici CER - Voci specchio - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia UE - Art. 267 del T.F.U.E. - Pericolosità del rifiuto - Principio di precauzione - Principio ed a criteri di ragionevolezza - CODICE DELL'AMBIENTE - Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti - Artt. 183, 184, 260 d.lgs. n.152/2006 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - APPALTI - Frode nelle pubbliche forniture - Truffa in danno di ente pubblico - Illeciti amministrativi - artt. 81, 356, 640 cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. Un. 18/07/2017 Sentenza C-213/15 P

DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO – Accesso ai documenti delle istituzioni – Ambito di applicazione – Domanda di accesso alle memorie depositate dalla Repubblica d’Austria nell’ambito della causa oggetto della sentenza del 29/07/2010, Commissione/Austria (C-189/09, non pubblicata, EU:C:2010:455) – Uso inappropriato degli atti di causa - Documenti detenuti dalla Commissione europea – Tutela delle procedure giurisdizionali - Impugnazione – Art. 15, par.3, TFUE – Reg. n.1049/2001/CE - Fattispecie: pubblicazione in Internet delle memorie relative a un procedimento in assenza di autorizzazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 20/06/2017 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Immobile abusivamente costruito - Ordine giudiziale di demolizione - Revoca - Presupposti e limiti - Giurisprudenza - Interessi pubblici prevalenti sugli interessi urbanistici - Art. 31, c.3 e 5, D.P.R. n. 380/2001 - Reati edilizi - Ordine di demolizione delle opere abusive - Richiesta di revoca o di sospensione - Istanza di condono o sanatoria successiva al passaggio in giudicato della sentenza di condanna - PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO - Elementi esaminabili e conclusione - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Natura amministrativa della demolizione - Esplicazione di un potere autonomo e non alternativo a quello dell'autorità amministrativa - Prescrizione - Limiti - Sanzione "ripristinatoria" - Efficacia anche nei confronti dell'erede o dante causa del condannato o di chiunque vanti su di esso un diritto reale o personale di godimento - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'Uomo e delle libertà fondamentali - Giurisprudenza della Corte EDU.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 20/06/2017 Sentenza n.

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ordine giudiziale di demolizione - Mancata notifica agli altri eredi o al comproprietario - Nullità - Esclusione - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Reati concernenti violazioni edilizie e giurisprudenza della Corte EDU - Ordine di demolizione del manufatto abusivo - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio - Mancanza di un termine di prescrizione dell'ordine di demolizione - Ininfluenza - Manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale - Artt. 3 e 117 Cost., dell'art. 31 del d.P.R. n. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Compatibilità dell'ordine di demolizione e del sequestro con la condanna penale - Ordine eseguito dopo la cessione a terzi del manufatto abusivo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.1^ 01/06/2017 Sentenza n.

* DANNO AMBIENTALE - Responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale - Verifiche del giudice del rinvio - Natura del danno idoneo - Ipotesi di autorizzazione rilasciata in applicazione di disposizioni nazionali - ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO – Responsabilità ambientale – Gestione di una centrale idroelettrica messa in funzione anteriormente alla scadenza del termine di trasposizione della direttiva – Ricorso alle vie legali in materia di diritto dell’ambiente – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Legittimazione ad agire – Direttiva 2000/60/CE – Direttiva 2004/35/CE – Nozione di “danno ambientale” – Normativa nazionale che esclude il danno in presenza di autorizzazione – Rinvio pregiudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 30/05/2017 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere abusivamente realizzate - Ordini di demolizione e di riduzione in pristino - Atto dovuto - Natura di sanzione amministrativa di tipo ablatorio - Patteggiamento ex art.444 cod.proc.pen. - Irrilevanza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ordine di demolizione - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio priva di finalità punitiva - Insuscettibile di estinzione per decorso del tempo - Esigenze di ripristino dell'assetto urbanistico violato - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Nozione convenzionale di "pena" elaborata dalla giurisprudenza CEDU - Mancata previsione di un termine di prescrizione dell'ordine di demolizione - Ininfluenza - Artt. 444 e 445 comma 2 c.p.p. - Artt.172, 173 cod.pen. - Artt. 3 e 117 Cost.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 30/05/2017 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ordini di demolizione e di riduzione in pristino - Mera presentazione di un'istanza di condono - Verifiche del G.E. - Incompatibilità degli ordini in questione con atti amministrativi - Opere abusivamente realizzate - Ordini di demolizione e di riduzione in pristino - Atto dovuto - Natura di sanzione amministrativa di tipo ablatorio - Patteggiamento ex art.444 cod.proc.pen. - Irrilevanza - Artt.31, c.9, e 44 d.P.R. n.380/2001 - Ordine di demolizione - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio priva di finalità punitiva - Insuscettibile di estinzione per decorso del tempo - Esigenze di ripristino dell'assetto urbanistico violato - Nozione convenzionale di "pena" elaborata dalla giurisprudenza CEDU - Mancata previsione di un termine di prescrizione dell'ordine di demolizione - Ininfluenza - Artt. 444 e 445 comma 2 c.p.p. - Artt.172, 173 cod.pen. - Artt. 3 e 117 Cost.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.6^ 17/05/2017 Sentenza C-337/16 P

DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Impugnazione – Decisione di esecuzione della Commissione europea – Notificazione al destinatario – Successiva rettifica del formato di stampa dell’allegato – Pubblicazione della decisione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea – Termine di ricorso – Dies a quo – Tardività – Irricevibilità – FEAGA e FEASR.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 23/02/2017 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ordine di demolizione impartito dal giudice - Sentenza di condanna - Presupposti per la revoca - Incompatibilità con atti amministrativi della competente autorità - Diversa destinazione dell'immobile o sanatoria dell'abuso - Potere-dovere del giudice dell'esecuzione di verificare la legittimità dell'atto concessorio - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Reati urbanistici-edilizi - Ordine di demolizione di un immobile abusivo - Diritto "assoluto" alla inviolabilità del domicilio - Esclusione - Giurisprudenza CEDU.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.4^ 19/01/2017 Sentenza C-282/15

DIRITTO DEGLI ALIMENTI – Libera circolazione delle merci – Sicurezza alimentare – Principio di precauzione – Articoli da 34 a 36 TFUE – Situazione puramente interna – Normativa di uno Stato membro che vieta la produzione e l’immissione in commercio di integratori alimentari contenenti amminoacidi – Situazione in cui una deroga temporanea a tale divieto rientra nel potere discrezionale dell’autorità nazionale - Rinvio pregiudiziale - Regolamento (CE) n. 178/2002 – Principio di analisi del rischio – Regolamento (CE) n. 1925/2006 - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - TUTELA DEI CONSUMATORI - Principio di precauzione - Probabilità di un danno reale per la salute - Adozione di misure restrittive - Livello elevato di tutela della salute - Principio di proporzionalità - GIURISPRUDENZA UE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.6^ 12/01/2017 Ordinanza C-280/16 P

FAUNA E FLORA - AGRICOLTURA – Misure per impedire l’introduzione e la diffusione nell’Unione della Xylella fastidiosa (Wells e Raju) - Protezione sanitaria dei vegetali – Protezione contro l’introduzione e la diffusione nell’Unione europea di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali – Decisione di esecuzione (UE) 2015/789 – Confini esatti della «zona delimitata», la quale comprende la «zona infetta» e la «zona cuscinetto» - Trattamenti fitosanitari e/o rimozione di piante - Perdita della certificazione biologica - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Ricevibilità di un ricorso proposto da una persona fisica o giuridica contro un atto di cui non è destinataria - Legittimazione ad agire - Ricorso di annullamento – Articolo 263, quarto comma, TFUE – Atto regolamentare – Misure di esecuzione – Persona sulla quale l’atto incide individualmente - Impugnazione – Articolo 181 del regolamento di procedura della Corte – Direttiva 2000/29/CE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 05/12/2016 Sentenza n.51709

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ordine di demolizione e rimessione in pristino dello stato dei luoghi - Ingiustificata inottemperanza - Conseguenze - Automatica acquisizione gratuita al patrimonio comunale dell'opera e dell'area pertinente - Notifica all'interessato dell'accertamento formale dell'inottemperanza - Effetti - Effetto ablatorio si verifica ope legis - Scadenza del termine per la demolizione - Artt. 31, 44, d.P.R. n. 380/2001 - Ordine di demolizione imposto con sentenza - Istanza di condono o sanatoria successiva al passaggio in giudicato della sentenza di condanna - Effetti - Esecuzione sospensione o revoca - Verifiche obbligatorie del Giudice dell'esecuzione - Pena emessa ai sensi dell'art. 444 cod. proc. pen. (cd. patteggiamento) - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio - Ordine di demolizione emesso dal Giudice - Natura di provvedimento accessorio rispetto alla condanna principale - Potere sanzionatorio autonomo rispetto a quelli dell'autorità amministrativa - Non costituisce bis in idem - Necessità di coordinamento in sede esecutiva - Ordine di demolizione dell'immobile abusivo - Prescindendo del tutto dall'individuazione di responsabilità soggettive - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Differenza tra demolizione e confisca - Diritto europeo CEDU, giurisprudenza EU e diritto italiano - Funzione e collocamento dell'intervento del giudice penale - Effetti su terzi estranei al reato.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.6^ 24/11/2016 sentenza C-645/15

VALUTAZIONE IMPATTO AMBIENTALE -  Valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati – Progetto sottoposto alla valutazione – Accordo europeo sulle grandi strade a traffico internazionale (AGR) - Rinvio pregiudiziale – Allegato I, punto 7 Direttiva 2011/92/UE - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Nozione di «costruzione» - Realizzazione di opere prima inesistenti o modifica di opere preesistenti - Caratteristiche dell’opera - Fattispecie: Ampliamento di una strada a quattro corsie su una lunghezza di meno di 10 km - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Competenza giudice del rinvio.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.5^ 23/11/2016 sentenza C-442/14

 INQUINAMENTO ATMOSFERICO - AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Tutela dell'ambiente – Convenzione di Aarhus – Immissione in commercio di prodotti fitosanitari e biocidi – Accesso del pubblico all’informazione – Nozione di “informazioni sulle emissioni nell’ambiente” –  Riservatezza – Tutela degli interessi industriali e commerciali Rinvio pregiudiziale – Limiti - Art.4 par.2 Direttiva 2003/4/CE – Direttiva 91/414/CEE – Direttiva 98/8/CE – Regolamento (CE) n. 1107/2009 - Nozione di «emissioni nell’ambiente» - Prodotti fitosanitari o biocidi - Disposizione per il rilascio di prodotti o sostanze nell’ambiente - Controlli - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Pesticidi - Richiesta di accesso a informazioni sulle emissioni nell’ambiente - Poteri del giudice.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.4^ 10/11/2016 sentenza C-504/14

FAUNA E FLORA – Conservazione degli habitat naturali – Tartaruga marina Caretta caretta - Tutela della natura – Fauna e flora selvatiche – Tutela delle tartarughe di mare nella baia di Kyparissia – Sito di importanza comunitaria “Dune di Kyparissia” –  Direttiva 92/43/CEE – Articolo 6, paragrafi 2 e 3, e articolo 12, paragrafo 1, lettere b) e d) - Tutela delle specie e rilascio di concessioni per case - Inadempimento di uno Stato - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Misure concrete necessarie. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.Un. 08/11/2016 sentenza C-243/15

FAUNA E FLORA - Ambiente – Conservazione degli habitat naturali – CONVENZIONE DI AARHUSPUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Partecipazione del pubblico ai processi decisionali e accesso alla giustizia in materia ambientale – Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Diritto ad una tutela giurisdizionale effettiva – Progetto di costruzione di una recinzione – Sito protetto di Strážovské vrchy – Procedimento amministrativo di autorizzazione – Organizzazione per la tutela dell’ambiente – Domanda diretta a ottenere la qualità di parte nel procedimento – Rigetto – Ricorso giurisdizionale - Rinvio pregiudiziale – Direttiva 92/43/CEE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.2^ 27/10/2016

* ENERGIA – RUMORE - VIA - Valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente – Presupposti per l’installazione degli impianti eolici, fissati con decreto regolamentare – Nozione di “piani e programmi” – SICUREZZA SUL LAVORO - Disposizioni riguardanti in particolare misure di sicurezza, di controllo, di ripristino e di salvaguardia, nonché norme relative al livello acustico, definite in considerazione della destinazione delle zone - Rinvio pregiudiziale – Artt. 2, lett. a), e 3, par. 2, lett.a) Direttiva 2001/42/CE - Convenzione di Aarhus.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.6^ 26/10/2016 sentenza C-506/14

ARIA – Sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nell’Unione europea – Metodo di assegnazione gratuita delle quote – Modalità di calcolo del fattore di correzione transettoriale uniforme – Validità – Applicazione del fattore di correzione transettoriale uniforme agli impianti dei settori esposti a rischio elevato di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio – Determinazione del parametro di riferimento di prodotto per la ghisa liquida – Decisione 2011/278/UE – Articolo 10, paragrafo 9 – Allegato I – Validità - Rinvio pregiudiziale – Direttiva 2003/87/CE – Decisione 2013/448/UE - GIURISPRUDENZA UE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 04/10/2016 Sentenza n.

 * DIRITTO URBANISTICO - Reati concernenti violazioni edilizie - Ordine di demolizione - Applicabilità della disciplina sulla prescrizione - Esclusione - Artt. 27, 31, 44 d.P.R. n.380/2001 T.U.E. - Ordine 'giudiziale' di demolizione - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio - Revocabilità - Effetti della sentenza di applicazione della pena su richiesta (patteggiamento) - Irrevocabilità della sentenza - Finalità ripristinatoria dell'assetto del territorio - Diversa natura e finalità delle pene principali - Applicazione analogica della norma sulla prescrizione - Esclusione - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Abuso edilizio - Legittimità 'convenzionale' della demolizione - Convenzione e.d.u. - Diritto alla abitazione e protezione della proprietà - Presupposti e limiti - Giurisprudenza CE - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Natura della sanzione amministrativa 'ripristinatoria' della demolizione - Focus giurisprudenziale - Esclusione dell'estinzione della sanzione per il decorso del tempo - Giurisprudenza di legittimità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 04/10/2016 Sentenza n.41498

DIRITTO URBANISTICO - BENI CULTURALI E AMBIENTALI - Reati edilizi e diritto comunitario - Ordine di demolizione e diritto "assoluto" alla inviolabilità del domicilio - Disciplina la c.d. demolizione d'ufficio - Giurisprudenza CEDU - Artt. 27, 29, 31, 36, 44,lett. b) e e), d.P.R. 380/2001 - Art. 181, comma 2, d.lgs. 42/2004 - Ordine di demolizione di un immobile abusivo - Autonoma funzione ripristinatoria del bene giuridico leso - Obbligo di fare - Tutela del territorio - Esclusione della prescrizione stabilita dall'art. 173 cod. pen. - Ordine 'giudiziale' di demolizione - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio - Revocabilità - Effetti della sentenza di applicazione della pena su richiesta (patteggiamento) - Irrevocabilità della sentenza - Competenza del P.M. ad eseguire l'ordine di demolizione - Finalità ripristinatoria dell'assetto del territorio - Diversa natura e finalità delle pene principali - Applicazione analogica della norma sulla prescrizione - Esclusione - Trasferimenti di proprietà del bene da demolire - Competenza del P.M. - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - C.d. demolizione d'ufficio - A prescindere dall'individuazione di responsabili - Finalità esclusivamente ripristinatoria dell'originario assetto del territorio - Differenza tra art. 27 e 31 d.P.R. 380/2001 - Acquisizione dell'opera abusiva al patrimonio del Comune e demolizione 'in danno', a spese dei responsabili dell'abuso - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Reati edilizi - Opere abusive - Richiesta di revoca o di sospensione dell'ordine di demolizione - Istanza di condono o sanatoria successiva al passaggio in giudicato della sentenza di condanna - Poteri e verifiche del giudice dell'esecuzione - Potere autonomo e non alternativo al quello dell'autorità amministrativa - Esclusione dell'estinzione della sanzione per il decorso del tempo o per la prescrizione quinquennale - Giurisprudenza - Ricorso per cassazione - Casi d'inammissibilità - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Forme di "normazione mascherata" e c.d. "sentenze gemelle" - Questione di legittimità costituzionale e diritto CEDU quale parametro interposto di legittimità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 29/09/2016 Sentenza n.40675

DIRITTO URBANISTICO - Ordine di demolizione - Estinzione per morte del reo sopravvenuta alla irrevocabilità della sentenza - Esclusione - Trasmissione agli eredi - Artt. 31 c.9, 44 lett. e), d.P.R. n. 380/2001 - URBANISTICA - EDILIZIA - Natura amministrativa dell'ordine di demolizione del manufatto abusivo - Giurisprudenza della Corte EDU - Differenza tra demolizione e confisca - Demolizione ordinata dal giudice penale - Natura di atto dovuto autonomo - Potere che si pone a chiusura del sistema sanzionatorio amministrativo - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.1^ 28 luglio 2016 sentenza C-379/15

DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - AREE PROTETTE - Valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente – Atto nazionale incompatibile con il diritto dell’Unione – Conseguenze giuridiche – Potere del giudice nazionale di mantenere provvisoriamente taluni effetti di tale atto – Art. 267, 3° c. TFUE - Direttiva 2001/42/CE - Tutela dell’ambiente - Decisioni del giudice nazionale e diritto dell’Unione - Obbligo di adire la Corte in via pregiudiziale - Rinvio pregiudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.3^ 28 luglio 2016 sentenza C-191/15

TUTELA DEI CONSUMATORI - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO -  Rinvio pregiudiziale – Cooperazione giudiziaria in materia civile – Regolamenti (CE) n. 864/2007 e (CE) n. 593/2008 – Tutela dei consumatori – Direttiva 93/13/CEE – Tutela dei dati – Direttiva 95/46/CE – Contratti di vendita on line stipulati con consumatori residenti in altri Stati membri – Clausole abusive – Condizioni generali contenenti una clausola di scelta del diritto applicabile che designa il diritto dello Stato membro in cui ha sede l’impresa – Determinazione della legge applicabile per valutare il carattere abusivo delle clausole di tali condizioni generali nell’ambito di un’azione inibitoria – Determinazione della legge che disciplina il trattamento dei dati personali dei consumatori.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 27/05/2016 Sentenza n.22264

BENI CULTURALI E AMBIENTALI - Interventi abusivi che ricadono nelle zone sottoposte a vincolo paesaggistico - Reati ambientali - Vincolo gravante sull'area - Riqualificazione giuridica del reato-fatto contestato - DIRITTO URBANISTICO - Artt. 44, lett. e), 64, 71, 93 e 95 d.P.R. 380\01 - Art. 181, comma 1-bis d.lgs. 42\2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Calcolo della pena - Aumenti di pena a titolo di continuazione - Obbligo di specifica motivazione  - Esclusione - Fattispecie: violazione di sigilli - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO -  Principio di retroattività della lex mitior contenute nell'art. 7 della Convenzione EDU - L'istituto della legge più mite nell'ordinamento italiano - Applicazione e limiti - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE, Sez. Un. 24 maggio 2016 Sentenza C-396/14

APPALTI – Appalto pubblico nel settore delle infrastrutture ferroviarie – Principio di parità di trattamento degli offerenti – Raggruppamento composto da due società e ammesso come offerente – Offerta presentata da una delle due società, in nome proprio, in quanto l’altra società è stata dichiarata fallita – Società considerata idonea ad essere ammessa, da sola, come offerente – Aggiudicazione dell’appalto a tale società - Procedura negoziata – Artt. 10 e 51, par.3 Direttiva 2004/17/CE – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Rinvio pregiudiziale – Art. 267 TFUE – Competenza della Corte – Qualità di giurisdizione dell’organo remittente.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE, Sez. Un. 05 aprile 2016 Sentenza C-689/13

APPALTI - Appalti pubblici di servizi – Aggiudicazione degli appalti pubblici di forniture e di lavori – Contenzioso appalti - Rapporto tra ricorso incidentale e ricorso principale - Possibilità di adire direttamente la Corte di giustizia anche in presenza di una pronuncia dell'Adunanza plenaria - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Procedure di ricorso – Ricorso di annullamento avverso il provvedimento di aggiudicazione di un appalto pubblico presentato da un offerente la cui offerta non è stata prescelta – Ricorso incidentale dell’aggiudicatario – Regola giurisprudenziale nazionale che impone di esaminare preliminarmente il ricorso incidentale e, se quest’ultimo risulta fondato, di dichiarare il ricorso principale irricevibile, senza esame nel merito – Compatibilità con il diritto dell’Unione - Art. 1, par. 1 e 3 Direttiva 89/665/CEE - Principio del primato del diritto dell’Unione – Principio di diritto enunciato con decisione dell’adunanza plenaria dell’organo giurisdizionale amministrativo supremo di uno Stato membro – Normativa nazionale che prevede il carattere vincolante di tale decisione per le sezioni del suddetto organo giurisdizionale – Obbligo della sezione investita di una questione attinente al diritto dell’Unione, in caso di disaccordo con la decisione dell’adunanza plenaria, di rinviare a quest’ultima tale questione – Facoltà o obbligo della sezione di adire la Corte in via pregiudiziale»Rinvio pregiudiziale – Articolo 267 TFUE. (Si riporta, inoltre, il commento tratto dal sito istituzionale Giustizia Amministrativa e sentenza del TAR PUGLIA, Bari, Sez. 1^ – 30/12/2016, n. 1460)

Categoria: 

Autorità: 

TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE C.E. Sez.8^ 11/03/2016 Ordinanza T-437/15

AGRICOLTURA - Ricorso di annullamento – Protezione contro organismi nocivi ai vegetali – Misure per impedire l’introduzione e la diffusione nell’Unione del batterio Xylella fastidiosa - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Atto regolamentare che comporta misure di esecuzione – Insussistenza di incidenza individuale – Irricevibilità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 10/03/2016 Sentenza n.9949

DIRITTO URBANISTICO - Violazioni edilizie - Ordine di demolizione delle opere abusive - Natura di sanzione amministrativa di carattere ripristinatorio - Possibilità dì revoca della demolizione - Interesse pubblico - Natura intrinsecamente penale della demolizione - Esclusione - Reati edilizi e urbanistici - Ipotesi di astratta condonabilità delle opere - Sospensione del procedimento e l'estinzione dei reati - Requisiti oggettivi per la condonabilità - Artt. 27 e 31 d.P.R. 380/2001 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Natura amministrativa della demolizione - Giurisprudenza - Estinzione della sanzione per il decorso del tempo o per prescrizione quinquennale - Esclusione - Natura di sanzione 'ripristinatoria' - Ragioni di tutela del territorio  - Demolizione ordinata dal giudice penale - Potere autonomo e non alternativo a quello dell'autorità amministrativa - Procedimento di esecuzione della demolizione - Revoca da parte del giudice penale - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Natura della prescrizione penale - Tutela di interessi individuali - Natura decorso del tempo quale causa estintiva in urbanistica - amministrativo - Prevalenza di interessi pubblici - Ripristino dell'assetto del territorio - Ricorso per cassazione - Stessi motivi proposti con l'appello - Inammissibilità - Genericità delle doglianze - Difetto di specificità dei motivi - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Diritto CEDU - Natura e applicazione - Parametro interposto di legittimità - Cd. normazione mascherata - Sistema costituzionale delle fonti - C.d. "sentenze gemelle" (Corte Cost. n. 348 e 349 del 2007) - Art. 117 Cost..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 22/02/2016 Sentenza n.6780

DIRITTO URBANISTICO - BENI CULTURALI E AMBIENTALI - Cantiere sequestrato e sottoposto a sigilli - Prosecuzione dell'attività edilizia - Reato commesso nella qualità di custode giudiziario - Violazione di sigilli - Fattispecie: aree soggette a vincolo ambientale abusivamente adibite a parcheggio all'aperto - Artt. 334 e 349 c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Qualificazione  giuridica del fatto  contestato - Art. 111 c.2° Cost. - Art. 6 della Convenzione EDU - Artt. 521 e 606 lett. e) c.p.p.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.7^ 26/11/2015 Sentenza

* RIFIUTI - Spedizioni all’interno dell’Unione europea – Regolamento (CE) n. 1013/2006 - Punto di entrata diverso da quello previsto nella notifica e nell’autorizzazione preventiva – Modifica essenziale delle modalità di spedizione dei rifiuti – Spedizione illegale – Tutela ambiente – Violazione delle disposizioni Reg. n. 1013/2006 - Spedizioni  - Autorizzazione e trasmissione notifica scritta preventiva - Violazione dell’obbligo di ottenere - Rinvio pregiudiziale – Compiti del giudice nazionale – Proporzionalità dell’ammenda amministrativa - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Principio di proporzionalità - Sanzione - Valutazione degli elementi  - Natura e gravità dell’infrazione - Valutazione del giudice nazionale. (Con schemi: Documento di notifica e Documento di movimento per i movimenti/spedizioni transfrontalieri di rifiuti).

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.8^ 06/10/2015 Ordinanza C-156/14

DANNO AMBIENTALE – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Prevenzione e riparazione del danno ambientale - Responsabilità ambientale – Normativa nazionale e compatibilità con i principi del “chi inquina paga”, di precauzione, dell’azione preventiva e della correzione - Art. 99 reg. di procedura della Corte – Art. 191, par. 2 TFUE – Direttiva 2004/35/CE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE, Sez. Un. 19 Dicembre 2013 Sentenza C279/12

PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO - INQUINAMENTO ACQUA - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Accesso del pubblico all’informazione in materia ambientale – Ambito di applicazione – Nozione di “autorità pubblica” – Imprese di gestione delle reti fognarie e di fornitura di acqua – Privatizzazione del settore dei servizi idrici in Inghilterra e nel Galles - Rinvio pregiudiziale – Convenzione di Aarhus – Direttiva 2003/4/CE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL'UOMO Sez.2^ 10/05/2012 Sentenza n.75909/01

DIRITTO URBANISTICO - Lottizzazione abusiva - Confisca di terreni - Violazione dei principi di legalità o proporzionalità - Equa soddisfazione alla parte lesa - Poteri e limiti della CEDU - Fattispecie: Punta Perotti - Convenzioni cessione di terreni legate a lottizzazioni - Violazione di leggi - Effetti - Restituzione della proprietà - Risarcimento del danno - Commisurazione - Atto illecito - Riparazione di una violazione - Restituzione in natura - Risarcimento - Legge n.102/2009 - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Riparazione di una violazione - Equa soddisfazione - Art. 46 Convenzione dei diritti dell'uomo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA CE 15 marzo 2012

* INTERNET - Direttiva sul commercio elettronico – Aspetti giuridici dei servizi della società dell’informazione - Art. 3, par. 1 e 2, dir. 2000/31/CE - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO – Danni derivanti dalla gestione di un sito Internet - Esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale – Notifica pubblica degli atti giudiziari – Competenza giurisdizionale - Mancanza di un domicilio o di un luogo di soggiorno noto del convenuto nel territorio di uno Stato membro – Art. 4, par. 1, Reg. n. 44/2001/CE - Competenza “in materia di illeciti civili dolosi o colposi” – Pronuncia di una sentenza contumaciale – Pubblicazione di fotografie su Internet – Violazione dei diritti della personalità - Luogo in cui l’evento dannoso si è verificato o può verificarsi – Reg. n. 805/2004/CE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA CE Sez.4^ 16 febbraio 2012

* V.I.A. - Valutazione dell'impatto ambientale di progetti - Autorizzazione di un progetto in assenza di un'adeguata valutazione del suo impatto ambientale - Nozione di "atto legislativo" - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Accesso alle informazioni e alla giustizia in materia ambientale - Partecipazione del pubblico ai processi decisionali - Portata del diritto di ricorso - Guida all'applicazione della Convenzione di Aarhus - Funzione e portata forza vincolante - Esclusione - Dir. 2003/35/CE - Dir 85/337/CEE - FAUNA E FLORA – VIA - Direttiva "habitat" - Convenzione di Aarhus - Autorizzazione di un progetto in assenza di un'adeguata valutazione del suo impatto ambientale - Accesso alla giustizia in materia ambientale - Portata del diritto di ricorso - Piano o progetto che pregiudica l'integrità del sito - Motivo imperativo di rilevante interesse pubblico – Esclusione – Artt. 6 par.3 e 6 par.4 Dir. 92/43/CEE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE EUROPEA DIRITTI DELL'UOMO 10/01/2012 Sentenza n.30765/08

RIFIUTI - L'incapacità prolungata delle autorità italiane per risolvere la "Crisi rifiuti" in Campania ha violato i diritti umani. Violazione dell'articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare) della Convenzione europea dei diritti dell'uomo - Violazione dell'articolo 8. riguardante l'obbligo delle autorità d'informare le persone sui rischi potenziali - Violazione dell'articolo 13 (diritto ad un ricorso effettivo). Il caso riguarda la "crisi rifiuti" o lo stato di emergenza stabilito 11 febbraio 1994 31 Dicembre 2009 in connessione con la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti - tra cui un periodo di cinque mesi durante il quale tonnellate di rifiuti accatastati per le strade - che ha colpito la regione Campania in Italia, dove i richiedenti vissuto e/o lavorato - Diritti dei cittadini ed obbligo positivo per gli Stati. Sentenza n. 30765/08 (Sarno e altri c. Italia).

Categoria: 

Autorità: 

TRIBUNALE PADOVA 6 Settembre 2011

* AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Finanziamenti e contributi comunitari diretti agli agricoltori - Concessione del finanziamento - C.d. aiuti P.A.C. - Mancata erogazione - Giurisdizione del G.O. - Sussistenza - Mancato riconoscimento - Impugnativa - Giurisdizione G.A. – Sussistenza – AGEA - Finanziamenti e contributi comunitari diretti agli agricoltori - Registro nazionale dei debiti S.I.A.N. - C.d. iscrizione a ruolo di somme pretese in pagamento - Aiuti PAC con crediti iscritti nel Registro S.I.A.N. per acquiescenza del debitore divenuti riscuotibili in via definitiva - Art. 8 ter L. n. 33/2009 - Quote latte eccedenti quelle consentite - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO – Norme del diritto dell'Unione e norme interne – Gerarchia - Garanzia costituzionale del rispetto degli obblighi internazionali e comunitari assunti - Art. 117, 1 c., Cost. - Art. 249 Trattato istitutivo della Comunità europea.

Categoria: 

Autorità: