CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 8^, 07/11/2018 Sentenza Cause riunite C-293/17 e C-294/17

FAUNA E FLORA – Conservazione degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatiche – AREE PROTETTE - Zone speciali di conservazione – Attività di pascolo del bestiame e di applicazione di fertilizzanti al terreno in prossimità di zone Natura 2000 – Intervento fisico sull’ambiente naturale - Limiti - Articolo 6 Direttiva 92/43/CEE - Opportuna valutazione - Misure di conservazione - Misure di prevenzione – Opportuna valutazione dell’incidenza di un piano o di un progetto su un sito – Attività periodica - Programma nazionale di gestione dei depositi di azoto – Nuova procedura di autorizzazione - Condizioni di esecuzione – Nozioni di “progetto” e di “opportuna valutazione” – Valutazione globale a monte delle autorizzazioni individuali di aziende agricole che generano tali depositi - Opportuna valutazione - Validità scientifica - Spetta al giudice nazionale verificare - AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Fertilizzanti al terreno e pascolo del bestiame - Incidenze sui siti - Verifiche del giudice - Monitoraggio e controllo di aziende agricole le cui attività generano depositi di azoto. 

Categoria: 

Autorità: 

TAR CALABRIA, Catanzaro - 12 novembre 2018

* VIA, VAS E AIA - AREE PROTETTE - SIC e ZPS - Piani o progetti che possano avere incidenze significative - VINCA - Principio di precauzione - Art. 6, n. 3 direttiva 92/43/CEE - Rinnovo dell’AIA - Valutazione di incidenza - Non è richiesta - Fattispecie: riattivazione di un impianto di rifiuti a lungo sottoposto a sequestro per gravi violazioni ambientali e conseguente necessità di VINCA.

Categoria: 

Autorità: 

TAR ABRUZZO, Pescara - 25 ottobre 2018

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Poteri di ordinanza ex art. 278 d.lgs. n. 152/2006 - Criteri di gradualità e progressività - Meccanismo di revoca - Presupposti - Condizioni alternative - Mancato adeguamento alle prescrizioni imposte con la diffida - Reiterata inosservanza con pericolo o danno per la salute o l’ambiente - Adozione di misure sanzionatorie - Principio di proporzionalità - Bilanciamento degli interessi - Minor sacrificio possibile - Fattispecie.

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 8^, 13/09/2018 Sentenza C-332/17

TUTELA DEI CONSUMATORI – Comunicazioni telefoniche – Contratti conclusi con i consumatori – Prassi di un fornitore di servizi di telecomunicazioni consistente nel proporre ai propri clienti che hanno già concluso un contratto un numero di assistenza a selezione rapida soggetto ad una tariffa superiore alla tariffa di base - Divieto - Rinvio pregiudiziale – Articolo 21 Direttiva 2011/83/UE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 8^, 20/09/2018 Sentenza C-448/17

TUTELA DEI CONSUMATORI - Clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori - Procedimento d’ingiunzione di pagamento - Opposizione - Direttiva 93/13/CEE - Normativa nazionale che subordina la facoltà d’intervento in giudizio di un’associazione per la difesa del consumatore al consenso del consumatore - Credito al consumo - Direttiva 87/102/CEE - Contratto concluso tra un professionista e tale consumatore - Clausole abusive - Obbligo di redigere le clausole in modo chiaro e comprensibile - Fase dell’emanazione di un’ingiunzione di pagamento nei confronti di un consumatore - Audizione delle autorità giudiziarie da parte di persone o organizzazioni aventi un legittimo interesse a tutelare i consumatori dall’uso di clausole abusive - Contratti conclusi con i consumatori - Obbligo di indicare il tasso annuale effettivo globale nel contratto scritto - Contratto contenente soltanto un’equazione matematica di calcolo del tasso annuale effettivo globale priva degli elementi necessari per effettuare tale calcolo - Rinvio pregiudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Caratteristiche della pertinenza ed esclusione del permesso di costruire - Oggettiva esigenza funzionale dell'edificio principale - Sfornito di un autonomo valore di mercato - Volume non superiore al 20% di quello dell'edificio cui accede - Esclusione di destinazione autonoma e diversa - Artt. 3, 44, lett. c), 64, 65, 71, 72, 83 e 95 d.P.R. 380/2001- Art. 181, c.1 bis, d.lgs. 42/2004 - Art. 734 cod. pen. e 349, c.2, cod. pen. - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

TAR LOMBARDIA, Milano - 29 ottobre 2018

* VIA, VAS E AIA - Fase della VAS - Sviluppo all’interno del procedimento di adozione - Anteriorità rispetto al provvedimento finale di approvazione - Mutata concezione del procedimento programmatorio, di derivazione comunitaria - Autorità competente - Non costituisce articolazione necessaria della struttura organizzativa dell’ente - Nomina - Competenza derivata - Necessità susseguente alla decisione pianificatoria.

Categoria: 

Autorità: 

TAR VENETO 5 novembre 2018

* APPALTI - Art. 80, c. 5, lett. c) d.lgs. n. 50/2016 - Portata relativa alle sole false dichiarazioni sul possesso dei requisiti di carattere generale o speciale - Inconfigurabilità - Valutazioni e punteggi attribuiti dalla commissione - Insindacabilità nel merito - Fondamento.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/07/2018, Sentenza n.34145

RIFIUTI - Definizione di deposito controllato o temporaneo non disciplinato dalla normativa sui rifiuti - Rispetto delle norme tecniche - Nozione e differenza tra deposito preliminare, messa in riserva, deposito incontrollato o abbandono e discarica abusiva - Giurisprudenza - Art. 183, 208, e 256 d.lgs n. 152/2006 - Attività di gestione di rifiuti non autorizzata - Reato contravvenzionale - Elemento psicologico dolo e colpa - Errore scusabile e ignoranza della legge penale - Buona fede - Elementi e limiti - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Scarico sul suolo acque reflue industriali in violazione del prescritto divieto - Acque meteoriche e di dilavamento dei piazzali - Contestazione dell'accusa - Specificazione del fatto più che all'indicazione delle norme di legge violate - Mancata individuazione degli articoli di legge violati - Irrilevanza - Limiti - Esercizio del diritto di difesa - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Scarichi sul suolo e scarichi nel sottosuolo e nelle acque sotterranee - TU Ambientale Artt. 103, 104 e 137 d. lgs. n. 152/2006 - Tutela penale dall'inquinamento - Differenza tra acque meteoriche da dilavamento e reflui industriali ex art. 74, lett. h), D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 - Fattispecie: trasformazione di acque meteoriche per contaminazioni con sostanze o materiali inquinanti in reflui in acque industriali - RIFIUTI - Qualifica di rifiuti dei materiali - Obiettivi connaturanti la condotta tipica - Accertamento della natura di un oggetto quale rifiuto - Art. 183 D.Lgs.  n. 152/2006 - Quaestio facti - Demandata al giudice di merito insindacabile in sede di legittimità - Artt. 183, 256, 269, 279, d. lgs. n. 152/2006 - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Inquinamento aria - Natura giuridica di reato permanente - Cessazione della permanenza - Sopralluogo eseguito dai tecnici - Art. 674, c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Cassazione - Difetto di motivazione in ordine alla valutazione di una dichiarazione testimoniale - Integrale produzione dei verbali relativi o dalla integrale trascrizione in ricorso di detta dichiarazione - Necessità - Circostanze attenuanti generiche - Riconoscimento o diniego - Poteri e doveri del giudice di merito - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49694

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Difetto del permesso di costruire ed in zona a vincolo paesaggistico ed ambientale - Ordine di demolizione e rimessione in pristino - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Sequestro preventivo - Continuazione, esecuzione e completamento delle opere - Violazione dei sigilli - Fattispecie - Art. 181, comma 1-bis, d.lgs. n. 42/2004 - Art. 349, c.1 e 2, cod. pen.-  art. 44, comma 1, lett. e), d.P.R. n.380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenze di primo e secondo grado concordanti - Motivazione e struttura motivazionale della sentenza di appello - Unico complesso corpo argomentativo - Concreta lesione dei diritti di difesa - Necessità - Soglia della specificità - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49697

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Illegittima autorizzazione a lottizzare - Configurabilità del reato di lottizzazione abusiva - Contrasto tra attività cognitiva del giudice penale e principio di tassatività della norma penale - Articolo 650 codice penale - Inosservanza dei provvedimenti dell'autorità - Giurisprudenza - Artt. 12, 13, 29, 30, 44, d.P.R. n.380/2001 - Urbanistica e titolo abilitativo - Verifica del giudice penale della legalità nell'attività amministrativa (articolo 97 cost.) - Reato urbanistico suscettibile di estinzione ex articolo 45, c.3, d.P.R. 380/2001 - Effetti giuridici - Repertorio giurisprudenziale - Contenuti degli strumenti urbanistici - Regolamenti di igiene - Norme di edilizia e di tutela ambientale - Finalità della disciplina urbanistica - RESPONSABILITÀ PER DANNI - Discipline sulle distanze - Funzione integrativa - Responsabilità risarcitoria nei confronti dei privati confinanti - Art. 872 codice civile - Tutela ripristinatoria- PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Mancanza o l'illegittimità di un atto amministrativo - Potere di accertamento giurisdizionale - Elementi di natura extrapenale  - Principio di legalità - Profili di illegittimità sostanziale del titolo abilitativo - Identificazione in concreto della fattispecie - Controllo della legittimità di un atto amministrativo - Disapplicazione dell'atto amministrativo illegittimo - Ambito di operatività principio di legalità (articolo 97 Cost. e 101, c.2, Cost.) - Rapporto tra giudice ordinario e pubblica amministrazione - Art. 2, c.1, c.p.p. - Risoluzione incidentale della  questione civile, amministrativa o penale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49703

DIRITTO VENATORIO - CACCIA - Esercizio dell'uccellagione mediante utilizzo di archetti in area boschiva - Natura di reato pericolo a consumazione anticipata - La cattura fisica dell'animale non è necessaria - FAUNA - Predisposizione delle reti o di analoghi mezzi idonei alla cattura della fauna selvatica - Momento della consumazione del reato - BOSCHI - Esercizio di uccellagione in area boschiva - Giurisprudenza - Caccia con mezzi vietati ed uccellagione - Distinzione - Configurabilità del reato di uccellagione - Elementi - Indiscriminata cattura di uccelli - Potenzialità offensiva degli strumenti di cattura - Art. 30 c.1 lett. e) L. n.157/1992 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per cassazione - Effetti - Dichiarazione di cause di non punibilità - Esclusione - Art. 129 c.p.p..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2018, Sentenza n.45262

INQUINAMENTO ACUSTICO - Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - Modalità di acquisizione della prova dell'inquinamento acustico - Elementi di prova liberamente raggiunti - Adeguata motivazione - Necessità - Art. 659 comma 1 cod.pen. - D.M. n. 447/95 e D.M. 16/03/1998 - Fattispecie: emissioni rumorose in presenza di Nulla Osta Acustico e risarcimento dei danni - Attività o mestieri rumorosi - Ambito di operatività dell'art. 659 c.2° e c.1° cod.pen. - Ottenimento del Nulla Osta Acustico - Limiti - Illiceità dei rumori - Mero superamento dei limiti di emissione - Giurisprudenza - Emissioni rumorose in presenza di Nulla Osta Acustico - Atti irripetibili - Misurazioni fonometriche - Tipici accertamenti "a sorpresa" - RISARCIMENTO DANNO - Risarcimento dei danni in favore della parte civile - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Art. 431, c.1°, lett. b) cod.proc.pen. - Avviso all'indagato - Esclusione - Art. 360 cod. proc. pen. - Decreto di citazione a giudizio presso lo studio del difensore di fiducia - Nullità conseguente alla notifica - Esclusione - Sanatoria di cui all'art. 184 cod.proc.pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.6^ 23/10/2018, Ordinanza n.26770

RISARCIMENTO DEL DANNO - Animale di affezione - Perdita a seguito di un fatto illecito - Danno non patrimoniale risarcibile - Limiti - MALTRATTAMENTO ANIMALI - Investimento stradale (cane) - Danni esistenziali - Perdita della 'qualità della vita' - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PUGLIA, Lecce - 26 ottobre 2018

* BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA - Qualificazione di un’area quale area boscata - Art. 2, c. 6 d.lgs. n. 227/2001 - Cartografie del PPTR - Individuazione di un’area boscata con larghezza media maggiore di 20 metri e copertura a bosco superiore al 20% - Sottoposizione a incendio - Non esclude la qualificazione dell’area come boschiva.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2018, Sentenza n.45272

RIFIUTI - Sottoprodotti - Terre e rocce da scavo - Certezza sulla destinazione dell'utilizzo - Materiale stoccato e deposito incontrollato - Autorizzazioni - Termine maggiore per la durata dei lavori - Mancata indicazione della normativa extrapenale - Principio di correlazione tra sentenza ed accusa - Tutela del diritto di difesa - Artt. 184, 186,  256 d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Successione nel tempo di norme extrapenali integratrici del precetto penale - Principio di retroattività della norma favorevole - Limiti - Norma penale in bianco.

Categoria: 

Autorità: 

TAR LOMBARDIA, Brescia - 19 ottobre 2018

* APPALTI - Consegna in via d’urgenza delle prestazioni contrattuali - Art. 32, c. 8 d.lgs. n. 50/2016 - Provvedimento di natura eccezionale, da cui non deriva il perfezionamento del contratto - Mancata osservanza del termine di sessanta giorni per la stipulazione del contratto - Effetto decadenziale - Inconfigurabilità - Contegno meramente omissivo della ditta aggiudicataria - Equiparabilità alla dichiarazione di recesso - Inconfigurabilità - Permanenza dell’obbligo di addivenire al perfezionamento dello strumento negoziale - Inadempimento - Provvedimento di revoca dell’aggiudicazione - Garanzia definitiva - Art. 103, c. 1 d.lgs. n. 50/2016 - Garanzia provvisoria - Art. 93, c. 1 d.lgs. n. 50/2016 - Differenza.

Categoria: 

Autorità: 

TAR LOMBARDIA, Brescia - 29 ottobre 2018

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - RIFIUTI - PTRA per un aeroporto - Coordinamento con i piano di settore - Casi dubbi - Opzione interpretativa - Individuazione di precise incompatibilità - Deroga - Esclusione -  Carattere prevalente del PTRA sulle disposizioni urbanistiche comunale e provinciali - Art. 20, c. 4 l.r. Lombardia n. 12/2005 - Vincoli maggiormente restrittivi introdotti dal PTRA - Immediata efficacia in salvaguardia - Presupposto - Coerenza con le finalità attribuita al PTRA dalla legge regionale - Fattispecie: realizzazione di nuove discariche e rischi di interferenza con la sicurezza delle operazioni aeroportuali e della navigazione aerea.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/08/2018, Sentenza n.39244

RIFIUTI - Deposito incontrollato di rifiuti speciali non pericolosi - Deposito di macerie di demolizione edile a cielo aperto - Sottoprodotto - Esclusione della disciplina sui rifiuti - Onere della prova - Artt. 184 bis, 256 d. lgs. n.152/2006 - Gestione di rifiuti - Attività qualificabile come di amministrazione di fatto - Apprezzabile attività gestoria svolta in modo non episodico né occasionale - Necessità - Gestione o cogestione societaria - Art. 2639 c.c. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/07/2018, Sentenza n.

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Buona fede al momento dell'acquisto - Restituzione del bene - Effetti - Confisca - Art. 31 d.P.R. n.380/2001 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Modificazione della destinazione d'uso dei terreni prima o dopo dell'intervenuto passaggio in giudicato della sentenza - Effetti - Orientamenti giurisprudenziali - DIRITTO DEMANIALE - Provvedimenti amministrativi incompatibili con la demanialità o vincoli in genere - Vincolo ferroviario ai sensi dell'art. 49 d.P.R. 753/80 - Vincolo ai sensi dell'art. 55 del Codice della navigazione - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Vincolo paesaggistico ai sensi del d. Lgs. 42/2004.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2018 (Ud. 05/06/2018), Sentenza n.45247

INQUINAMENTO ACUSTICO - Immissioni rumorose - Strepiti degli animali - RISARCIMENTO DANNI - Risarcimento del danno a terzi - Individuazione del responsabile nella norma civile - Fattispecie: canile "di fatto" - Stretto collegamento tra l’art. 659 cod. pen. e l’art. 2052 - Esclusione - Repertori di giurisprudenza - Disturbo alle occupazioni o riposo delle persone - Elemento psicologico del reato di cui all'art. 659 cod. pen. - Intenzione dell'agente di arrecare disturbo alla quiete pubblica - Necessità - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/10/2018, Sentenza n.48835

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere abusive - Ordine di demolizione - Revoca o sospensione dell'ordine di demolizione - Istanza di condono o sanatoria successivamente al passaggio in giudicato della sentenza di condanna - Effetti - Pendenza del condono edilizio - Verifiche del giudice dell'esecuzione - Esclusione dell'efficacia sanante sulle opere abusive - Pagamento dell'oblazione - Art. 31 d.P.R. n. 380/2001.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/08/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - DIRITTO SANITARIO - Protesi umane e gestione dei rifiuti sanitari - Rifiuti derivanti da attività cimiteriali - Disciplina applicabile - Art. 24 L. n. 179/2002 - Art. 227 d.lgs. 152/2006 - Residui della combustione di sfalci derivanti dalla potatura - Normativa applicabile al settore agricolo - AGRICOLTURA - Attività di raggruppamento ed incenerimento di residui vegetali - Onere della prova - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Riesame di provvedimenti di sequestro (probatorio o preventivo) - Ricorso per cassazione - Art. 606, lett. e) cod. proc. pen. - Giurisprudenza - Tribunale del riesame - Ruolo di garanzia - Sequestro preventivo - Verifica della sussistenza del fumus del reato ipotizzato.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/10/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazioni edilizie - Ordine di demolizione del manufatto abusivo - Natura di sanzione amministrativa di carattere ripristinatorio - Prescrizione - Alienazione a terzi della proprietà dell'immobile abusivamente edificato - Acquirente (reale o simulato) - Effetti - Artt. 31 e 44, lettera B, d.P.R. n.380/2001 - Giurisprudenza  - Violazioni urbanistiche - Ordine di demolizione delle opere abusive - Sentenza passata in giudicato - Effetti della mera proposizione di una sanatori - Automatica sospensione dell'ordine di demolizione - Esclusione - Valutazione del giudice - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Decisività della prova (ritenuta travisata) - Natura di legittimità del giudizio di Cassazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/08/2018, Sentenza n.39032

RIFIUTI - Reati ambientali - Inosservanza degli obblighi - Difficoltà economiche dell'impresa - Causa di forza maggiore - Esclusione - SICUREZZA SUL LAVORO - Inosservanza di norme antinfortunistiche - Azione od omissione cosciente e volontaria dell'agente - Art. 45 cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di forza maggiore - Condotta dell'agente - Fatto imponderabile, imprevisto ed imprevedibile - Azione od omissione volontaria - Difficoltà economiche - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 22/08/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Rifiuti sanitari - Normativa applicabile - DIRITTO SANITARIO - Caratteristiche concrete della struttura sanitaria - D.P.R. 254/2003 - CODICE DELL'AMBIENTE allegato D), parte IV - Artt. 227 e 256 d. lgs. n.152/2006 - Fattispecie: codici CER 18.01.03, 18.01.04, 08.03.17, 18.01.09.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 01/10/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Attività di recupero dei rifiuti - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Prescrizioni contenute nell'autorizzazione - Inosservanza delle prescrizioni normative o imposte dalla P.A. - Effetti - Natura di reato reato proprio - Art. 256 d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/10/2018, Sentenza n.46997

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Tutela delle bellezze naturali - Nozione di paesaggio - Difesa del complessivo equilibrio estetico e culturale in un determinato ambito - Autorizzazione paesaggistica rilasciata in sanatoria - C.d. interventi minori - Fattispecie: unità produttiva, interventi di potenziamento e di rimaneggiamento in difetto di autorizzazione - Artt. 146, 167 e 181, d.lgs. n. 42/2004 - Rilascio postumo dell'autorizzazione paesaggistica in sede di rilascio del permesso di costruire in sanatoria - Effetti - Inibiscono la demolizione o/e la remissione in pristino - Estinzione del reato ex 181, d.lgs. n. 42/2004 - Esclusione - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Edificazione in area vincolata - Difetto della preventiva autorizzazione paesaggistica ex d.lgs. n. 42/2004 - Rilascio di concessione in sanatoria ex artt. 36, 44 e 45 d.P.R. n.380/2001 - Limiti - Autonomia strutturale dei due provvedimenti - Giurisprudenza - Differenza tra autorizzazione paesaggistica e permesso urbanistico ex art. 36 d.P.R. n.380/2001 - Accertamento di conformità e visione unitaria e complessiva - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Opere ultimate in zone vincolate paesaggisticamente - Ordinanza di sequestro preventivo - Presupposto del periculum in mora.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/07/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - SICUREZZA SUL LAVORO - INQUINAMENTO ACUSTICO - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di non punibilità - Condotte plurime, abituali e reiterate sorrette dalla medesima "ratio punendi" - Applicazione della tenuità del fatto - Esclusione - Presupposto negativo dell'abitualità anche distinte condotte implicate nello sviluppo degli accadimenti - Gestione non autorizzata - Esercizio abusivo della professione - Smaltimento di rifiuti prodotti da terzi in assenza del necessario titolo abilitativo - Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone (art. 659 cod. pen.) - D. lgs. n. 181/2008 - Art. 256 d. lgs. n.152/2006 - Art. 131-bis cod. pen. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.3^ 27/09/2018, Ordinanza n.23174

APPALTI - Opere edilizie - Progetto e saggi nei terreni di fondazione - Danni e risarcimenti - Obbligo giuridico o disposizione contrattuale di impedire l'evento dannoso - Responsabilità - Geologo, progettista e direttore dei lavori - Appaltatore e dovere di diligenza stabilito dall'art. 1176 c.c. - Opere edilizie da eseguirsi su strutture o basamenti preesistenti - Difficoltà di esecuzione dell'opera manifestatesi in corso d'opera - Imprevedibili - Diritto ad un equo compenso - Realizzazione dell'opera senza difetti costruttivi - Garanzia - Art. 1664, 2° co., c.c. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PIEMONTE - 24 ottobre 2018

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Piano particolareggiato - Artt. 16 e 17, c. 5 l. n. 150/1942 - Decorso del termine di dieci anni - Inefficacia per la parte in cui il piano non abbia avuto attuazione - Parte di piano rimasta inattuata - Presentazione di proposte per la formazione di singoli sub-comparti - Accoglimento - Interesse improcrastinabile della P.A. - Presupposti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 08/10/2018, Ordinanza n.24717

APPALTI - Vizi palesi o occulti - Difformità dell'opera - Appaltatore - Denuncia tempestiva al subappaltatore - Denuncia effettuata dal committente direttamente al subappaltatore - Inidoneità ex art. 1670 c.c. - Garanzia per le difformità e i vizi dell'opera - Committente e denunzia del vizio nel termine di decadenza - Reciproca indipendenza del subappalto e dell'appalto - Art. 1667 cod. civ. - Disciplina codicistica del subappalto - Inesistenza di rapporto diretto tra committente e subappaltatore - Autonomia dei rapporti - Norma eccezionale  - Art. 1676 cod. civ. - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - C.d. riconoscimento impeditivo della decadenza - Art. 2966 cod. civ. - Comportamento di riconoscimento interruttivo ex art. 2944 cod. civ. - Inefficacia della ricognizione non specificamente rivolta al destinatario - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 19/10/2018, Sentenza n.47719

INQUINAMENTO ACUSTICO - Rumore e rilevanza penale delle grida - Disturbato delle occupazioni e del riposo delle persone mediante schiamazzi - Oggetto della tutela penale dell'art. 659 cod. pen. - Tranquillità pubblica - Natura di reato di pericolo - Fattispecie: affaccio di notte alla finestra urlando e fischiando per richiamare i cani con il fine di farli smettere - Prova del reato di cui all'articolo 659 cod. pen. - Testimoni o qualsiasi altro mezzo idoneo - Superamento della normale tollerabilità - Apprezzamento del giudice di merito - DANNO AMBIENTALE - Risarcimento del danno risarcibile non rinvenibile da componenti patrimoniali suscettibili di precisa determinazione - Ricorso del giudice a criteri equitativi - Legittimità - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Rilettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione - Esclusione - Concessione o del diniego delle circostanze attenuanti generiche - Valutazione del giudice e motivazione adeguata - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/10/2018, Sentenza n.46042

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Realizzazione di insediamenti civili e ad attività produttive in zone boscate - INCENDI BOSCHIVI - Edificazione in aree percorse dal fuoco - BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA - Destinazione dell'area e vincoli - Art. 10 L. n.353/2000 -  Art. 44, d.P.R. n.380/2001 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

Pagine