CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/10/2017, Sentenza n.46603

RIFIUTI - Deposito incontrollato di rifiuti - Bonifica dell'area - Subordine al beneficio della sospensione condizionale della pena - Revoca - Violenta opposizione di un terzo - Verifica di eventuali fattori impeditivi dell'adempimento dell'obbligo - Necessità - Art. 257 d.L.vo n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenza di condanna - Beneficio della sospensione condizionale della pena - Obbligo volto alla eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato - Inadempimento -  Revoca della sospensione condizionale - Impossibilità sopravvenuta - Verifica da parte del giudice della esecuzione - Obbligo - Artt. 163 e 165 cod. pen. - GIURISPRUDENZA.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2017, Sentenza n.

* INQUINAMENTO ACUSTICO - Attività musicale - Immissioni sonore esuberanti rispetto ai limiti fissati dalla normativa di settore - Sequestro della sala da concerti - Contenimento dell'inquinamento acustico - Interventi di adeguamento tecnico - Art. 659 cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Provvedimenti cautelari reali - Ordinanze emesse in materia di sequestro preventivo - Ricorso per cassazione - Limiti e requisiti - Art. 325 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/09/2017, Sentenza n.43153

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Permesso di costruire - Conformità delle opere - Soggetti responsabili - Committente, costruttore, progettista e direttore dei lavori - Artt. 29, 32, 44, 64, 65, 71, 72 d.P.R. n. 380/2001 - Art. 181 d.lgs. n. 42/2004 - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Interventi edilizi in una zona paesaggisticamente vincolata - Qualificazione giuridica - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di esclusione della punibilità - Reato continuato - Comportamento abituale - Configurabilità - Art. 131-bis cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 14/06/2017, Sentenza n.

* INQUINAMENTO ACUSTICO - Attitudine dei rumori a disturbare il riposo o le occupazioni delle persone - Metodi di accertamento - Tipico giudizio di fatto - Incensurabilità in sede di legittimità - Superamento dei limiti di normale tollerabilità - Bar con karaoke e concerti - Art. 659 cod. pen. - Schiamazzi e rumori prodotti dagli avventori all'esterno del locale - Responsabilità del gestore del locale - Sussiste - Reati commissivi mediante omissione - Configurabilità - Giurisprudenza - Emissioni rumorose - Doppia ipotesi di reato - Disturbo della pubblica quiete e professione o mestiere rumoroso - Consumazione del reato ex art.659 c.p. - Unica condotta rumorosa o schiamazzo - Pluralità di reati unificati dal vincolo della continuazione - Reato eventualmente permanente connesse all'esercizio di attività economiche e legate al ciclo produttivo - Rideterminazione del complessivo trattamento sanzionatorio - DANNO AMBIENTALE - Tutela dell'ambiente esterno e dell'ambiente abitativo dall'inquinamento acustico - Sovrapponibilità tra le due fattispecie ex art. 659, c.2 e dell'art. 10 L. n. 447/1995 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Correlazione tra l'imputazione contestata e sentenza - Scopo di assicurare il contraddittorio e l'esercizio del diritto di difesa - Criteri di valutazione - Risarcimento del danno - Condanna del Tribunale o del Giudice di pace - Diritto all'appello - Differenze.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/09/2017, Sentenza n.43160

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Abuso di ufficio e dolo intenzionale - Responsabile dell'U.T.C. - Fattispecie - Rilascio di concessione edilizia illegittima e successivo rilascio in sanatoria del permesso di costruire - Crollo del fabbricato - Tutela del pubblico interesse e pericolo oggettivo per la staticità degli immobili adiacenti - Ridimensionamento sostanziale dell'intervento edilizio - Art.323 cod. pen. - Artt. 12, 44, lett. b), d.P.R. n. 380/2001 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Dirigenti e responsabili uffici comunali - Abuso di ufficio - Irrilevanza della compresenza di una finalità pubblicistica.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.5^ 13/09/2017 Sentenza C-350/16 P

DIRITTO DELLA PESCA - Divieto della pesca del tonno rosso - Politica comune della pesca – Principio di parità di trattamento - Misure di emergenza adottate dalla Commissione europea – Violazione sufficientemente qualificata di una norma giuridica – Possibilità di invocare tale violazione – Principio di non discriminazione – Autorità di cosa giudicata - Impugnazione - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Responsabilità extracontrattuale dell’Unione europea – Domanda di risarcimento – Regolamento (CE) n. 530/2008 - Presupposti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 26/09/2017, Ordinanza n.22367

ARIA - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Immissioni di fumo provenienti dal camino - Impianti di riscaldamento per uso domestico - Presunzione legale di nocività e pericolosità "relativa" - Onere della prova che non esiste danno o pericolo per il vicino - Distanze per fabbriche e depositi nocivi o pericolosi - Art. 890 cod. civ..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.7^ 26/09/2017, Ordinanza n.44257

ARIA - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Ristorante emissione di fumi e vapori maleodoranti - Molestie olfattive promananti da impianto munito di autorizzazione - Emissioni in atmosfera - Criteri della normale tollerabilità e stretta tollerabilità - Cortile condominale - Art. 674 cod. pen. - Art. 844 cod. civ. - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Vizi della motivazione - Controllo del Giudice di legittimità - Limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.6^ 12/09/2017, Ordinanza n.21150

INQUINAMENTO ACUSTICO - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - DANNO AMBIENTALE - Risarcimento dei danni prodotti alla propria abitazione - C.d. danno da svalutazione - Risarcimento del danno per inquinamento acustico e atmosferico - Danno biologico ed esistenziale ex artt. 844 e 2043 c.c. - Immissioni rumorose e di gas di scarico degli autoveicoli - Necessità di prova del danno - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Ricorso per Cassazione - Apprezzamento dei fatti e delle prove dei giudici del merito - Esclusione - Controllo della correttezza giuridica sotto il profilo logico formale - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/09/2017, Sentenza n.41524

RIFIUTI - Deposito alla rinfusa o accumulo disordinato di rifiuti eterogenei - Deposito temporaneo - Deposito preliminare o stoccaggio - Deposito incontrollato o abbandono di rifiuti - Responsabilità - Titolare della impresa e delegato all'attività imprenditoriale per conto della impresa - Art. 256, dlgs n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 3^, 13/09/2017 Sentenza C-111/16

AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - OGM - Alimenti e mangimi geneticamente modificati – Misure di emergenza – Misura nazionale diretta a vietare la coltivazione del mais geneticamente modificato MON 810 – Mantenimento o rinnovo della misura – Art.34 Reg. n.1829/2003/CE – Artt. 53 e 54 Regolamento (CE) n. 178/2002 – Presupposti d’applicazione – Principio di precauzione - Rinvio pregiudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 1^, 20/09/2017 Sentenza C-183/16 P

AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Carni di pollame – Polli congelati – Restituzioni all’esportazione – Regolamento di esecuzione (UE) n. 689/2013 che fissa la restituzione a zero – Legittimità – Regolamento (CE) n. 1234/2007 – Articoli 162 e 164 – Oggetto e natura delle restituzioni – Criteri di fissazione del quantum – Competenza del direttore generale della direzione generale (DG) dell’agricoltura e dello sviluppo rurale alla sottoscrizione del regolamento controverso – Sviamento di potere – “Comitatologia” – Regolamento (UE) n. 182/2011 – Articolo 3, paragrafo 3 – Consultazione del comitato di gestione per l’organizzazione comune dei mercati agricoli – Presentazione del progetto di regolamento di esecuzione in occasione della riunione di tale comitato – Rispetto dei termini – Violazione di forme sostanziali – Annullamento con mantenimento degli effetti - Impugnazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/09/2017, Sentenza n.

* PESCA - DIRITTO ALIMENTARE - FAUNA E FLORA - Vongole aventi una dimensione inferiore a quella minima - Detenzione e commercializzazione - Assenza di autorizzazione - Struttura commerciale caratterizzata da una certa semplicità - Responsabilità penale del legale rappresentante della società - Funzioni di semplice marinaio e delega di funzioni ad altro soggetto - Esistenza di norme interne preventivamente fissate - Necessità. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/09/2017, Sentenza n.41530

RIFIUTI - Gestione dei rifiuti - Deposito temporaneo - Requisiti ed onere della prova - Deposito incontrollato di rifiuti - Cumuli di carniccio esausto - Attività di produzione di esche vive - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - ARIA - Emissioni in atmosfera - Nozione di inquinamento ed emissione in atmosfera - Attività di allevamento di esche vive - Autorizzazione - Necessità - Art. 734 cod. pen. - Artt. 183, 268, 269 e 279, dlgs n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/09/2017, Sentenza n.41529

RIFIUTI - Gestione dei rifiuti - Raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi e non pericolosi - Mancanza di autorizzazione - CODICE DELL'AMBIENTE - Legislazione comune e legge eccezionale-emergenziale - Unico episodio di trasporto e deposito di rifiuti - Integrazione del reato di cui all'art. 256, c.1, dlgs n. 152/06 - Artt. 184, 256, d.lgs. n.152/06 - Giurisprudenza - Stato di emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti - Omologo reato - Smaltimento dei rifiuti non autorizzato - Natura di reato istantaneo - Unico trasporto abusivo di rifiuti - Integrazione - Art. 6, c.1, lett. d) d.L. n. 172/2008.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/08/2017, Sentenza n.39074

RIFIUTI - Gesso di defecazione - Commercio come fertilizzante - Requisiti - Sottoprodotto della lavorazione del carniccio - Artt. 112, 137, 182, 183, 184-bis, 184-ter, 216 256, d.lgs. n. 152/2006 - Cessazione della qualifica di rifiuto - Operazione di recupero, incluso il riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo - Presupposti - Onere della prova in tema di rifiuti - Spetta a chi intende dimostrare il contrario - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Mutamento del fatto - Presupposti - Trasformazione radicale nei suoi elementi essenziali della fattispecie - Incertezza sull'oggetto dell'imputazione - Reale pregiudizio dei diritti della difesa.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.5^ 27/09/2017, Ordinanza n.22531

RIFIUTI - Disservizi sulla raccolta rifiuti - Riduzione Tarsu del 40% - Indipendentemente dalla sussistenza di un nesso causale tra condotta ed evento - Presupposto della riduzione tariffaria - Equilibrio impositivo tra l'ammontare della tassa ed i costi generali del servizio - Regolamento comunale che escluda o limiti il diritto alla riduzione Tarsu - Disapplicazione - Prevalenza della disciplina primaria di cui al d.lgs. 507/93 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Disservizi prevedibilità o prevenibilità delle cause - Responsabilità dell'amministrazione comunale - Riduzione o esenzione dalla tassazione - Condizioni di inutilizzabilità - L'onere della prova grava sul contribuente - Elementi obiettivi direttamente rilevabili o idonea documentazione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/08/2017, Sentenza n.39475

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Ristrutturazione ruderi in zona vincolata - Permesso di costruire e autorizzazione paesaggistica - Necessità - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Nozione di edificio ultimato - Possesso dei requisiti di agibilità o abitabilità - Opere in conglomerato cementizio armato - Omessa denuncia - Natura di reato omissivo proprio - Configurabilità in capo al costruttore - Responsabilità in concorso del committente dell'opera - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Dichiarazione di illegittimità costituzionale di una norma di legge - Effetti retroattivi e futuri - Esclusione dei cosiddetti rapporti esauriti - Pubblicazione della sentenza di illegittimità costituzionale - Presunzione legale di conoscenza - Obbligo del giudice di non applicare la norma dichiarata incostituzionale - Rinnovazione dell'istruttoria nel giudizio di appello - Limiti - Giudice di appello - Sostituzione o aggiunta di pena pecuniaria - Presupposti - Divieto di "reformatio in peius" - Ragguaglio tra pene pecuniarie e detentive - Artt. 44, 65-72, 93-95 d.P.R. n. 380/2001 - Art. 136, 146 e 181 D.Lgs. n. 42/2004.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/08/2017, Sentenza n.39517

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Esportazione di beni culturali - Assenza di attestato autorizzatorio o licenza - Configurabilità del reato indipendentemente dalla produzione di un danno al patrimonio artistico nazionale - Beni culturali inesportabili - Danno presunto - Eccezioni - Opere di pittura, di scultura, di grafica di autore vivente o la cui esecuzione non risalga ad oltre cinquanta anni - Art. 174 d.lgs. n. 42 del 2004 - Beni culturali o di interesse culturale - Tentato trasferimento all'estero senza "autorizzazione" - Condotte idonee e dirette in modo non equivoco all'esportazione - Dogana - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Gravità indiziaria e legittimità del sequestro probatorio.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/08/2017, Sentenza n.39078

INQUINAMENTO DEL SUOLO - Sversamento di reflui fognari non depurati - Inquinamento ambientale - Corpo idrico recettore - Compromissione dell'habitat naturalistico o deterioramento dell'ambiente - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Odori molesti provenienti dal depuratore - Adeguamento tecnologico e strutturale dell'intero ciclo di depurazione - DANNO AMBIENTALE - Rilevante e misurabile - Artt. 137 e 300 d. Lgs. n.152/06 - Artt. 452 bis e 674 c.p. - Esalazioni nauseabonde - Presenza di moltissimi insetti e zanzare - Adeguamento tecnologico e strutturale dell'intero ciclo di depurazione - Getto pericoloso di cose di cui all'art. 674 c.p. - Concorso con i reati ambientali - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ordinanze in materia di sequestro preventivo o probatorio - Ricorso per cassazione - Presupposti e limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/07/2017, Sentenza n.37861

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Nozione di cose di interesse numismatico - Previsione residuale della norma - Impossessamento e sanzione - Artt. 10 e 176 del d.lgs. n. 42/2004 - Possesso delle cose di interesse archeologico - Provenienza legittima - Onere della prova - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/09/2017, Sentenza n.

* RIFIUTI - Gestione di rifiuti non autorizzata - Deposito incontrollato dei rifiuti - Responsabilità - Formale investitura della titolarità della impresa - Chiunque svolga attività imprenditoriale per conto della impresa - Art. 256 dlgs n. 152/2006 - Definizione e differenze tra deposito temporaneo, deposito preliminare o stoccaggio e deposito incontrollato o abbandono di rifiuti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/08/2017, Sentenza n.38853

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA -  Modifica dei prospetti - Permesso a costruire - Necessità - Ristrutturazioni edilizie "minori" - Esclusione - C.d. super D.I.A. - Fattispecie: aperture, chiusura modifica di ingressi esterni, finestre balconi - Giurisprudenza - Artt. 22,23, 24, 27 d.p.r. 380/2001 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Abuso d'ufficio - Dirigente - Rilascio del certificato agibilità - Abusi edilizi e verifica dei requisiti - Opere sottoposte a permesso  di costruire - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 19/07/2017, Sentenza n.35569

RIFIUTI - Abbandono di rifiuti - Responsabile titolare/legale dell’impresa/ente - Art. 256 d.lgs. n. 152/2006 - Abbandono di rifiuti e proprietà del sito - Responsabilità del terzo proprietario - Limiti - Giurisprudenza - Reato di deposito incontrollato di rifiuti - Natura di reato commissivo eventualmente permanente - APPALTI - Gestione del rifiuto - Appaltatore e rapporto contrattuale - Obblighi del committente sull'attività dell'appaltatore.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 18/07/2017, Sentenza n.35172

RIFIUTI - Smaltimento di rifiuti diversi da quelli per i quali si è in possesso di autorizzazione - Trattamento di rifiuti senza autorizzazione - Artt. 183, 188, 256, 257 e 318 d.lgs. n. 152/2006 - APPALTI - Obblighi di corretto smaltimento - Doveri del committente nei casi di ingerenza o controllo diretto - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - DANNO AMBIENTALE - Reati ambientali - Legittimazione a costituirsi parte civile - Risarcimento di un danno patrimoniale e non patrimoniale - Verifiche e compiti del giudice - Art. 318, c.2, lett. a), D.Lgs. n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/08/2017, Sentenza n.38866

RIFIUTI - Attività di ricovero e custodia cani conto terzi - Esclusione dalla nozione di allevamento del bestiame - Effluenti di allevamento - Utilizzazione agronomica - Presupposti - Smaltimento mediante impianto rudimentale di termocombustione - ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Disciplina degli scarichi e delle autorizzazioni - Gestione non autorizzata di rifiuti pericolosi e non pericolosi - Reflui di allevamento (canile) - Risarcimento dei danni in favore della parte civile - Insussistenza di un danno concreto - Artt. 74, 101, 112, 124, 133, 137 c.1 e 256 d.lvo n.152/2006 - AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Imprese dedite all'allevamento di bestiame - Disciplina degli scarichi e delle autorizzazioni - Effluenti di allevamento - Utilizzazione agronomica - Assimilazione alle acque reflue domestiche - Utilizzazione agronomica - Casi o limiti consentiti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione - Ricostruzione e valutazione dei fatti senza individuare vizi di logicità - Inammissibilità - Causa di esclusione della punibilità ex art. 131 bis cod.pen. - Inapplicabilità in caso di più reati della stessa indole - Giurisprudenza - Inammissibilità del ricorso in cassazione per motivi generici - Mancanza di specificità del motivo - Motivi che riproducono le ragioni già discusse e ritenute infondate dal giudice del gravame.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PUGLIA, Bari - 8 settembre 2017

* APPALTI - Omessa pubblicazione ex art. 29 d.lgs. n. 50/2016  - Rito super accelerato - Non trova applicazione -  Contratto di avvalimento - Qualificazione SOA - Oggetto agevolmente determinabile - Validità ed efficacia - Offerta espressa in cifre - Inintelligibilità - Sanatoria tramite riferimento all’offerta espressa in cifre - Illegittimità - Ragioni.

Categoria: 

Autorità: 

Pagine