TAR TOSCANA 6 dicembre 2012

* AMIANTO – Ordine di rimozione – Art. 12, c. 3 L. n. 257/1992 – Proprietario dell’immobile – Riferimento a profili soggettivi riconducibili a colpa o dolo – Esclusione – Obbligo generalizzato di rimozione dell’amianto in edifici privati – Insussistenza – Imposizione dell’obbligo di bonifica di un sito contaminato da amianto – Ordinanza contingibile e urgente – Illegittimità.

Categoria: 

Autorità: 

TAR BASILICATA 5 dicembre 2012

* RIFIUTI – Abbandono – Strade – Ente proprietario o gestore – Rimozione - Art. 14 Codice della Strada  - Norma con carattere di specialità rispetto alla disposizione di cui all'art. 192 d.lgs. n. 152/2006 – Rifiuti abbandonati sulle pertinenze della strada - Obbligo di rimozione - Responsabilità oggettiva – Previo accertamento del dolo o della colpa – Necessità - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PIEMONTE 23 novembre 2012

* RIFIUTI – DIRITTO DELL’ENERGIA – Impianto per la produzione di energia mediante combustione di rifiuti – Impugnazione degli atti autorizzatori – Legittimazione dei soggetti residenti in aree vicine – Specifica prova del danno – Necessità - Esclusione - VIA, VAS E AIA – VIA – Finalità – AIA – Finalità – Rinnovo – Termine – VIA e AIA – Autonomia funzionale – Immediata impugnabilità – Rinnovo dell’AIA – Impianti di produzione di energia mediante combustione di rifiuti – Competenza – Provincia – ATO – Esclusione – Art. 29 quater, c. 5  d.lgs. n. 152/2006 – Amministrazioni competenti in materia ambientale – Individuazione – Rinnovo dell’AIA – Aspetti gestionali dell’impianto – Valutazioni relative alla localizzazione, alla praticabilità di eventuali alternative e alla compatibilità ambientale – Attinenza alla diversa fase della VIA – Art. 29 ter, c, 1. lett. i) d.lgs. n. 152/2006 – Indicazione delle “principali alternative” – Significato – Sottoposizione a nuova VIA, in mancanza di modificazioni sostanziali – Necessità – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

TAR MARCHE 21 novembre 2012

* RIFIUTI – Abbandono – Disciplina organica in materia di rifiuti – Introduzione, in Italia con il d.P.R. n. 915/1982 –Rifiuti abbandonati nel lasso di tempo compreso tra il 1950 e il 1970 – Condotta non vietata – Inconfigurabilità – Ordinanza di recupero e smaltimento – Legittimità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 16 Novembre 2012

* DIRITTO URBANISTICO - Lottizzazione materiale abusiva - Realizzazione impianto industriale e di altri manufatti - Configurabilità - Presupposti  - Terreni abusivamente lottizzati - Confisca obbligatoria - Natura di sanzione amministrativa - AREE PROTETTE - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Violazioni edilizie e paesaggistiche - Natura permanente - Sequestro cessazione della commissione dei reati - RIFIUTI - Attività produttiva di fertilizzanti biologici e trasformazione di prodotti agricoli in compost - Autorizzazioni - Modifiche apportate in corso d'opera - Effetti - Fattispecie: opificio per la produzione di fertilizzanti biologici e trasformazione di prodotti agricoli in compost - Art. 142 lett. G e F, 143, 146 e 181 D. Lgs n. 42/2004 - Artt. 30 e 6 c.3 L n. 394/1991 - Artt. 30 e 44 DPR n. 380/2001 - Art. 734 c.p. - Art. 208 D. Lgs n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

TAR TOSCANA 8 novembre 2012

* RIFIUTI – APPALTI - Gestione integrata – Artt. 198, 200, 202 e 204 d.lgs.n. 152/2006 – Affidamenti in essere  – Scadenza – Art. 204, cc. 1 e 2 T.U.A. - Affidamento del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento – Bando di gara – Riferimento alla normativa di cui al d.lgs. n. 22/97 – Motivo di illegittimità – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

TAR LOMBARDIA, Milano 5 novembre 2012

* DIRITTO PROCESSUALE AMMINISTRATIVO – Successione a titolo particolare tra enti – Posizione processuale del dante causa – Art. 111 c.p.c. - Successore – Intervento – Natura - RIFIUTI – Atti di localizzazione degli impianti di recupero – Impugnazione – Legittimazione – Comuni limitrofi – Conferenza di servizi ex art. 208 d.lgs. n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO 31 ottobre 2012

RIFIUTI – Disciplina dei rifiuti – Competenza esclusiva statale – Eco tassa – Tributo di spettanza regionale – Disciplina – Principi generali: legge statale – Disciplina di dettaglio: leggi regionali – F.O.S. - Qualificazione alla stregua di rifiuto urbano – Contrasto con l'art. 184 d.lgs. n. 152/2006 – Elencazione dei rifiuti urbani ex art. 184, c. 2 – Tassatività – F.O.S. - Nozione – Natura di rifiuto speciale – Fondamento – Rifiuti speciali – Elencazione ex art. 184, c. 3 d. lgs. n. 152/2006 – Tassatività – Esclusione – F.O.S. - Abrogazione della lett. n) dell'art. 184, c. 3 d.lgs. n. 152/2006 – Automatica sussunzione tra i rifiuti urbani – Esclusione – Rifiuto che abbia subito un processo di trasformazione - Criterio dell'origine – Inapplicabilità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 22 Ottobre 2012

* RIFIUTI - Emergenza rifiuti - Condotte penalmente rilevanti - Legislazione ed ambito di operatività - Art. 6 c. 1 lett. d) nn. 1) e 2) D.L. n. 172/08 - Art. 256 c.2° D. L.vo n.152/06 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Fatto contestato e fatto ritenuto in sentenza - Principio della correlazione - Diritto alla difesa - Qualificazione giuridica diversa - Riqualificazione della condotta sotto altro titolo - Specifica e dettagliata motivazione - Necessità - Esclusione - Concetto di equità - Capacità a delinquere.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO 17 ottobre 2012

VIA, VAS E AIA – VIA e AIA – Autonomia funzionale – Rispettive finalità – Eventuale intangibilità dell’AIA – Effetto sanante sui vizi della VIA – Inconfigurabilità - RIFIUTI – Gestione dei rifiuti solidi urbani – Controversie – Competenza inderogabile del TAR Lazio – Limiti – Impianto di incenerimento e di coincenerimento – Differenza – Art. 2, lett. d) ed e) d.lgs. n. 133/2005.

Categoria: 

Autorità: 

TAR ABRUZZO, Pescara 3 ottobre 2012

* RIFIUTI – PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO - Decisioni assunte in materia dall’autorità competente – Principi di precauzione e di proporzionalità – Istruttoria e motivazione – Principio di precauzione – Contemperamento con il principio di proporzionalità – Indagine “trifasica” – Principio di ragionevolezza – Sindacato del giudice amministrativo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 26 Settembre 2012

* RIFIUTI - Residui delle attività di demolizioni edili - Recupero e riutilizzazione dei materiali - C.d. "materia prima secondaria" - Artt. 181,184 c.3, lett. b) e  256 D. L.vo n.152/06 - Demolizione di edifici e scavi di cantiere - Qualifica di "sottoprodotti" - Presupposti - Recupero condizionato a precisi adempimenti - Art. 183, lett. n) D.Lgs. n. 152/2006 - Art. 12 c.1 del D.Lvo n. 205/10 - DIRITTO URBANISTICO - Demolizione seguita da ricostruzione - Mutamento della sagoma, volume, e/o altezza - Permesso di costruire - Necessità - Nozione di ristrutturazione edilizia - Interventi di restyling sul preesistente - modesti aumenti di volume e/o superfici -  C.d. "D.I.A. alternativa" - Art. 44 lett. b) D.P.R. 380/01.

Categoria: 

Autorità: 

TAR SICILIA, Catania 11 settembre 2012

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Siti di interesse nazionale - Inquinamento diffuso - Accertamento presuntivo della responsabilità per inquinamento – Sentenza Corte di Giustizia 9 marzo 2010 causa C-378/08 – Presenza degli impianti nel sito – Esercizio di attività inquinante – Principio chi inquina paga – Misure di bonifica – Barrieramento fisico – Accertamenti tecnici – Approfondimenti istruttori – Misure di riparazione ambientale precedentemente imposte - Modifica – Presupposti -  Inquinamento di particolari dimensioni e gravità – Restituzione dei suoli agli usi legittimi – Preventiva adozione delle misure di bonifica – Legittimità - Presupposti – Atti del procedimento di bonifica – Competenza tecnico-gestionale degli organi esecutivi – Pareri o intese di cui agli artt. 252 TUA e 15, c. 4 D.M. 471/1999 – Acquisizione all’interno della conferenza di servizi – Legittimità – Acque di falda emunte nel corso delle operazioni di messa in sicurezza – Natura – Disciplina – Art. 243 d.lgs. n. 152/2006 – Art. 242, c. 4 d.lgs. n. 152/2006 – Decisione sul documento di analisi di rischio – Termine di sessanta giorni – Perentorietà – Esclusione – Tabelle allegate al TUA – Elencazione tassativa – Esclusione – Interpretazione analogica – Mancato inserimento di specifiche sostanze – Riferimento alla sostanza più affine tossico logicamente – MTBE – Mancata inclusione nella tabella allegata al d.lgs. n. 152/2006 – Valori limite prospettati dall’ISS – Applicabilità – Fondamento – Principio di precauzione – Messa in sicurezza di emergenza – Soglia di contaminazione  - Livelli superiori – Art. 244 d.lgs. n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 31 agosto 2012

* DIRITTO DELL’ENERGIA - RIFIUTI - Biodigestione anaerobica di materie prime vegetali - Ricorrenza della nozione di rifiuto – Verifiche - Massa liquida e solida residua dal processo di biodigestione - Artt. 183 lett. ff), 184 bis, 185, 192 e 256 c.1 lett.a) d. L.gs n. 152/06 TUA  - All.2 voce 4 dLvo.75/2010.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PIEMONTE 30 agosto 2012

* RIFIUTI – DIRITTO DELL’ENERGIA – Impianto di gestione di rifiuti – Produzione di compost ed energia elettrica – Comuni limitrofi –  Partecipazione alla conferenza di servizi ex art. 208 d.lgs. n. 152/2006 – Impugnazione degli atti autorizzatori – Piano regionale per la gestione dei rifiuti – Art. 199 D. lgs. n. 152/2006 - Fabbisogno degli impianti di gestione dei rifiuti – Determinazione - Assegnazione alle Regioni – Ratio – Limitazione alla libera circolazione dei rifiuti speciali provenienti da altre regioni – Programmazione regionale – Individuazione degli impianti destinati al recupero di rifiuti urbani non pericolosi – Principio di libera circolazione - Piano regionale per la gestione dei rifiuti – Rifiuti urbani non pericolosi – Principio di libera circolazione – Art. 181, c. 5 d.lgs. n. 152/2006 – Allocazione degli impianti – Previsioni regionali – Attività di compostaggio dei rifiuti – Trattamento anaerobico finalizzato alla creazione di biogas – Produzione di energia o calore – Attività di recupero dei rifiuti – Art. 183 d.lgs. n. 152/2006 – FORSU – Qualifica di biomassa ai fini della applicabilità delle norme in materia di energia – Natura di rifiuto – Permanenza – Applicabilità della normativa sulla gestione dei rifiuti –  Istanza per il rilascio della autorizzazione unica ex art. 12 d.lgs. n. 387/2003 – Disponibilità dell’area – Art. 13.1, lett. c) Linee Giuda di cui al D.M. n. 47987/2010 – Condizione di procedibilità – Mancata allegazione – Illegittimità del permesso di costruire e della autorizzazione unica –  BENI CULTURALI E AMBIENTALI - Art. 13.3, lett. c) Linee Giuda di cui al D.M. n. 47987/2010  - Aree non sottoposte a tutela ex d.lgs. n. 42/2004 – Comunicazione alla competente Soprintendenza – Finalità – Differenza rispetto alle aree già sottoposte a tutela – Omessa comunicazione – Illegittimità del provvedimento finale.

Categoria: 

Autorità: 

TAR UMBRIA 28 agosto 2012

* LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE – RIFIUTI – Discariche o impianti di trattamento di rifiuti – Atti illegittimi - Associazioni di protezione ambientale – Art. 18, c. 5, L. n. 349/1986 – Articolazioni territoriali – Legittimazione a ricorrere – Insussistenza – Previsioni statutarie – Attribuzione di una legittimazione non prevista dalla legge – Possibilità – Esclusione – Discariche o impianti di trattamento di rifiuti – Mera vicinitas – Proprietario frontista – Legittimazione a ricorrere avverso il provvedimento autorizzatorio – Prova del danno – Necessità – Interesse al ricorso – Vicinitas – Insufficienza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 24 luglio 2012

 RIFIUTI Art. 191 d.lgs. n. 152/06 – Situazioni di eccezionale ed urgente necessità di tutela della salute pubblica e dell'ambiente – Provvedimenti in via d’urgenza – Competenza – Fattispecie - Smaltimento dei rifiuti – Potere del sindaco di ordinanza contingibile ed urgente – Art. 13 del d.lgs. 5 febbraio 1997 n. 22 – In assenza dei presupposti previsti dalla legge – Configurazione del reato di realizzazione di discarica in difetto di autorizzazione – Sanzioni ex art. 51, co 3, del decreto n. 22 del 1997, ora 256 d.lgs n. 152/06.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 24/07/2012

RIFIUTI - AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Scarichi dei frantoi oleari - Sansa ed acque di vegetazione delle olive - Utilizzazione agronomica - Limiti - Reg. n. 27/2007 Regione Puglia - Effetti immutati - Sansa utilizzata fuori dell'attività agronomica - Pericolosità valutazione in concreto - Disciplina dei rifiuti - Applicabilità - Presupposti - Artt. 184 bis, ter e 185 TUA - Art. 256 D.L.vo n.152/062.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 20/07/2012 Sentenza n.29460

RIFIUTI - Deposito incontrollato di rifiuti ed abbandono - Natura di reato eventualmente permanente - Cessazione della permanenza - Art. 256 D.Lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per cassazione - Sentenza di appello - Maturazione del termine prescrizionale - Cause di non punibilità - Art. 129 c.p.p..

Categoria: 

Autorità: 

TAR EMILIA ROMAGNA, Bologna 17 luglio 2012

* RIFIUTI – Abbandono - Art. 192 d.lgs. n. 152/2006 – Corresponsabilità solidale del proprietario o del titolare di diritti personali o reali di godimento – Rapporto di mero fatto con il bene – Esercizio di una funzione di protezione e custodia – Colpa – Omissione delle cautele e degli accorgimenti suggeriti dall'ordinaria diligenza – Abbandono su aree di pertinenza delle strade  - Art. 14 cod. strada – Obbligo del gestore di provvedere alla pulizia.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 11 luglio 2012

* RIFIUTI AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Gestione – Teloni e film di protezione di prodotti agricoli – Riciclabilità al termine del loro utilizzo – Obbligo - Gestione trasfrontaliera nella Repubblica cinese – Mancato rispetto della normativa – Provvedimenti cautelari nei confronti del trasgressore – Destinatarie che operano nel settore  - Omessa indicazione delle fonti normative – Irrilevanza - Concorso di un soggetto con i coindagati nella programmazione di una serie indefinita di esportazioni dei rifiuti – Condivisione del meccanismo fraudolento – DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Integrazione della fattispecie di associazione a delinquere – Anche in assenza di accordi e progetti - Associazione a delinquere – Presupposti - Artt.182, 234, 256, c.1, lett.a), 259 e 260 d.lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 10 luglio 2012

* RIFIUTI - Commercio ambulante - Raccolta e trasporto dei rifiuti - Specifica autorizzazione comunale - Necessità - Assenza dell’autorizzazione - Reato di cui all’art. 256 d.lgs. n. 152/2006 - Configurabilità - Artt. 189, 190, 193, 212, 266, c.5, e 256 d.L.vo n. 152/2006 - Trasporto e  recupero di rottami metallici - Commercio itinerante su aree pubbliche - Licenza comunale ed autorizzazione a fini ambientali - Differenza.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO 10 luglio 2012

* RIFIUTI APPALTI - Iscrizione all'Albo nazionale dei gestori ambientali – Art. 212, c. 5, d.lgs.n. 152/2006 – Attività degli operatori logistici – Necessità dell'iscrizione – Inconfigurabilità – Raggruppamento di imprese – Possesso del requisito dell'iscrizione da parte di ciascun impresa – Necessità – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO 10 luglio 2012

* RIFIUTI – Localizzazione di impianti di trattamento – Impugnazione dei relativi atti – Proprietari di immobili ubicati nelle vicinanze – Legittimazione – Sussistenza – Prova sulla concreta pericolosità dell'impianto – Necessità – Esclusione - VIA – Art. 18 l.r. Veneto n. 10/99 – Termine di novanta giorni per la produzione di integrazioni documentali – Perentorietà.

Categoria: 

Autorità: 

TAR CALABRIA Catanzaro 5 luglio 2012

* RIFIUTI – Potere di ordinanza ex art. 192 d.lgs. n. 152/2006 – Potere di ordinanza ex art. 54 T.U.E.L. – Differenza – Ordinanza ex art. 192 d.lgs. n. 152/2006 – Comunicazione di avvio del procedimento – Necessità – Ordinanza di rimozione indiscriminatamente rivolta al proprietario del fondo in ragione della sua sola qualità – Illegittimità.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO 28 giugno 2012

* RIFIUTI – Impianti di smaltimento e recupero – Artt. 196 e 208 d.lgs. n. 152/2006 – Collocazione in area industriale – Obbligatorietà – Esclusione – Previsione di cui all’art. 196 – Criterio direttivo di preferenza - Destinazione agricola – Finalità – Discarica – Incompatibilità – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

TAR FRIULI VENEZIA GIULIA 27 giugno 2012

* RIFIUTI – Trasporto transfrontaliero – Crostoni di ghisa e scaglie di laminazione – Elenco ambra – Rifiuti della lavorazione dell’acciaio – Operazioni di recupero – Art. 184 ter d.lgs. n. 152/2006 - Rifiuti da sottoporre ad operazioni di recupero – Provenienza estera – Applicabilità dell’art. 8 del D.M. 05.02.1998 – Fondamento – Regolamento CE 333/2011 – Operatività – Presupposti – Sistema di gestione della qualità – Allegato 1, punto 1.2, lett. 4) Regolamento CE 333/2011 – Residui delle operazioni di fusione – Scaglie di laminazione – Materiali estranei.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE COSTITUZIONALE 27 giugno 2012 n.159

RIFIUTI – Rifiuti prodotti dalle navi e residui di carico – Piani di raccolta e gestione dei rifiuti – Funzioni relative all’affidamento dei servizio di gestione - Allocazione presso la Regione – Art. 5 d.lgs. n. 182/2003 – Disciplina regionale ex art. 2, l.r. Toscana n. 41/2011 – Allocazione ad un diverso livello amministrativo – Attribuzione di nuovi compiti all’autorità marittima – Illegittimità costituzionale -  ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – Art. 11 L.r. Toscana n. 41/2011 – Estensione della nozione di acque superficiali rispetto alla previsione di cui all’art. 54, c. 1, lett. l) e n) del d.lgs. n. 152/2006 – Illegittimità costituzionale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 27 giugno 2012

* RIFIUTI - Pneumatici «usati» - Pneumatici «fuori uso» - Differenza tra non rifiuto e rifiuto - Art. 228 D. L.vo n. 152/2006 - Art. 23, c. 1, lett. I), L. n. 179/2002 - Materiali residuali di produzione o di consumo - Riutilizzo senza subire alcun trattamento preventivo - Esulano dalla categoria dei rifiuti - Pneumatici usati destinati ad un’operazione di recupero - Rientrano nella nozione di rifiuti - Materiali provenienti da demolizioni - Rientrano nel novero dei rifiuti - Condizioni - Veicoli fuori uso - Natura di rifiuto - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Art. 568, co. 5 c.p.p. - Atto di gravame - Limiti del giudice che ha ricevuto l’atto di gravame.

Categoria: 

Autorità: 

TAR FRIULI VENEZIA GIULIA 27 giugno 2012

* RIFIUTI – Operazioni di recupero – Art. 216, c. 4 d.lgs. n. 152/2006 – Mancata osservanza delle delle  norme tecniche e delle condizioni di cui al comma 1 – Provincia – Immediata inibizione dell’attività, in assenza della preventiva diffida  – Legittimità – Ghisa in crostoni – Metalli ferrosi o leghe nelle forme usualmente commercializzate – Recupero diretto R4 negli impianti metallurgici che la producono – Operazioni di messa in riserva R13 – Confrmità alle specifiche CECA, AISI , CAEF e UNI.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 27 Giugno 2012

* RIFIUTI - Trasporto occasionale di rifiuti non autorizzato - Configurabilità del reato - Art. 256, c. 1, lett. a) D. Lgs. n. 152/2006 - Continuità della attività illecita ex 260 D. L.vo n. 152/2006 - Differenza – Fattispecie: trasporto di rottami ferrosi - Attività di raccolta e trasporto di rifiuti in forma ambulante - Titolo abilitativo – Necessità - Artt. 189, 190, 193, 212 e  266, c. 5, D. Lgs. n. 152/2006 - Art. 28 del d. Lgs. n. 114/1998 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Vendita su aree pubbliche esclusivamente in forma itinerante – Rilascio di un'autorizzazione comunale – Necessità - Violazioni – Sanzioni - Art. 29 del d. Lgs. n. 114/1998 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudice di merito - Travisamento della prova – Nozione – Giurisprudenza - Diniego della concessione delle attenuanti generiche – Modalità della motivazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 26/06/2012

* RIFIUTI - Pneumatici usati e fuori uso - Disciplina differenziata - L n. 179/2002 - D.M. 9/01/2003 - Disciplina vigente degli pneumatici fuori uso - Artt. 183, 228, c.2 e 256 D.Lgs. n. 152/2006 - D.M. 11/04/2011, n. 82 - Pneumatici interi fuori uso -  Divieto di conferimento in discarica - Art. 6, lett. o), D.L.gs n. 36/2003 - D.M. 3/8/2005.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 26/06/2012

* RIFIUTI - Trasporto illecito di rifiuti - Sequestro del mezzo - Restituzione - Terzo estraneo al reato - Onere di provare - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Circostanze attenuanti ed aggravanti - Giudizio di comparazione - Potere discrezionale del giudice di merito - Sussistenza - Criterio dell'equivalenza e della prevalenza delle attenuanti - Art. 69 cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE COSTITUZIONALE – 22 giugno 2012, n. 158

RIFIUTI – Raccolta differenziata – Comuni compresi nell’ambito territoriale ottimale - Percentuale di raccolta differenziata da conseguire – Art. 205, c. 1-bis d.lgs. n. 152/2006 – Concessione di deroghe – Potestà esclusiva statale - Art. 26, c. 2 L.r. Piemonte n. 10/2011 – Illegittimità costituzionale.

Categoria: 

Autorità: 

TAR LAZIO Roma 12 giugno 2012

* LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE – Associazioni ambientaliste – Artt. 13 e 18 L. n. 349/1989 – Titolarità in astratto del potere di proporre ricorso – Posizione qualificata – Interesse sostanziale –  Atto lesivo dell’interesse ambientale - Censure di carattere formale - Ammissibilità - VIA, VAS E AIA – Modifiche apportate al d.lgs. n. 152/2006  dal terzo correttivo – Inserimento nel corpus del Testo Unico dell’Ambiente dell’originaria disciplina di recepimento della direttiva IPPC – Procedimento di AIA relativo ad opere di competenza statale – Momento volitivo-decisionale – Ministro dell’Ambiente – Commissione istruttoria per l'IPPC – Oggettiva connotazione scientifica – Conseguenze – Provvedimento favorevole di VIA – Apposizione di una condizione – Modifica o revoca – Rinnovazione del procedimento – Necessità - ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – RIFIUTI – Acque di scarico – Nozione – Esclusione dalla disciplina dei rifiuti – Reflui stoccati in attesa di successivo smaltimento - Rifiuti allo stato liquido – Fattispecie - VIA – Prescrizione relativa all’impiego di BAT – Art. 29 sexies, c. 4 d.lgs. n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^, 23 maggio 2012

* RIFIUTI - Terre e rocce da scavo - Definizione di sottoprodotto - Condizioni - D.Lgs. n. 205/2010 - Artt. 184-bis e 186 D.Lgs. n. 152/2006 - Progetto soggetto a VIA - Utilizzazione come sottoprodotti – Condizioni – Fattispecie - DANNO AMBIENTALE – ASSOCIAZIONI E COMITATI - Pregiudizi all'ambiente - Associazione ambientaliste o persona singola - Risarcibilità del danno patrimoniale o non patrimoniale - Normativa speciale e diritto dei soggetti danneggiati - Legittimazione a costituirsi parte civile - Artt. 311, 318 del D.Lgs. n. 152/2006 - Dir. 2004/35/CE - Artt. 2043 e 2059 cod. civ. - Art. 185, 2c., cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 23/05/2012 Sentenza n.19437

DANNO AMBIENTALE - Danno risarcibile - Associazioni ambientaliste nazionali e sedi locali - Costituzione parte civile - Legittimazione - Pregiudizio diretto ed immediato – Necessità - Artt. 300 e 318 D.Lgs. n. 152/2006 - Art. 18 L. n. 349/1986 - Art. 2043 c. c., - Art. 185, c. 2°, c. p. - Ruolo degli enti locali – Artt. 309, 310, 311 e 313 c.7, D.Lgs. n. 152/2006 - Dir. 2004/35/CE - RIFIUTI - Quantitativo di rifiuti - Termine "ingente" - Definizione - Traffico illecito di rifiuti - Concorso in attività organizzate – Nozione di “profitto ingiusto”.

Categoria: 

Autorità: 

TAR LIGURIA 23 maggio 2012

* RIFIUTI – Veicoli fuori uso – Impianto di trattamento – Art. 15 d.lgs. n. 209/2003 – Approvazione del progetto di adeguamento – Effetto novativo dell'autorizzazione – Esclusione - Autorizzazione - Conferenza di servizi – Carattere istruttorio – Localizzazione – Comune – Impugnazione del provvedimento di approvazione – Legittimazione – Fondamento – Comune – Possibilità di esprimere un veto insuperabile – Esclusione – Art. 208 d.lgs. n. 152/2006 - VIA VAS E AIA – VIA – Procedimento - Aspetto urbanistico – Rilevanza – Esclusione – Varianti progettuali - Rinnovazione della VIA - Mutamenti di natura, dimensioni o ubicazione – Variante in diminuzione – Necessità – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 16 maggio 2012

* VIA – Autorizzazione integrata ambientale (AIA) - Continuità normativa – RIFIUTI - Fattispecie: condotta colposa nello spandimento di liquami zootecnici - DANNO AMBIENTALE – Specifico compito di vigilanza e controllo – Società - Responsabilità dei singoli – Individuazione – Necessità - Responsabilità indifferenziata in quanto tutti soci con pari poteri – Esclusione  - Art. 29 quattuordecies D. L.vo n.152/06 - Art. 16 c.2° D. L.vo 52/09 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Decreto penale per reati contravvenzionali - Oblazione – Limiti.

Categoria: 

Autorità: 

TAR BASILICATA 11 maggio 2012

* RIFIUTI – Rifiuti abbandonati sulla sede stradale o sue pertinenze – Art. 14 d.lgs. n. 285/92 – Rapporto di specialità rispetto alle disposizioni del d.lgs. n. 152/2006 – Ente proprietario o gestore della strada – Obbligo di pulizia e manutenzione – Interpretazione restrittiva – Erroneità – Ordinanza di rimozione – Parametro normativo – Art. 14 d.lgs. n. 285/1992 – Accertamento del dolo o della colpa dell’ente proprietario o gestore – Necessità – Esclusione – Responsabilità oggettiva – Preventiva ricerca dell’autore dell’abbandono – Necessità – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 11/05/2012 Sentenza n.17823

RIFIUTI - Materiali provenienti da demolizioni - Assoggettamento a disposizioni più favorevoli - Limiti - Demolizione di edifici e scavi di cantiere - Materiali di risulta - Materiale sottoposto ad attività di recupero - Condizioni - (Terza) definizione di "sottoprodotto" - Presupposti - Artt.181, c. 6-13, 183, lett. n), 184 c.3° lett. b) e 256, 2° c., D.Lgs. n. 152/2006 - Art. 12, c.1, D.Lgs. n. 205/2010, oggi art. 184-bis D.Lgs. n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 10/05/2012

* RIFIUTI – Applicazione di norme aventi natura eccezionale e derogatoria - Onere della prova – Spetta a  colui che ne richiede l'applicazione – Nozione di “normale pratica industriale” - Fattispecie - Art 256, D.Lv. 152/06 - Riutilizzazione economica del materiale - Non esclude necessariamente la natura di rifiuto - Nozione di "sottoprodotto" - Presupposti e condizioni - Artt. 183, lett. p) e 184 bis D.Lv. 152/06 - D.Lv. 4/2008 – D.Lv. 205/10 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso – Effetti - cause di non punibilità a norma dell'art. 129 C.P.P.  – Applicazione – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 10 maggio 2012

* RIFIUTI - Deposito temporaneo - Trasporto di rifiuti - Prescrizioni contenute nell'autorizzazione - Inosservanza - Configurabilità del reato ex art. 256, 4° c., D.Lgs. n. 152/2006 - Reato di trasporto illecito - Condanna o patteggiamento - Mezzo di trasporto - Confisca obbligatoria - Presunzione di pericolosità - Giudice giudizio prognostico - Preclusione -  Artt. 256 e 259, 2° c., D.Lgs. n. 152/2006

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 8 maggio 2012

RIFIUTI - Area adibita a deposito temporaneo di rifiuti - Smaltimento o recupero - Termine di tre mesi – Nuova disciplina - Fattispecie - Artt.183 lett. m) n. 2) e 256, c.1 lett. a), D. Lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Tribunale del riesame - Motivazione del decreto di sequestro - Potere di integrazione delle motivazioni – Sussiste - Riferimento alla illiceità infondata della condotta –  Causa di nullità – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 8 maggio 2012

* RIFIUTI - Sequestro e confisca del mezzo di trasporto dei rifiuti – legittimità – Sequestro e confisca degli strumenti di lavoro (es. pale meccaniche, escavatori…) – Esclusione - Qualità di mezzi di trasporto – Necessità - Sentenza di condanna o ex art. 444 c.p.p. - artt. 256, 259, c.2 e 39 c. 5, D. Lgs n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 24/04/2012

* RIFIUTI - Trasporto di rifiuti - Assenza di  formulario o formulario con dati incompleti o inesatti - Effetto - Sanzione penale - Esclusione - Modifiche alla disciplina - L. n. 205/2010 che mod. l'art. 258, d.lgs. n.152/2006 - Scheda Sistri - Fattispecie introdotta con l'art. 260-bis D.L.vo n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Termini prescrizionali maturati nelle more del giudizio di legittimità - Duplice valutazione - Art. 129 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 23/04/2012 Sentenza n.15495

RIFIUTI – DANNO AMBIENTALE – Violazioni della disciplina sui rifiuti - Risarcimento danni subiti dal privato - Ordinari criteri e principi generali in materia di danni – Applicazione - Art. 2043 c.c. e 185 c.p. - Art. 256 D. Lgs n. 152/2006 – Smaltimento di rifiuti - Affidamento dei rifiuti a terzi - Obbligo di accertamento – Sussiste – Fattispecie: rifiuti provenienti da demolizione. 

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO 13 aprile 2012

* RIFIUTI – Gestione integrata – A.t.o. – Istituzione – Termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore del d.lgs. n. 152/2006 – Carattere ordinatorio – Mancata istituzione – Continuatività delle competenze previste dalla legislazione anteriore - VIA – Art. 26 d.lgs. n. 152/2006 (nel testo vigente al dicembre 2008) – Impianto di trattamento di rifiuti – Localizzazione – Assorbimento.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 12 aprile 2012

* RIFIUTI - Funzionari comunali - Responsabilità - Ordinanza del Sindaco - Esecuzione per ragioni di necessità ed urgenza - Raccolta, trasporto, recupero, smaltimento di rifiuti - Fattispecie: Deposito di alghe - Artt. 110, 81, c.p., 255, 183, lett. m) e 256 c. 1, lett. a) d.lgs. 152/2006 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Enti Pubblici - Gestione - Responsabilità dell’amministratore o del legale rappresentante – Presupposti - Smaltimento dei rifiuti solidi urbani - Compito di programmazione dell'attività - Autonomi poteri di organizzazione delle risorse - Responsabilità dei dirigenti amministrativi - Potere di intervento nelle situazioni contingibili e urgenti - Sindaco.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PUGLIA Bari 6 aprile 2012

* RIFIUTI – Artt. 195 e ss. d.lgs. .n 152/2006 – Ripartizione delle competenze – Fissazione dei criteri di ammissibilità in discarica dei rifiuti non pericolosi -  Competenza delle Regioni – Esclusione – Materia della tutela dell’ambiente – Competenza esclusiva dello Stato – Assenza di disciplina statale – Iniziative regionali volte a regolamentare la materia dei rifiuti nel proprio ambito territoriale – Ammissibilità – Esclusione – Parametri di concentrazione nell’eluato – Regione Puglia – Integrazione della disciplina regolamentare di cui al d.m. 27 settembre 2010 – Delibera n. 1651/2011 – Illegittimità – Annullamento.

Categoria: 

Autorità: 

TAR LOMBARDIA Milano 4 aprile 2012

* RIFIUTI – Fanghi biologici – Comuni – Potestà regolamentari in materia – Carenza – Competenza regolamentare regionale – Uso agronomico dei fanghi da depurazione – Riconducibilità alla disciplina dei rifiuti – Materia del governo del territorio – Estraneità – Comune – Limitazioni dell’uso dei fanghi  in sede di pianificazione urbanistica – Illegittimità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 3 aprile 2012

* RIFIUTI - Resti di agrumi in stato di decomposizione - Abbandono di rifiuti non pericolosi - Qualificazione giuridica del fatto - Irreversibilità del processo fermentativo – Qualificazione come ammendante vegetale – Esclusione - Correttezza dell'operato dei dipendenti – Responsabilità del legale rappresentante – Sussiste - Culpa in vigilando - Specifica causa di esonero della responsabilità – Onere della prova - Art. 256, c 2 d.Lgs n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 26/03/2012

* RIFIUTI - Sistema sanzionatorio ex Artt. 255 e 256 d.lgs n. 152/2006 - Sanzione amministrativa per i privati – Sanzione penale per i titolari di imprese – Qualifica soggettiva del trasgressore – Posizione qualificata – Irrogazione norma penale – Principio di specialità – Applicabilità - Fattispecie: abbandono di rifiuti provenienti da macellazione animale, (ali di pollo, qualificati rifiuti speciali non pericolosi, ex art. 184, co. 3, lett. e), d.Lvo 152/2006

Categoria: 

Autorità: 

TAR UMBRIA – 22 marzo 2012

* RIFIUTI – ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – Effluenti di allevamento – Utilizzazione agronomica – Violazione delle disposizioni inerenti il sistema di controllo – Intrinseco pericolo per la salute e l’ambiente – Poteri di ordinanza ex d.lgs. n. 267/2000 – Potere inibitorio ex art. 41, lett. b) d.G.R. Umbria n. 1492/2006 - Omessa comunicazione ai Comuni e all’ARPA (artt. 12 e 14 d.G.R. Umbria n. 1492/2006) – Requisiti di tracciabilità dei liquami - VIA, VAS E AIA – Allevamenti – Presenza di capi suini in numero superiore a 2.000 – D.lgs. n. 59/2005 – Necessità dell’AIA.

Categoria: 

Autorità: 

TAR MARCHE – 9 marzo 2012

* RIFIUTI – Art. 199 d.lgs. n. 152/2006 – Regioni – Limitazione alla libera circolazione di rifiuti speciali – Presupposti – Divieto di limitazioni generalizzate - PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Conferenza di servizi – Mancato preventivo accertamento dell’effettivo potere dei soggetti intervenuti – Vizio di legittimità – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez.3^ 9/03/2012 Sentenza n.3756

RIFIUTI - Servizio di smaltimento - IVA non dovuta - Tariffa integrata ambientale (TIA) - Tariffa d'igiene ambientale - Natura di tributo - Irrilevanza di talune prassi contrarie - Tributo comunale rifiuti e servizi cd. Res - Tratti distintivi del prelievo tributario Corte cost. n. 238/2009 - L. n. 214/2011 - Art. 238 d. Lgs. n. 152/2006 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Operazioni esercitate in quanto pubbliche autorità -  Assoggettamento a IVA di diritti, canoni e contributi percepiti da enti pubblici - Esclusione - Dir. 2006/112/CE - Debenza T.I.A. - Natura tributaria non assoggettata ad IVA - Cognizione delle commissioni tributarie.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE COSTITUZIONALE – 9 marzo 2012, n. 54

RIFIUTI – DIRITTO DELL’ENERGIA – Stoccaggio e smaltimento dei rifiuti nucleari – Regioni – Sottrazione unilaterale dagli oneri connessi – Possibilità – Esclusione – Rifiuti radioattivi – Materia della “tutela dell’ambiente e dell’ecosistema” – Competenza esclusiva statale – Installazione di depositi di rifiuti radioattivi nel territorio regionale – Incidenza sulla materia del “governo del territorio” di competenza regionale concorrente – Coinvolgimento della Regione – L.r. Molise n. 7/2011, art. 1, c. 3 – Divieto di installazione sul territorio regionale di depositi di materiali e rifiuti radioattivi – illegittimità costituzionale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 9/02/2012

* RIFIUTI - Gestione illecita di rifiuti nella sede della società - Responsabilità di tutti gli amministratori - Violazione dei doveri di diligenza - Attività svolta senza autorizzazione o comunicazione all’interno di una Società - Consapevolezza e volontarietà della condotta - Sanzioni penali – Fattispecie: materiali di risulta di attività edilizia di demolizione e costruzione - Stoccaggio e lavorazione - Artt. 178, 208 e 256, c.1, lett. a) D. L.vo n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Circostanze ed emergenze processuali - Argomentazioni dedotte dall'imputato e dal suo difensore - Valutazione da parte del giudice – Poteri e limiti.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PUGLIA, Lecce - 8 marzo 2012

* RIFIUTI – Abbandono – Art. 192 d.lgs. n. 152/2006 – Mancata identificazione dell’autore materiale – Duplice accertamento - Titolarità dell’area – Violazione per dolo o colpa - Responsabilità per colpa ex art. 192 d.lgs. n. 152/2006 – Verifica caso per caso – Culpa in vigilando – Limiti - Criteri di ragionevole esigibilità – Art. 192 e 239 d.lgs. n. 152/2006 – Diversità.

Categoria: 

Autorità: 

Pagine