CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 02/01/2019, Sentenza n.22

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Presunzione di proprietà pubblica - Rivendicazione da parte del privato della legittima proprietà - Ipotesi tassative e particolari - Patrimonio indisponibile dello Stato dei beni culturali - Presunzione di proprietà statale - Finalità recuperatoria della confisca stabilita dall'art. 174, c.3, dlgs n.42/2004 - Esportazione illecita di beni culturali - Diritto la confisca illegittimamente esportata, anche se il reato è prescritto - Fattispecie: statua «atleta vittorioso» di Lisippo di Sicione - Confisca obbligatoria e Corte di Strasburgo - Lottizzazione abusiva e  bene culturale - Interessi tutelati - Differenza - Finalità recuperatoria - Dominio dello Stato sul bene culturale - Concetto di estraneità al reato - Limiti - Getty Museum quale istituzione filantropica - Irrilevanza - Detenzione di res furtiva - Confisca ex art. 174, c.3, dlgs n.42/2004 - Effetti e finalità - Soggetto inciso dal provvedimento e commissione del reato - Beni culturali soggetti al regime del demanio pubblico non sono suscettibili di valida possessio ad usucapionem - Continuità normativa tra art.66 L. n.1089/1939 ora art.174 dlgs n.42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Diritto dell'individuo ad un equo processo - Conformità alle regole della Convenzione Edu - Udienza davanti alle giurisdizioni ulteriori - Amministrazione della giustizia - Presenza e controllo del pubblico - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Celebrazione nella forma della udienza pubblica - Legittimità dell'adozione di un procedimento non partecipato - Fase de plano - Confisca del bene - Diversità della oggettività giuridica delle condotte - Violazione del principio del bis in idem - Esclusione - Presupposti giuridici diversi - Confisca - Procedura di esecuzione - Convenzione di Vienna - Facoltà dell'autorità consolare - Attività di carattere giudiziario all'interno della sua circoscrizione - Rogatoria internazionale - Esclusione - Abnormità strutturale e abnormità funzionale - Differenza - Riferimenti giurisprudenziali recenti. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/12/2018, Sentenza n.55028

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ordine di demolizione impartito con la sentenza di condanna - Sospensione o revoca - Domanda di sanatoria - Potere-dovere di verifica del giudice dell'esecuzione - Controllo sulla legittimità dell'atto concessorio - Reati edilizi - Disposizioni introdotte da leggi regionali - Rapporti tra la disciplina regionale e la normativa statale - Artt. 36 e 45 del d.PR. n.380\01 - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/12/2018, Sentenza n.

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Attività produttive - Getto pericoloso di cose - Configurabilità dell'art. 674 cod.pen. - Ipotesi di emissioni in conformità alle previste autorizzazioni e in assenza - Criteri di "stretta tollerabilità" e criterio della "normale tollerabilità" - Art. 844 cod. civ. - Emissioni (esalazioni di solvente) - Art. 674 cod.pen. - Unicità del reato - Significato dell'espressione "gettare cose" - Dimostrazione (molestie olfattive) - Perizia tecnica - Necessità - Esclusione - Violazione del principio di precauzione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/11/2018, Sentenza n.53670

RIFIUTI - Insediamento produttivo di recupero di rifiuti - Sequestro preventivo dell'area adibita a deposito - Terreno attiguo censito quale "seminativo arboreo" - Art. 256 d.lgs n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Provvedimenti cautelari reali - Sequestro preventivo - Nozione di violazione di legge - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/11/2018, Sentenza n.53683

RIFIUTI - Commercio ambulante - Svolgimento non autorizzato di attività di trasporto di rifiuti - Applicabilità del regime derogatorio ex art. 266 T.U.A. - Limiti - Fattispecie - Artt. 189, 190, 193, 212, 256, 266 d.lgs. n. 152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Riesame di misure cautelari reali - Sequestro preventivo o probatorio - Ricorso per violazione di legge - Fumus di reato e diversa qualificazione giuridica del fatto.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/11/2018, Sentenza n.53685

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazioni edilizi - Ordine di demolizione del manufatto abusivo - Revoca o sospensione dell'esecuzione dell'ordine di demolizione - Limiti - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio - Principio del ne bis in idem - Normativa convenzionale ed eurounitaria - Artt. 23 e 31, comma 9, d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 - Demolizione del manufatto abusivo - Coordinamento tra l'intervento specifico giudiziario e quello generale, di carattere amministrativo - Fase esecutiva dei provvedimenti - Poteri e valutazione del giudice dell'esecuzione - Fattispecie.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/11/2018, Sentenza n.53678

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Istanza di prescrizione dell'ordine di demolizione - Richiesta in sanatoria - Mantenimento dell'ordine di demolizione - Poteri del Giudice dell'esecuzione - Art. 31, D.P.R. n.380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per Cassazione - Motivi generici - Inammissibilità originaria - Carenza di motivazione - Effetti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/11/2018, Sentenza n.53661

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Prescrizione dell'ordine di demolizione del manufatto abusivo - Esclusione - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio - Giurisprudenza della Corte EDU - Art. 31 del d.P.R. n. 380/2001 - Reati edilizi - Ordine di demolizione - Eventuale «disapplicazione» dell'atto amministrativo - Potere-dovere di verifica del giudice penale - Fattispecie: Sentenza passata in giudicato - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Definizione della collocazione dell'immobile in sede di legittimità - Preclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE Sez. UNITE CIVILE, 27/11/2018, Ordinanza n.30650

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Presunta violazione di legge e legittimità del provvedimento - DIRITTO PROCESSUALE AMMINISTRATIVO - Difetto assoluto o relativo di giurisdizione - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Rifiuto di giurisdizione da parte del giudice amministrativo - Corte di Cassazione - Competenze e limiti - DIRITTO DELL'ENERGIA - Mancata autorizzazione all'installazione di un parco eolico - Risarcimento del danno. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.3^ 27/11/2018, Ordinanza n.30620

DIRITTO DEGLI ALIMENTI - Colorante Sudan I nel peperoncino rosso - Alimenti ed additivi vietati e pericolosi - Sostanza del colorante ritenuta cancerogena - Principio di precauzione - TUTELA DEI CONSUMATORI - Obbligo di sicurezza alimentare del produttore nei confronti del consumatore - Fattispecie.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/11/2018, Sentenza n.52398

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Mutamento d'uso urbanisticamente rilevante - Configurabilità del reato - Opere in assenza del permesso di costruire in zona sismica e sottoposta a vincolo paesaggistico - Artt. 23 ter, 29, 44, 93, 94, 95, d.PR. n.380/2001 - Art. 181, d. lgs. n. 42/2004 - Direttore dei lavori - Responsabilità - Posizione di garanzia - Recesso tempestivo dalla direzione dei lavori - Illecito edilizio evidenziato in modo obiettivo o conoscenza che le direttive impartite erano disattese o violate - Mutamento rilevante della destinazione d'uso - Esecuzione di opere edilizie - Diversa categoria funzionale - Potestà legislativa regionale - Attività edilizia libera - Vasche di raccolta delle acque - Segnalazione certificata dì inizio di attività (SCIA) - Limiti - Opere urbanisticamente rilevanti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Esclusione della punibilità per la particolare tenuità del fatto - Cassazione - Limiti - Art. 131-bis cod. pen. - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/11/2018, Sentenza n.52149

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Costruzione in zona agricola - Destinazione del manufatto alle opere dell'agricoltura - Possesso dei requisiti soggettivi di imprenditore agricolo - Valutazione di conformità ai fini del rilascio della sanatoria - Fattispecie: edificazione ex novo di una villetta con piscina - Artt. 30, 44, d.P.R. n. 380/2001 e 181, d. lgs. n. 42 del 2004 - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Sequestro preventivo per reati paesaggistici - Realizzazione di una dimora turistica - Totale snaturamento della pianificazione urbanistica di zona - Valutazione dell'incidenza degli abusi sulle diverse matrici ambientali - Presupposto del "periculum in mora" - Necessità - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Ignoranza da parte dell'agente sulla normativa di settore e sull'illiceità della propria condotta - Elemento psicologico del reato - Presupposti per l'esclusione della colpa - Limiti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro preventivo o probatorio - Riesame dei provvedimenti in sede di legittimità - Requisiti e limiti - Difetto dell'elemento soggettivo del reato - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/11/2018, Sentenza n.51833

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Cessione di cubatura edificabile un fondo in favore di altro fondo - Condizioni - Requisito della reciproca prossimità - Omogeneità urbanistica - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Rilascio di autorizzazione paesaggistica - Responsabile dell'ufficio tecnico - Criteri di valutazione - Presupposti giuridico-fattuali - Falsita' ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici - Art. 479 cod. pen. - Giurisprudenza - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Discrezionalità tecnica - Presupposti e limiti - Reato di falso ideologico - Configurabilità - Valutazione normativamente fissati - Criteri tecnici generalmente accettati - Atto pubblico - Funzione di affidamento - Fattispecie.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/11/2018, Sentenza n.51820

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Mancata confisca dei terreni sequestrati - Divieto di reformatio in pejus - Potere-dovere in sede esecutiva - Art. 676 cod. proc. pen. - Artt. 30, 44 lettere b) e e), 64, 65, 71, 83, 95 d.PR. n.380/2001 - Confisca di terreni abusivamente lottizzati - Natura reale e non personale della confisca - Carattere sanzionatorio della misura ablativa - Evoluzione giurisprudenziale - Poteri del giudice dell'esecuzione - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudice di appello - Misura di sicurezza obbligatoria e illegittimamente esclusa - Integrazione o riscrittura ex novo della motivazione della sentenza - Limiti -  Effetti della mancanza assoluta di motivazione della sentenza - Trasmissione degli atti al giudice di primo grado - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 15/11/2018, Sentenza n.51584

INQUINAMENTO ACUSTICO - Abuso di strumenti sonori - Reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - Inquinamento acustico e particolare tenuità del fatto - Applicazione della causa di non punibilità - Giudizio fattuale riservato al giudice di merito - Art. 659, c.1, cod. pen. - Art. 131 bis cod. pen. - Rumore - Verifica del superamento della soglia della normale tollerabilità - Fenomeno idoneo ad arrecare oggettivamente disturbo della pubblica quiete - Perizia o consulenza tecnica non necessarie - Elementi probatori di diversa natura - Valutazione del fatto - giudice di merito - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di non punibilità -  Inquinamento acustico e reiterazione della condotta - Annullamento con rinvio da parte della Corte di Cassazione - Estinzione del reato per intervenuta prescrizione, maturata successivamente alla sentenza di annullamento parziale - Esclusione - Principio di conservazione degli atti - Conversione dell'impugnazione - Automatico trasferimento del procedimento dinanzi al giudice competente - Requisiti di sostanza e forma - Art. 568, c.5, cod. proc. pen.. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 15/11/2018, Sentenza n.51600

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reato di omessa denuncia lavori in zona sismica - Aree a bassa sismicità - Obbligo della progettazione antisismica - Introduzione della zona 4 - Facoltà per le Regioni - Disciplina applicabile - Artt. 83, 93, 94 e 95 d.PR. 380/2001 - Zona sismica - Esecuzione di lavori edilizi - Consistenza delle opere "modesta entità" - Natura dei materiali usati e delle strutture realizzate - Progettazione - Necessità - Tutela normativa - Pubblica incolumità e sicurezza delle costruzioni - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di non punibilità - Particolare tenuità del fatto - Giudizio di legittimità - Assenza di specifica richiesta - Obbligo di pronunciarsi - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 15/11/2018, Sentenza n.51576

RIFIUTI - Attività di gestione illecita di rifiuti - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Responsabilità e posizione del sindaco - Limiti alla separazione delle funzioni tra sindaco e dirigenza - Organo politico e organo tecnico amministrativo - Attività di controllo - Dovere di attivazione - Pericolo la salute delle persone o l'integrità dell'ambiente non derivanti da contingenti ed occasionali emergenze tecnico-operative - Art. 107, d.lgs. n. 267/2000 - Gestione illecita di rifiuti - Piattaforma ecologica - Concetto di «ecopiazzola» o «isola ecologica» - Responsabilità del sindaco - Art. 256, d. lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 15/11/2018, Sentenza n.51604

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Nuove costruzioni - Assenza di titolo abilitativo - Aggravio del carico urbanistico - Sequestro preventivo - Sussistenza del fumus del reato urbanistico - Destinazione d’uso e  destinazione urbanistica - Incidenza sulle esigenze urbanistiche di zona - Committente dei lavori e incolpazione cautelare - Art. 44, lett. b) d.PR. n.380/2001 - Nozione di carico urbanistico - Elemento secondario di servizio proporzionato all'insediamento primario - Manufatto in tendostruttura - Aspetto strutturale e funzionale dell'opera - Riferimento agli standard fissati - Immobile abusivo ultimato - Sequestro preventivo - Incidenza negativa concretamente individuabile sul carico urbanistico - Effetti pregiudizievoli del reato - Adeguata motivazione - Distinzione tra effetto lesivo del reato sul bene giuridico protetto e libera disponibilità del bene - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Motivazione delle ordinanze cautelari personali e misure cautelari reali - Esigenze cautelari e dei gravi indizi di colpevolezza - Motivazione - Disposizione della misura per relationem - Tecnica del c.d. copia e incolla - Previsione di "autonoma valutazione" - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 15/11/2018, Sentenza n.51581

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Tutela dei beni culturali - Danneggiamento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale - Obbligo in capo a chi ha la disponibilità dei beni della buona conservazione - Violazione dell'art. 733 cod. pen. - Natura di reato di danno a forma libera e permanente - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Differenza tra reato permanente a forma c.d «chiusa» e «aperta» - Momento della consumazione del reato - Cessazione della permanenza - Art. 516 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 15/11/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Realizzazione di una tettoia - Sanatoria - Sospensione dell'azione penale - Silenzio­rifiuto - Effetti - Esistenza o sopravvenienza della causa estintiva nei successivi gradi di giudizio - Violazioni della disciplina antisismica - Artt. 6, 10, 36, 44, 64, 65, 71, 93, 94, e 95 d.PR. 380/01 - Lastrico solare - Realizzazione di una tettoia - Nuova opera - Permesso di costruire - Necessità - Nozione di opera precaria - Specifiche caratteristiche - Definizione giuridica di interventi edilizi precari - Giurisprudenza - Attività edilizia - Valutazione unitaria e complessiva - Scissione e considerazione separata dei singoli componenti - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 14/11/2018, Sentenza n.51475

DANNO AMBIENTALE - Nozione di danno ambientale e risorse naturali -  INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Inquinamento dell'aria e danno ambientale - Termovalorizzatore o impianto di coincenerimento - Miscelazione di lolla di riso con altri rifiuti - Attività organizzata per il traffico abusivo di rifiuti - Falsificazione dei certificati di analisi provenienti dal laboratorio - Artt. 184 bis, 185, 258, 260, 267 e ss., 300, 311 d.lgs. n.152/2006 - Art. 483 cod. pen. - RIFIUTI - Gestione di rifiuti - Accertamento della pericolosità di un rifiuto - Rispetto delle metodiche di campionamento e di analisi fissate dalla norma tecnica UNI 10802 - Esclusione - Miscelazione della lolla di riso con rifiuti di ogni genere - Esclusione della lolla di riso dalla categoria dei sottoprodotti - Sussistenza delle condizioni di legge - Onere della prova - Nozione di sottoprodotti - Evoluzione normativa - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale - Ipotesi e presupposti - C.d. perizia "esplorativa" - Intercettazione telefonica - Travisamento e non condivisione dell'interpretazione del dialogo - Differenza - Giurisprudenza di legittimità. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 14/11/2018, Sentenza n.51489

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Responsabilità di un coniuge per il fatto materialmente commesso dall'altro - Individuazione della compartecipazione di un coniuge nel reato materialmente commesso dall'altro - Elementi indizianti - Art. 44, lett. e) d.PR. 380/2001 e 181 d.lgs. 42/2004 - Abuso edilizio - Responsabilità del proprietario (o comproprietario) dell'area non formalmente committente - Principio del "cui prodest" - Compartecipazione, anche morale, all'esecuzione delle opere - Onere della prova - Giurisprudenza - Lottizzazione abusiva - Configurabilità del reato - Art. 30 d.PR. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto - Contestuale violazione di più disposizioni quale conseguenza dell'intervento abusivo - Ipotesi di violazioni urbanistiche e paesaggistiche - Art. 131-bis cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 14/11/2018, Sentenza n.51480

VIA VAS AIA - Inosservanza delle prescrizioni dell'AIA - Ispezioni - ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Scarichi idrici - Superino valori limite predeterminati - Aree di salvaguardia delle risorse idriche destinate al consumo umano - Artt. 5,  29-decies, 29-quaterdecies, 94 d.lgs. 152/2006 - Impianto di trattamento di acque meteoriche di prima pioggia con funzionamento discontinuo - Modalità di campionamento - Campionamento istantaneo in situazioni particolari - Controllo di conformità degli scarichi di acque reflue industriali - Campione medio - Motivazione espressa nel verbale di campionamento - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Nozione di "emissioni" - Definizione di "valori limite di emissione" - Garanzia di un livello equivalente di protezione dell'ambiente - Ipotesi contravvenzionale di cui all'art. 29- quaterdecies, comma 3, lettera a) - Applicabilità anche agli scarichi. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 12/11/2018, Sentenza n.28893

 INQUINAMENTO ACUSTICO - Immissioni acustiche - Vaglio di tollerabilità ex art. 844 c.c. - Tutela della salute - Superamento del livello massimo di immissioni rumorose ex art. 844 c.c. - Accertamento - art. 844 c.c. e 2043 c.c.; artt. 3, comma 1, lett. l),art. 10, comma 5 e art. 11 della L. n.447/1995; artt. 1, 2, 5, 6 D.P.R. n. 142/2004; artt. 3, 4 e 8 D.Lgs. n. 194/2005; art. 5 D.M. Ambiente 29.11.2000; art. 8 D.P.C.M. 14.11.1997; D.P.C.M. 1.3.1991; art. 44 del D.P.R. n. 327/2001 - Differenziazione tra tutela civilistica e tutela amministrativa - Superamento del limite della normale tollerabilità - Normale qualità della vita rispetto alle esigenze della produzione - RISARCIMENTO DEL DANNO - Azione risarcitoria extracontrattuale, ex artt. 2043 e 844 c.c. - Inquadramento normativo e giurisprudenziale - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Gestione dei propri beni - Regole tecniche o dei canoni di diligenza e prudenza - Inosservanza da parte della P.A. - Condanna al risarcimento dei danni - Principio del neminem laedere - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Apprezzamento del giudice di merito - Necessitò di discutere ogni singolo elemento o a confutare tutte le deduzioni difensive - Esclusione - Accertamento di fatto sorretto da adeguata e logica motivazione - Vizio della sentenza previsto dall'art. 360 n. 3 c.p.c. - Presupposti - Limiti del controllo in sede di legittimità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/11/2018, Sentenza n.51006

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Nozione di acque reflue industriali - Individuazione dell'attività di produzione industriale - Insediamenti di attività artigianali e di prestazioni di servizi - Caratteristiche di quantità e qualità delle acque - Fattispecie: lavaggio di capannoni adibiti all'allevamento di tacchini - Artt. 74, 137 e 256, 2 c. d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - Stabile sistema di collettamento che unisca il ciclo di produzione del refluo con il suolo - Art. 137 d.lgs. n.152/2006, natura di reato di pericolo - Episodicità delle immissioni - Ininfluenza - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Potenzialità inquinante dell'ambiente, anche nel suolo o nel sottosuolo - RIFIUTI - Attività di stoccaggio e smaltimento di rifiuti - Reato di deposito incontrollato di rifiuti - Presupposti per la configurabilità del reato - Possesso di fatto dell'area ovvero di detenzione qualificata da un sottostante rapporto negoziale - DANNO AMBIENTALE - Offensività della condotta in ragione dei danni ambientali - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Diniego delle causa di non punibilità - Pluralità dei reati - Reati ambientali - Art.131 bis c.p. - Apprezzamento di merito non sindacabile in sede di legittimità - Fattispecie - Specificità caratterizzante i motivi di appello - Impugnazione - Presupposti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/11/2018, Sentenza n.51004

RIFIUTI - Scarti di origine animale - Presupposti per la qualifica di rifiuti o sottoprodotti - Disciplina applicabile - Riqualificazione della condotta in termini colposi - Esclusione - Carattere della condotta - Professione svolta - Presunzione della conoscenza della disciplina di settore - Art. 6, c.1, lett. e), d.l. n. 172 del 2008 - Art. 183, d. lgs. n.152/2006 - Regolamento CE n. 1774/2002 - Fattispecie: macellazione clandestina con abbandono dei relativi residui - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Dichiarazioni confessorie rese dalle quali emergono indizi di reità a carico - Obblighi dell'autorità giudiziaria o della polizia giudiziaria - Interruzione dell'esame ed invito a nominare un difensore - Inutilizzabilità delle dichiarazioni rese - Presupposti - Dichiarazioni spontanee - Artt. 63, 350, c.5, cod. proc. pen - Inutilizzabilità c.d. patologica delle dichiarazioni - Insanabilità - Assunzione "contra legem". 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/11/2018, Sentenza n.51044

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Demolizione di un manufatto abusivo - Effetti sul soggetto che è in rapporto con il bene - Natura di sanzione amministrativa - Autonoma funzione ripristinatoria - Principio ne bis in idem e Corte europea dei diritti dell'uomo - Artt. 23 e 31, comma 9, D.P.R. n.380/2001 - Caratteristiche dell'ordine di demolizione - Violazione del divieto del ne bis in idem - Ordine impartito dal giudice che configura un obbligo di fare - Prescrizione - Giurisprudenza della Corte EDU.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/11/2018, Sentenza n.51058

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Demolizione di opere abusive - Individuazione della corrispondenza tra l'immobile da demolire e quello descritto in sentenza - Verifica di tutti gli elementi disponibili - Limiti della verifica - Casi di aggiunte, modifiche e superfetazioni successive alla condanna definitiva - Completa restitutio in integrum dello stato dei luoghi - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/11/2018, Sentenza n.51033

INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Attività di lavorazione pelli - Impianto con emissioni in atmosfera - Macchinario per lo spruzzo - Autorizzazione distinte per singolo macchinario - Esclusione - Artt. 183, 256, 269, 272, 279, d.lgs. n. 152/2006 - RIFIUTI - Gestione illecita dei rifiuti - Nozione di deposito temporaneo - Presupposti - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 08/11/2018, Sentenza n.50649

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Serre mobili stagionali sprovviste di strutture in muratura - Attività edilizia libera - Avanserra ancorata su piattaforma in cemento - Requisiti di stabilità, consistenza e non precarietà - Necessita del permesso di costruire - Artt. 3, 6, 44 lett. b), 93, 94 e 95 d.PR. 380\2001 - Strutture di servizio e supporto ad impianti serricoli - Realizzazione della "avanserra" - Platea in cemento - Esecuzione in zona sismica - Rilievo ai fini urbanistici - Permesso di costruire - Necessità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2018, Sentenza n.50129

RIFIUTI - Differenza tra manutenzione edilizia ordinaria e manutenzione delle infrastrutture di rilevanza pubblica - Differenza tra gestione ordinaria e particolare di categorie di rifiuti - Attività di gestione di rifiuti non autorizzata - Artt. 181, 183, 184, 184bis 230, 256, 266, d. lgs. n.152/2006 - Nozione di "luogo di produzione del rifiuto" - Criteri e condizioni - Onere della prova - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2018, Sentenza n.50138

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Aree sottoposte a vincoli - Realizzazione, modifica o allargamento di una strada - Permesso di costruire - Necessità - Fattispecie: realizzazione ex novo di una strada - Artt. 3, 29 e 44 D.P.R. n.380/2001 - Art. 181, d.lgs. n. 42/2004 - Reati ambientali - Interventi abusivi che ricadono nelle zone sottoposte a vincolo paesaggistico - Mancata indicazione del provvedimento impositivo del vincolo - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Individuazione responsabile dell'abuso edilizio - Comproprietario non committente - Compartecipazione anche morale - Necessità - Giurisprudenza - Inerzia di chi non rivesta una posizione di garanzia - Irrilevanza penale - Responsabilità e limiti del proprietario dell'area estraneo all'attività edificatoria.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2018, Sentenza n.50137

FAUNA E FLORA - Detenzione di una renna per un allestimento natalizio - Elenco degli animali potenzialmente pericolosi per la salute e per l'incolumità pubblica - DIRITTO VENATORIO - Detenzione di esemplari di specie selvatica o provenienti da riproduzioni in cattività - Pericolo per la salute e per l'incolumità pubblica - Possesso di una autorizzazione all'allevamento di fauna selvatica a scopo alimentare, di ripopolamento, ornamentale ed amatoriale - Necessità - Fattispecie - Giurisprudenza - Art. 1 D.M. 19/04/1996 - Art. 6, c.1, L. n. 150/1992.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2018, Sentenza n.50134

RIFIUTI - Terre e rocce da scavo - Inserimento nella categoria dei c.d. sottoprodotti - Condizioni - Onere della prova - Mancata prova - Reato di inottemperanza all'ordinanza emessa di ripristino - Artt. 134-bis, 135, 192, 255 D.L.vo n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio abbreviato - Condanna per una contravvenzione - Determinazione della pena - Ambito di applicazione - Art. 442, comma 2, cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2018, Sentenza n.50161

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Rilascio di titoli abilitativi edilizi - Regolarità dei procedimenti amministrativi - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Verifica di atti della pubblica amministrazione - Insindacabilità in sede di legittimità - Art. 44, lett. b) d. P R. n.380/2001.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2018, Sentenza n.50143

RIFIUTI - Definizione della "gestione" rifiuti - Ciclo dei rifiuti - Unitarietà delle operazioni - VIA VAS AIA - Procedure di VIA ed AIA - Autorizzazioni integrate ambientali - Requisiti della domanda di autorizzazione - Comunicazione, sospensione e revoca - Artt. 4, 29-bis, 29-ter, 29-quater, 29-quinquies; 29-decies, 29-quaterdecies, 183 e 216 d.lgs. n.152/2006 - Fattispecie.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2018, Sentenza n.

* INQUINAMENTO ACUSTICO - Rumore - Emissioni sonore ad alto volume - Disturbato il riposo e la quiete dei soggetti residenti negli stabili limitrofi al locale - Responsabilità del legale rappresentante della società che detiene le autorizzazioni commerciali per la conduzione del locale - Cessione della materiale gestione del locale a terzi - Attività di sorveglianza - Omissione - Normale tollerabilità - Reato di cui all'art. 659 cod. pen. - Configurabilità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/11/2018, Sentenza n.50009

RIFIUTI - Attività di autodemolizione - Raggruppato all'interno di un piazzale - Mancata tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti ed abbandono incontrollato di rifiuti speciali su fondo proprio - Deposito incontrollato - Applicabilità delle sanzioni amministrative e penali - Artt. 190, 256, 258, d. lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/11/2018, Sentenza n.50018

INQUINAMENTO DEL SUOLO - INQUINAMENTO IDRICO - Tutela penale l'ambiente (Ecodelitti) - Configurabilità ex art. 452 bis cod. pen. - Compromissione o deterioramento dell'ambiente - Necessità - Esclusione - Contaminazione di un sito - Inquinamento ambientale potenzialmente superiore alle (CSC) concentrazioni soglia contaminazione - Concorso nel delitto di inquinamento ambientale - Presupposti - CODICE DELL'AMBIENTE e CODICE PENALE - Differenza tra le nuove norme in materie di ambiente - Nuovo delitto di inquinamento ambientale - Nozione di "compromissione" e il "deterioramento" - Integrazione del reato - Presupposti -  Giurisprudenza - DANNO AMBIENTALE - Ecoreati - Disastro ambientale - Tendenziale irreversibilità del danno - Unicità dell'azione lesiva - Prosecuzione della condotta illecita con aggravamento del danno - Cessazione della consumazione del reato - Art. 452 quater c.p - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Accertamento indiziario finalizzato all'applicazione di una misura cautelare personale - Fattispecie: Inquinamento ambientale - Analisi di rischio sanitario e ambientale provocato - Superamento della CSC (concentrazioni soglia contaminazione) e superamento delle CSR (Concentrazioni Soglia di Rischio) - Artt. 240 e 242 d.lgs. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/10/2018, Sentenza n.49679

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Disciplina antisismica e illiceità della condotta - Controllo preventivo della pubblica amministrazione - Effetti della verifica postuma dell'assenza del pericolo ed il rilascio del provvedimento abilitativo - Artt. 93, 94, 95 d.P.R. n.380/2001 - Reati concernenti l'attività edificatoria in zone sismiche - Ufficio del Genio Civile - Rilascio postumo del parere favorevole - Effetti antigiuridicità penale della condotta - Pericolosità o meno della costruzioni - Irrilevanza - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di esclusione della punibilità - Particolare tenuità del fatto di cui all'art. 131-bis cod. pen. - Nozione di abitualità nel reato.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Caratteristiche della pertinenza ed esclusione del permesso di costruire - Oggettiva esigenza funzionale dell'edificio principale - Sfornito di un autonomo valore di mercato - Volume non superiore al 20% di quello dell'edificio cui accede - Esclusione di destinazione autonoma e diversa - Artt. 3, 44, lett. c), 64, 65, 71, 72, 83 e 95 d.P.R. 380/2001- Art. 181, c.1 bis, d.lgs. 42/2004 - Art. 734 cod. pen. e 349, c.2, cod. pen. - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49694

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Difetto del permesso di costruire ed in zona a vincolo paesaggistico ed ambientale - Ordine di demolizione e rimessione in pristino - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Sequestro preventivo - Continuazione, esecuzione e completamento delle opere - Violazione dei sigilli - Fattispecie - Art. 181, comma 1-bis, d.lgs. n. 42/2004 - Art. 349, c.1 e 2, cod. pen.-  art. 44, comma 1, lett. e), d.P.R. n.380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenze di primo e secondo grado concordanti - Motivazione e struttura motivazionale della sentenza di appello - Unico complesso corpo argomentativo - Concreta lesione dei diritti di difesa - Necessità - Soglia della specificità - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49703

DIRITTO VENATORIO - CACCIA - Esercizio dell'uccellagione mediante utilizzo di archetti in area boschiva - Natura di reato pericolo a consumazione anticipata - La cattura fisica dell'animale non è necessaria - FAUNA - Predisposizione delle reti o di analoghi mezzi idonei alla cattura della fauna selvatica - Momento della consumazione del reato - BOSCHI - Esercizio di uccellagione in area boschiva - Giurisprudenza - Caccia con mezzi vietati ed uccellagione - Distinzione - Configurabilità del reato di uccellagione - Elementi - Indiscriminata cattura di uccelli - Potenzialità offensiva degli strumenti di cattura - Art. 30 c.1 lett. e) L. n.157/1992 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per cassazione - Effetti - Dichiarazione di cause di non punibilità - Esclusione - Art. 129 c.p.p..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Scarico sul suolo acque reflue industriali in violazione del prescritto divieto - Acque meteoriche e di dilavamento dei piazzali - Contestazione dell'accusa - Specificazione del fatto più che all'indicazione delle norme di legge violate - Mancata individuazione degli articoli di legge violati - Irrilevanza - Limiti - Esercizio del diritto di difesa - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Scarichi sul suolo e scarichi nel sottosuolo e nelle acque sotterranee - TU Ambientale Artt. 103, 104 e 137 d. lgs. n. 152/2006 - Tutela penale dall'inquinamento - Differenza tra acque meteoriche da dilavamento e reflui industriali ex art. 74, lett. h), D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 - Fattispecie: trasformazione di acque meteoriche per contaminazioni con sostanze o materiali inquinanti in reflui in acque industriali - RIFIUTI - Qualifica di rifiuti dei materiali - Obiettivi connaturanti la condotta tipica - Accertamento della natura di un oggetto quale rifiuto - Art. 183 D.Lgs.  n. 152/2006 - Quaestio facti - Demandata al giudice di merito insindacabile in sede di legittimità - Artt. 183, 256, 269, 279, d. lgs. n. 152/2006 - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Inquinamento aria - Natura giuridica di reato permanente - Cessazione della permanenza - Sopralluogo eseguito dai tecnici - Art. 674, c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Cassazione - Difetto di motivazione in ordine alla valutazione di una dichiarazione testimoniale - Integrale produzione dei verbali relativi o dalla integrale trascrizione in ricorso di detta dichiarazione - Necessità - Circostanze attenuanti generiche - Riconoscimento o diniego - Poteri e doveri del giudice di merito - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49672

MALTRATTAMENTO ANIMALI - Uccisione e maltrattamento di animali - Nozione di necessità - Pericolo imminente - Elemento psicologico - Art. 544-bis cod. pen. - Artt. 54 e 727 cod. pen. - Fattispecie - Uccisione e maltrattamento di animali altrui - Rapporti tra le norme degli artt. 544-bis, 544-ter e 638 cod. pen. - Diversità dell'elemento soggettivo - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49687

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Illegittima autorizzazione a lottizzare - Configurabilità del reato di lottizzazione abusiva - Contrasto tra attività cognitiva del giudice penale e principio di tassatività della norma penale - Articolo 650 codice penale - Inosservanza dei provvedimenti dell'autorità - Giurisprudenza - Artt. 12, 13, 29, 30, 44, d.P.R. n.380/2001 - Urbanistica e titolo abilitativo - Verifica del giudice penale della legalità nell'attività amministrativa (articolo 97 cost.) - Reato urbanistico suscettibile di estinzione ex articolo 45, c.3, d.P.R. 380/2001 - Effetti giuridici - Repertorio giurisprudenziale - Contenuti degli strumenti urbanistici - Regolamenti di igiene - Norme di edilizia e di tutela ambientale - Finalità della disciplina urbanistica - RESPONSABILITÀ PER DANNI - Discipline sulle distanze - Funzione integrativa - Responsabilità risarcitoria nei confronti dei privati confinanti - Art. 872 codice civile - Tutela ripristinatoria- PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Mancanza o l'illegittimità di un atto amministrativo - Potere di accertamento giurisdizionale - Elementi di natura extrapenale  - Principio di legalità - Profili di illegittimità sostanziale del titolo abilitativo - Identificazione in concreto della fattispecie - Controllo della legittimità di un atto amministrativo - Disapplicazione dell'atto amministrativo illegittimo - Ambito di operatività principio di legalità (articolo 97 Cost. e 101, c.2, Cost.) - Rapporto tra giudice ordinario e pubblica amministrazione - Art. 2, c.1, c.p.p. - Risoluzione incidentale della  questione civile, amministrativa o penale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49674

RIFIUTI - Deposito temporaneo - Caratteristiche e condizioni di qualità di tempo e di quantità - Rispetto dei principi di precauzione e di azione preventiva - Limiti al collegamento funzionale con il luogo di produzione del rifiuto e la contiguità delle aree - Artt. 183, 256, d. lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/10/2018, Sentenza n.49184

RIFIUTI - Gestione non autorizzata di rifiuti - Coinvolgimento nel reato più persone per il carico e scarico - Art. 256 del D.L.vo 152/2006 - Esclusione del requisito della "lieve entità" ai sensi dell’art. 131 bis, del cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Irrogazione della pena al di sotto della media edittale - Specifica e dettagliata motivazione da parte del giudice - Necessità - Esclusione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 29/10/2018, Ordinanza n.27413

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - CONDOMINIO - I frontalini dei balconi fanno parte del decoro architettonico dell'edifico comune - La spesa per la relativa riparazione ricade su tutti i condomini - Elementi decorativi della facciata del fabbricato comune - Proprietà condominiale e concetto di proprietà esclusiva - Art. 1117, n. 3, c.c. - Giurisprudenza consolidata.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 29/10/2018, Ordinanza n.27364

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Costruzioni in confine con piazze e vie pubbliche - Protezione di interessi pubblici - Uso concreto del bene da parte della collettività - Disciplina delle norme relative alle distanze - Insussistenza di un diritto soggettivo suscettibile di dar luogo a tutela ripristinatoria - Artt. 872, 873 e 879, c.2 c.c. - Giurisprudenza - Esonero dal rispetto delle distanze legali previsto dall'art. 879 c.c., comma 2 - Interesse pubblico all'assetto viario ed alla circolazione urbana.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.7^ 25/10/2018, Ordinanza n.48719

RIFIUTI - Attività di gestione - Mancanza della prescritta autorizzazione, iscrizione o comunicazione - Configurabilità del reato - Caratterizzata da assoluta occasionalità - Possesso del titolo abilitativo per l'esercizio di attività commerciale in forma ambulante - Deroga Artt. 208, 209, 211, 212, 214, 215, 216, 256 e 266, d.lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/10/2018, Sentenza n.48835

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere abusive - Ordine di demolizione - Revoca o sospensione dell'ordine di demolizione - Istanza di condono o sanatoria successivamente al passaggio in giudicato della sentenza di condanna - Effetti - Pendenza del condono edilizio - Verifiche del giudice dell'esecuzione - Esclusione dell'efficacia sanante sulle opere abusive - Pagamento dell'oblazione - Art. 31 d.P.R. n. 380/2001.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/10/2018, Sentenza n.48845

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Area destinata a campeggio - Stabile collocazione di più manufatti di pernottamento astrattamente mobili - Artt. 3, 30, 44 d.P.R. n.380/2001 - Giurisprudenza - Differenza mero abuso edilizio e lottizzazione abusiva - Illegittima trasformazione urbanistica o edilizia del territorio - Rilevante impatto negativo sull'assetto territoriale - Fattispecie: piazzole sormontate da tende.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/10/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazioni edilizie - Ordine di demolizione del manufatto abusivo - Natura di sanzione amministrativa di carattere ripristinatorio - Prescrizione - Alienazione a terzi della proprietà dell'immobile abusivamente edificato - Acquirente (reale o simulato) - Effetti - Artt. 31 e 44, lettera B, d.P.R. n.380/2001 - Giurisprudenza  - Violazioni urbanistiche - Ordine di demolizione delle opere abusive - Sentenza passata in giudicato - Effetti della mera proposizione di una sanatori - Automatica sospensione dell'ordine di demolizione - Esclusione - Valutazione del giudice - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Decisività della prova (ritenuta travisata) - Natura di legittimità del giudizio di Cassazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.5^ 25/10/2018, Sentenza n.48898

APPALTI - Gara di appalto - Requisiti soggettivi - Dichiarazione richiesta ai partecipanti - Falsa attestazione - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Falsità ideologica in atto pubblico - Elementi del dolo generico - Volontarietà e consapevolezza - Fraudolenza del silenzio serbato - Fattispecie: condanna ai sensi dell'art. 444 cod. pen. e recante il beneficio della non menzione sul certificato del casellario giudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.4^ 24/10/2018, Sentenza n.48548

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Ecoreati - Avvelenamento delle falde acquifere - Configurabilità del reato - Sversamento accidentale - Natura di reato di pericolo presunto - Pericolo per la salute pubblica - Pericolosità scientificamente accertata - Mero superamento dei limiti tabellari - Potenzialità di nuocere alla salute - Artt.242, 257, 304 D.Lgs n. 152/06 - Artt. 439, 452, 674 c.p. - Disastro innominato - Natura di delitto a consumazione anticipata - Art. 434 cod. pen. - Avvelenamento di acque - Natura di reato istantaneo ad effetti permanenti - Condotte inquinanti potenzialmente pericolose per la salute pubblica - Conseguenze dannose del reato - Differenza tra art. 439 e 440 cod. pen. - Coefficiente di offensività - Giurisprudenza - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Inquinamento ambientale - Azione di prevenzione - Attività ripristinatorie - Obblighi di comunicazione - Procedure operative ed amministrative - Bonifica dei siti - Danno ambientale - Destinatario dell'obbligo è il responsabile dell'evento potenzialmente inquinante - Proprietario del terreno interessato dall'evento - DANNO AMBIENTALE - Inquinamento ambientale - Ecodelitti - Spostamento in avanti del momento consumativo di un reato già perfetto - Presupposti - Perdura la condotta inquinante - Protrazione dell'evento e modifica della qualificazione giuridica del fatto - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Reati a consumazione protratta - Reati permanenti e reati necessariamente abituali - Decorso del termine della prescrizione - Reati cosiddetti istantanei realizzati mediante una condotta prolungata, o frazionata - Effetti prolungati o permanenti dei reati istantanei - Risarcimento del danno - Causa estintiva di un reato è maturata prima della sentenza di primo grado - Revoca delle statuizioni civili.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 24/10/2018, Sentenza n.48370

INQUINAMENTO ACUSTICO - Immissioni rumorose - Esercizio di una attività o di un mestiere rumoroso - Varie fattispecie di violazioni - Mancato rispetto dei limiti di emissione del rumore - Disturbo al riposo e alle occupazioni di una pluralità indeterminata di persone - RISARCIMENTO DEL DANNO - Risarcimento del danno in favore della costituita parte civile - Art. 659, cod. pen. - L.n. 447/1995 -  D.P.C.M. 1/3/1991 - Legge n. 689/1981 - Giurisprudenza - Legge quadro sull'inquinamento acustico e reato di cui all'art. 659, c.2, cod. pen. - Differenze e configurabilità delle violazioni.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 24/10/2018, Sentenza n.48397

RIFIUTI - AGRICOLTURA - Scarti vegetali utilizzati in agricoltura - Processi e metodi costituenti le normali pratiche agronomiche - Eliminazione mediante incenerimento - Gestione dei rifiuti - Esclusione - Incenerimento di residui vegetali e applicabilità della disciplina sui rifiuti - Eccezione - Artt. 182, 185, 256 e 256 bis d.lgs. n.152/2006 - Combustione di residui vegetali agricoli e forestali - Attività di raggruppamento e abbruciamento in piccoli cumuli - Non integrano alcun illecito e non costituiscono smaltimento di rifiuti in senso tecnico-legislativo - Norme aventi natura eccezionale e derogatoria - Onere della prova circa la sussistenza delle condizioni di legge - Assolto da chi ne richiede l'applicazione - Giurisprudenza - INCENDI BOSCHIVI - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Combustioni e facoltà di sospendere, differire o vietare - Periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi o in presenza di condizioni meteorologiche, climatiche o ambientali sfavorevoli.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 24/10/2018, Sentenza n.48391

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Lavori di qualsiasi genere su beni paesaggistici - Ignoranza del vincolo paesaggistico - Elemento psicologico del reato paesaggistico - Art. 181, c.1°, d.lgs. n. 42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Obbligo di correlazione tra accusa e sentenza - Deduzione per la prima volta in sede di legittimità - Esclusione - Nozione strutturale di "fatto" - Diritto di difesa - Ricorso per cassazione - Inammissibilità dell'impugnazione per carenza d'interesse - Sentenze di primo e secondo grado concordi - Unico complesso corpo argomentativo - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.6^ 23/10/2018, Ordinanza n.26770

RISARCIMENTO DEL DANNO - Animale di affezione - Perdita a seguito di un fatto illecito - Danno non patrimoniale risarcibile - Limiti - MALTRATTAMENTO ANIMALI - Investimento stradale (cane) - Danni esistenziali - Perdita della 'qualità della vita' - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 19/10/2018, Ordinanza n.26517

APPALTI - Appaltatore - Richiesta del pagamento del proprio compenso - Misurazione della quantità di lavori già eseguiti - Entità e consistenza delle opere realizzate - Onere di fornire la prova della congruità di tale somma - Ammontare del credito e fatture emesse dall'appaltatore - Certificato sullo stato di avanzamento - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Prova testimoniale - Limiti di valore - Ricorso per cassazione - Erronea motivazione del giudice d'appello sull'eccezione di nullità della prova testimoniale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 19/10/2018, Sentenza n.47712

RIFIUTI - Gestione abusiva di rottami di ferro - Lunghezza massima della parti "cesoiate" - Limiti alla procedure semplificate - Disciplina end of waste - Regol. n. 333/2011 e D.M. 5/2/1998 - Traffico organizzato di rifiuti - Riqualificazione della condotta - Comportamenti non occasionali - Pluralità di operazioni condotte in continuità temporale - Valutazione globale delle varie operazioni - Reato abituale - Trasporto illecito di rifiuti e casi di confisca dei mezzi obbligatoria - Giurisprudenza - DANNO AMBIENTALE - Eventualità in cui il pregiudizio o il pericolo si siano effettivamente verificati - Sospensione condizionale della pena all'eliminazione del danno o del pericolo per l'ambiente - Reato di danno - VIA VAS AIA - Valutazione d'impatto ambientale - Reato di pericolo - Artt. 184-ter, 256, 259, 260, d. lgs. n.152/2006. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 19/10/2018, Sentenza n.47729

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Confisca urbanistica di terreni - Irrevocabilità della sentenza - Richiesta di revoca della confisca - Successione ereditaria - Non rileva la buona fede dell'erede - Inesistenza di una situazione soggettiva attiva - Acquisizione di diritto del terreno al patrimonio comunale - Art. 29, 30 e 44 d.P.R. n. 380/2001 - Acquisto di un terreno per realizzarvi un'opera che contrasta con la destinazione di piano - Ignoranza incolpevole - Esclusione - Lottizzazione abusiva disposta al di fuori dei casi di condanna - Opposizione del terzo rimasto estraneo al procedimento - Verifiche del giudice dell'esecuzione - Condotta del terzo acquirente dell'immobile - Insussistenza della buona fede - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Motivazione della decisione - Indagine di legittimità - Limiti - Travisamento della prova - Casi di configurabilità - Errore percettivo (e non valutativo) della prova - Frattura logica tra la premessa fattuale del ragionamento e la conclusione - Principio di "autosufficienza del ricorso" - Onere della prova - Integrale contenuto degli atti - Mancanza e manifesta illogicità della motivazione - Allegazione in blocco delle trascrizioni degli atti processuali - Indicazione degli "altri atti del processo" - Esclusione - Art. 606, c.1 lett. e), cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 19/10/2018, Sentenza n.47719

INQUINAMENTO ACUSTICO - Rumore e rilevanza penale delle grida - Disturbato delle occupazioni e del riposo delle persone mediante schiamazzi - Oggetto della tutela penale dell'art. 659 cod. pen. - Tranquillità pubblica - Natura di reato di pericolo - Fattispecie: affaccio di notte alla finestra urlando e fischiando per richiamare i cani con il fine di farli smettere - Prova del reato di cui all'articolo 659 cod. pen. - Testimoni o qualsiasi altro mezzo idoneo - Superamento della normale tollerabilità - Apprezzamento del giudice di merito - DANNO AMBIENTALE - Risarcimento del danno risarcibile non rinvenibile da componenti patrimoniali suscettibili di precisa determinazione - Ricorso del giudice a criteri equitativi - Legittimità - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Rilettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione - Esclusione - Concessione o del diniego delle circostanze attenuanti generiche - Valutazione del giudice e motivazione adeguata - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/10/2018, Sentenza n.46997

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Tutela delle bellezze naturali - Nozione di paesaggio - Difesa del complessivo equilibrio estetico e culturale in un determinato ambito - Autorizzazione paesaggistica rilasciata in sanatoria - C.d. interventi minori - Fattispecie: unità produttiva, interventi di potenziamento e di rimaneggiamento in difetto di autorizzazione - Artt. 146, 167 e 181, d.lgs. n. 42/2004 - Rilascio postumo dell'autorizzazione paesaggistica in sede di rilascio del permesso di costruire in sanatoria - Effetti - Inibiscono la demolizione o/e la remissione in pristino - Estinzione del reato ex 181, d.lgs. n. 42/2004 - Esclusione - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Edificazione in area vincolata - Difetto della preventiva autorizzazione paesaggistica ex d.lgs. n. 42/2004 - Rilascio di concessione in sanatoria ex artt. 36, 44 e 45 d.P.R. n.380/2001 - Limiti - Autonomia strutturale dei due provvedimenti - Giurisprudenza - Differenza tra autorizzazione paesaggistica e permesso urbanistico ex art. 36 d.P.R. n.380/2001 - Accertamento di conformità e visione unitaria e complessiva - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Opere ultimate in zone vincolate paesaggisticamente - Ordinanza di sequestro preventivo - Presupposto del periculum in mora.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 15/10/2018, Sentenza n.46699

DANNO AMBIENTALE - Associazioni ambientaliste - Costituzione parte civile iure proprio nel processo per reati ambientali - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Enti esponenziali del diritto alla tutela ambientale - RIFIUTI - Nozione di deposito controllato o temporaneo - Natura eccezionale e derogatoria - Mancanza dei requisiti - Deposito preliminare - Messa in riserva - Deposito incontrollato o abbandono - Discarica abusiva - Disciplina applicabile - Onere della prova - Art.183 e 256 d. lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/10/2018, Sentenza n.46215

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati urbanistici - Opere edilizie in assenza o in totale difformità dal permesso di costruire - Responsabilità del progettista e del direttore dei lavori - Individuazione del dies a quo per la decorrenza della prescrizione - Giurisprudenza - Art. 44, d.P.R. n.380/2001 - Fattispecie: piano seminterrato palesemente non era ancora ultimato - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Istruzione dibattimentale - Elementi di prova e poteri del giudice - Esame del consulente tecnico - Circostanze attenuanti generiche - Riconoscimento o meno del beneficio - Giudizio di fatto del giudice del merito - Insindacabilità in sede di legittimità - Art. 133 cod. pen. - Irrogazione della pena al di sotto della media edittale - Specifica e dettagliata motivazione - Esclusione - Travisamento del fatto - Indagine di legittimità sul discorso giustificativo della decisione - Genericità o pedissequa reiterazione - Assenza di specificità del ricorso - Inammissibilità del ricorso per cassazione - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Rinnovazione dell'istruzione e diritto alla difesa - Diritto dell'imputato di esaminare o fare esaminare i testimoni a carico ed ottenere la convocazione e l'esame dei testimoni a discarico - Art.6, par.3, lett. d) Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali - Giurisprudenza Corte EDU - Sentenza di appello di riforma totale del giudizio assolutorio di primo grado - Elementi - Confutazione specifica - Necessità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.1^ 12/10/2018, Ordinanza n.25554

APPALTI - Appalto di opere pubbliche - Esecuzione dei lavori - Mancata acquisizione delle autorizzazioni amministrative o rinnovazione delle autorizzazioni - Compito del committente salvo specifiche pattuizioni contrarie - Art. 1206 cod. civ. - Sospensioni disposte nel corso dei lavori di costruzione - Risarcimento dei danni all'appaltatore - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/10/2018, Sentenza n.46042

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Realizzazione di insediamenti civili e ad attività produttive in zone boscate - INCENDI BOSCHIVI - Edificazione in aree percorse dal fuoco - BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA - Destinazione dell'area e vincoli - Art. 10 L. n.353/2000 -  Art. 44, d.P.R. n.380/2001 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/10/2018, Sentenza n.46080

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Vincolo paesaggistico - Requisiti - Pubblicazione nella G.U. - Operatività del vincolo - Notifica del decreto ai proprietari - Limiti - Vincolo imposto sui singoli beni - Art. 44 lett. C d.P.R. n.380/2001 - Art. 181 d. lgs. n.42/2004 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Abuso di ufficio - Macroscopica illegittimità dell'atto - Istruttoria palesemente lacunosa - Prova del dolo intenzionale - Comportamento non iure dell'agente Art. 323 cod. pen.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 10/10/2018, Ordinanza n.25057

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Appalto per la costruzione di un edificio - Gravi vizi dell'opera - Infiltrazioni di acqua nelle fondazioni dell'edificio - Artt. 1667 e 1669 c.c. - APPALTI - Difetti della costruzione - Condanna dell'appaltatore - Relazione geologica errata - Indagine sulla natura e la consistenza del suolo edificatorio rientra nei compiti dell'appaltatore - Esecuzione dell'opera a regola d'arte - Garanzia da vizi nei confronti dei terzi acquirenti - Alea d'impresa - Cambio della destinazione d'uso - Ininfluenza - Giurisprudenza - Difetti di cose immobili - Prescrizione dell'azione ex art.1669 c.c. - Dies a quo per il computo dei termini. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2018, Sentenza n.45262

INQUINAMENTO ACUSTICO - Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - Modalità di acquisizione della prova dell'inquinamento acustico - Elementi di prova liberamente raggiunti - Adeguata motivazione - Necessità - Art. 659 comma 1 cod.pen. - D.M. n. 447/95 e D.M. 16/03/1998 - Fattispecie: emissioni rumorose in presenza di Nulla Osta Acustico e risarcimento dei danni - Attività o mestieri rumorosi - Ambito di operatività dell'art. 659 c.2° e c.1° cod.pen. - Ottenimento del Nulla Osta Acustico - Limiti - Illiceità dei rumori - Mero superamento dei limiti di emissione - Giurisprudenza - Emissioni rumorose in presenza di Nulla Osta Acustico - Atti irripetibili - Misurazioni fonometriche - Tipici accertamenti "a sorpresa" - RISARCIMENTO DANNO - Risarcimento dei danni in favore della parte civile - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Art. 431, c.1°, lett. b) cod.proc.pen. - Avviso all'indagato - Esclusione - Art. 360 cod. proc. pen. - Decreto di citazione a giudizio presso lo studio del difensore di fiducia - Nullità conseguente alla notifica - Esclusione - Sanatoria di cui all'art. 184 cod.proc.pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2018, Sentenza n.45272

RIFIUTI - Sottoprodotti - Terre e rocce da scavo - Certezza sulla destinazione dell'utilizzo - Materiale stoccato e deposito incontrollato - Autorizzazioni - Termine maggiore per la durata dei lavori - Mancata indicazione della normativa extrapenale - Principio di correlazione tra sentenza ed accusa - Tutela del diritto di difesa - Artt. 184, 186,  256 d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Successione nel tempo di norme extrapenali integratrici del precetto penale - Principio di retroattività della norma favorevole - Limiti - Norma penale in bianco.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2018 (Ud. 05/06/2018), Sentenza n.45247

INQUINAMENTO ACUSTICO - Immissioni rumorose - Strepiti degli animali - RISARCIMENTO DANNI - Risarcimento del danno a terzi - Individuazione del responsabile nella norma civile - Fattispecie: canile "di fatto" - Stretto collegamento tra l’art. 659 cod. pen. e l’art. 2052 - Esclusione - Repertori di giurisprudenza - Disturbo alle occupazioni o riposo delle persone - Elemento psicologico del reato di cui all'art. 659 cod. pen. - Intenzione dell'agente di arrecare disturbo alla quiete pubblica - Necessità - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.5^ 08/10/2018, Sentenza n.44836

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione materiale - Natura di reato progressivo nell'evento - Momento della consumazione e cessazione del reato - Bene protetto uso e tutela del territorio - Artt. 29, 30, 44 lettera e), d.P.R. 380/2001 - Lottizzazione abusiva cosiddetta "materiale" - Condotta lottizzatoria e reato permanente - Uso o sfruttamento del territorio da parte di terzi contra ius - Perpetuazione dell'offesa - Reati urbanistici ed edilizi e reato di lottizzazione abusiva - Può essere commesso da chiunque violi la disciplina in materia - Condotta illegittima - Commissione del reato - Pluralità di soggetti, in concorso fra loro (proprietari, costruttori, geometri, architetti, mediatori di vendita, notai, esecutori di opere, pubblici ufficiali o amministratori, committente, titolare del permesso di costruire, direttore dei lavori, appaltatore dei lavori ecc) - Illecito lottizzatorio - Natura di reato progressivo nell'evento e reato a consumazione prolungata o frazionata - Medesima ratio - Momento della consumazione del reato - Illegittimità permessi di costruire e gli atti amministrativi successivi e conseguenti - Poteri del Consiglio comunale - Differenza tra opere precarie e non precarie - Titolo abilitativo edilizio - Periodo transitorio - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Prescrizione del reato nel giudizio di cassazione - Onere della prova a carico del ricorrente - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 08/10/2018, Sentenza n.24679

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ingegneri e architetti - Sospensione dall'esercizio della professione - Violazione dei doveri di lealtà e trasparenza nei rapporti con i colleghi e gli organi istituzionali della professione - Condotte estranee all'esercizio della professione di architetto - Concorrenza fra professionisti - Potere disciplinare, esercitato dai Collegi provinciali e dal Consiglio Nazionale - Principi di indipendenza e imparzialità del giudice - ORDINI PROFESSIONALI - Fatti o comportamenti contrari alle norme di deontologia realizzati dal professionista fuori dall'esercizio della professione - Fattispecie - PROCEDIMENTO DISCIPLINARE - Valutazione della condotta professionale a fini disciplinari - Contestazione al professionista dell'addebito - Comunicazione di una incolpazione - Diritto alla difesa - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - PENALE - AMMINISTRATIVO - Ingegneri e architetti - Sospensione dall'esercizio della professione - Violazione dei doveri di lealtà e trasparenza nei rapporti con i colleghi e gli organi istituzionali della professione - Condotte estranee all'esercizio della professione di architetto. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 08/10/2018, Ordinanza n.24717

APPALTI - Vizi palesi o occulti - Difformità dell'opera - Appaltatore - Denuncia tempestiva al subappaltatore - Denuncia effettuata dal committente direttamente al subappaltatore - Inidoneità ex art. 1670 c.c. - Garanzia per le difformità e i vizi dell'opera - Committente e denunzia del vizio nel termine di decadenza - Reciproca indipendenza del subappalto e dell'appalto - Art. 1667 cod. civ. - Disciplina codicistica del subappalto - Inesistenza di rapporto diretto tra committente e subappaltatore - Autonomia dei rapporti - Norma eccezionale  - Art. 1676 cod. civ. - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - C.d. riconoscimento impeditivo della decadenza - Art. 2966 cod. civ. - Comportamento di riconoscimento interruttivo ex art. 2944 cod. civ. - Inefficacia della ricognizione non specificamente rivolta al destinatario - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/10/2018, Sentenza n.44104

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazioni urbanistiche e reati di falso materiale e ideologico e abuso d'ufficio - Natura di atto fidefacente del permesso di costruire - Esclusione - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici - Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in certificati o in autorizzazioni amministrative - Assessore comunale con delega all'urbanistica - Formazione di un falso atto di rettifica e voltura di un permesso di costruire originariamente emanato in favore di un diverso soggetto e altre false attestazioni - Retrodatazione di atti necessaria per evitare la verificazione del silenzio-rigetto - Permesso di costruire - Momento consumativo del reato di abuso d'ufficio - Condotta del pubblico ufficiale - Ingiusto vantaggio patrimoniale per il soggetto beneficiato -  Incremento patrimoniale dell'immobile divenuto edificabile - BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA - False attestazioni sulla natura non "boscata" dei terreni - -Artt. 10 e ss. 36, c.3, d.P.R. n.380/2001 - Artt. 476, 477,478, 479 e 480 cod. pen. - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Autorizzazione paesaggistica - Falso materiale e ideologico - Esclusione di una sua riconducibilità alla categoria degli atti fidefacenti - Querela di falso - Necessità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 01/10/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Attività di recupero dei rifiuti - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Prescrizioni contenute nell'autorizzazione - Inosservanza delle prescrizioni normative o imposte dalla P.A. - Effetti - Natura di reato reato proprio - Art. 256 d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 01/10/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Direttore dei lavori di un cantiere - Violazione della normativa sui rifiuti - Corretta gestione dei rifiuti - Responsabilità e limiti - Smaltimento rifiuti in assenza di autorizzazione - Opere di scavo e di interramento di rifiuti speciali non pericolosi - Partecipazione attiva all'attività illecita - Art. 29 D.P.R. n.380/2001 - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Attività di costruzione e demolizione, terre e rocce, - Differenza con la disciplina in materia edilizia - Committente di lavori edili e appaltante - Gestione dei rifiuti prodotti dalla ditta appaltatrice o subappaltatrice - Art. 256, comma 1, lett. a), d.lgs. 152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Risoluzione del vincolo della continuazione conseguente alla esclusione della punibilità del più grave reato - Criteri di individuazione della pena per i reati satellite - Art. 181, 185 d.lgs. 42/2004.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.3^ 28/09/2018, Sentenza n.23442

APPALTI - Contratto di appalto di lavori - Attività di manutenzione e/o di esecuzione di opere - Responsabilità del committente per i danni arrecati a terzi - Committente obbligo di custodia e di controllo - Posizione di "garanzia" - Trasferimento della posizione di garanzia ad un terzo - Onere della prova specifica - Art. 2051 c.c. - Impresa appaltatrice e della subappaltatrice - RISARCIMENTO DEL DANNO - Risarcimento per danni subiti da un immobile a seguito di un allagamento proveniente da un cantiere - Responsabilità dell'appaltatore per i danni causati a terzi - Presupposti di applicabilità delle disposizioni di cui all'art. 2050 c.c. - Responsabilità concorrente del committente - Casi di ingerenza del committente o violazione di specifici obblighi di vigilanza  - Appaltatore inadeguato - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Appalti pubblici - Esecuzione dei lavori - Specifici poteri di autorizzazione, controllo ed ingerenza della p.a. - Risarcimento dei danni arrecati a terzi nel corso di esecuzione di un appalto di lavori edili - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.3^ 27/09/2018, Ordinanza n.23174

APPALTI - Opere edilizie - Progetto e saggi nei terreni di fondazione - Danni e risarcimenti - Obbligo giuridico o disposizione contrattuale di impedire l'evento dannoso - Responsabilità - Geologo, progettista e direttore dei lavori - Appaltatore e dovere di diligenza stabilito dall'art. 1176 c.c. - Opere edilizie da eseguirsi su strutture o basamenti preesistenti - Difficoltà di esecuzione dell'opera manifestatesi in corso d'opera - Imprevedibili - Diritto ad un equo compenso - Realizzazione dell'opera senza difetti costruttivi - Garanzia - Art. 1664, 2° co., c.c. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 26/09/2018, Sentenza n.41674

RIFIUTI - Molitura delle olive e produzione di sansa - Conferimento all'interno di un invaso artificiale - Smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi allo stato liquido - Acque di vegetazione delle olive - Attività di lagunaggio - Caratteristica di sottoprodotto - Esclusione - Artt. 183, 184-bis, 256 c.1, lett. a) e 2 d.lgs. 152/06 - Nozione di rifiuto - Esclusione della valutazione soggettiva sulla natura dei materiali da classificare o meno quali rifiuti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Difensore non iscritto nell'albo speciale - Effetti - Inammissibilità originaria dell'impugnazione - Art. 613 cod. proc. pen. - Diniego delle attenuanti generiche - Obbligo di motivazione - Elementi considerati prevalente - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/09/2018, Sentenza n.41256

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ampliamento della volumetria preesistente all’esterno della sagoma esistente - Apertura di nuove pareti finestrate - Interventi classificabili come di “nuova costruzione” - Permesso di costruire o altro titolo equipollente - Necessità - Ristrutturazione cd. "minore" - Esclusione - Artt. 3, 10, 22, 44, d.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per cassazione - Motivi generici - Validità del ricorso per cassazione - Sufficiente grado di specificità - Onere del ricorrente.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.4^ 24/09/2018, Sentenza n.40922

APPALTI - SICUREZZA SUL LAVORO - Appalto di lavori di tipo domestico, quali ristrutturazioni, pitturazione, ecc. - Responsabilità del committente dei lavori - Onere di vigilanza - Dovere di sicurezza gravante sul datore di lavoro - Assenza della redazione di un documento di valutazione dei rischi o della nomina di un responsabile dei lavori - Configurabilità della responsabilità - Valutazione dei rischi e organizzazione delle opere - Committente corresponsabile con l'appaltatore - Giurisprudenza - Art. 26 e 90 d.lgs. 81/2008.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2018, Sentenza n.40687

RIFIUTI - Qualificazione di una sostanza o un oggetto quale rifiuto - Verifica dei dati obiettivi - Condotta del detentore o obblighi - Riutilizzazione economica - Ininfluenza - Sequestro preventivo - Artt. 183 e 256, comma 2 d.lgs.152/2006 - Natura di rifiuto di un determinato materiale - Effetti dell'accordo di cessione a terzi - La riutilizzazione economica non esclude necessariamente la natura di rifiuto - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2018, Sentenza n.40678

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Mutamento di destinazione d'uso senza opere - SCIA o permesso di costruire - Presupposti - Stessa categoria urbanistica - Categoria omogenea - Centri storici - Art. 44 lett. a) d.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - Destinazione d'uso - Funzione - Organizzazione e gestione del territorio comunale - Mutamento della destinazione d'uso - Aggravamento del carico urbanistico - Regimi urbanistico-contributivi diversi.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018, Sentenza n.

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere abusive - Revoca o la sospensione dell'ordine di demolizione - Sentenza di condanna - Presentazione di istanza di condono o sanatoria successivamente al passaggio in giudicato - Art. 31, c.9, d.P.R. 380/2001 -  Giurisprudenza  - Reati edilizi - Ordine di demolizione impartito dal giudice - Natura di sanzione amministrativa - Revoca della  sentenza di condanna - Verifica della legittimità dell'atto concessorio - Potere-dovere del giudice dell'esecuzione - Requisiti di forma e di sostanza  - Manufatto abusivo - Ordine di demolizione indipendente al rapporto col bene - Ragioni di tutela del territorio - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio - Inapplicabilità della disciplina generale della prescrizione - Giurisprudenza della Corte EDU - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Giurisprudenza - Zona vincolata di tipologia 1 del d.lgs. 42/2004 - Esclusione della condonabilità dell'opera - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Impugnazioni nel procedimento di esecuzione - Censura manifestamente infondate - Mancato esame da parte del giudice di merito -  Annullamento del provvedimento - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Sospensione del processo con messa alla prova passa - Applicazione e limiti - Art. 168-ter cod. pen. - Ordine di demolizione dell'opera edilizia abusiva - Declaratoria di estinzione del reato per esito positivo della messa alla prova - Applicazione delle sanzioni amministrative accessorie - Art. 168-ter cod. pen. - Artt. 31 e 44 d.P.R. n. 380/2001 - Art. 181, d. lgs. n. 42/2004 - Ordine di demolizione del manufatto abusivo - Natura di sanzione amministrativa - Procedimento di sospensione con messa alla prova - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - La messa alla prova nei reati edilizi - Eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato - Cd. sanatoria di (doppia) conformità - Funzione deflattiva, ripristinatoria e risarcitoria.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018, Sentenza n.

* BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA - Taglio boschivo in assenza della prescritta autorizzazione - Pena prevista pecuniaria e detentiva - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Reati di cui agli artt. 142, 146 e 181 d. lgs. 42/2004 - Art. 44, c.1, lett. C), d.P.R. n.380/2001- DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenza di patteggiamento - Applicazione della sola pena pecuniaria - Pena illegale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.6^ 12/09/2018, Ordinanza n.22156

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Tutela dell'aspetto architettonico di un fabbricato - Nozioni di aspetto architettonico e di decoro architettonico - Diversità e complementarietà - Qualifiche e limiti alle sopraelevazioni - Distonia con i ritmi architettonici del fabbricato - Fattispecie: Demolizione di una veranda costruita sul terrazzo di copertura - Giurisprudenza - Artt. 1120 e 1127 c.c..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/09/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi in zona sismica - Sequestro delle opere abusive - Potenziali rischi per l'incolumità fisica dei terzi - Fattispecie: Bar, ampliamento l'attività commerciale costruendo in adiacenza un manufatto, in assenza di qualsiasi progettazione e titolo abilitativo - Artt.3, 6, 44, 71, 72 e 95 d.P.R. 380/01.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/09/2018, Sentenza n.

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Emissioni in atmosfera - Esercizio di impianto non autorizzato - Prosecuzione nell'esercizio - Reato a condotta mista - Condotta commissiva e omissiva - Mancata e/o presentazione della domanda di autorizzazione -Effetti - D.P.R. 24 maggio 1988, n. 203 - Fattispecie: CAVE - Coltivazione di cava - Attività di frantumazione degli inerti - Natura permanente del reato - Consumazione e cessazione del reato - Artt. 267, 269, 279, 281 d.lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/09/2018, Sentenza n.39679

DIRITTO DEMANIALE - Occupazione abusiva del suolo demaniale - Opere autorizzate con un permesso di costruire stagionale, realizzate sul demanio marittimo - Mancata rimozione - Art 1161 cod. nav. - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Trasformazione di strutture precarie in permanenti - Assenza del permesso di costruire (non stagionale) - Reato urbanistico e/o paesaggistico - Art. 44, c.1, lett. e), d.P.R. n.380/2001 - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Provvedimento abilitativo - Scaduto o inefficace - Effetti - Art. 181, d.lgs. n. 42/2004 - Autorizzazione "in precario"  di un manufatto - Violazione di norme urbanistiche e paesaggistiche - Piena equivalenza ai fini della contestazione dei reati - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE Sez. FERIALE PENALE, Sez.3^, 04/09/2018, Sentenza n.39699

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Abuso d’ufficio - Prova del dolo intenzionale - Accertamento - Indici fattuali - Sufficienza - Art. 323 e 481 cod. pen. - Giurisprudenza - Certificato amministrativo proveniente da un pubblico ufficiale e certificati di esercenti un servizio di pubblica necessità - Differenza - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità - Fattispecie: dichiarazione falsa di conformità dell'intervento edilizio alle norme urbanistiche edilizie vigenti in ambito comunale - Artt. 10, 20, 22, 36 e 37 d.p.r. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Falsità ideologica e bene tutelato - Affidamento dell'immediato destinatario dell'atto pubblico - Interesse protetto - Garanzia di veridicità - Qualificazione giuridica della condotta.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/09/2018, Sentenza n.39677

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - DIRITTO DEMANIALE - Opere stagionali realizzate sul demanio marittimo - Mancata rimozione e trasformazione in strutture permanenti in assenza del permesso di costruire - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Autorizzazione paesaggistica annuale - Art. 44, comma 1, lett. e), d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 e 181 d.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/09/2018, Sentenza n.39430

RIFIUTI - Obbligo di rimozione dei rifiuti - Responsabilità penale e obbligati in solido - Sussistenza di dolo o colpa - Soggetti destinatari dell'ordinanza sindacale - Annullamento - Artt. 192, 255 e 256 d.lgs. n.152/2006 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Abbandono dei rifiuti e ripristino dello stato dei luoghi - Procedura amministrativa - Operazioni finalizzate all'adempimento degli obblighi conseguenti alla violazione del divieto - Effetti dell'inutile decorso del termine - Recupero delle somme anticipate - Ordine di bonifica dei terreni contaminati - Reato di mancata ottemperanza all'ordine sindacale - Natura di reato permanente - Artt. 244 e 245 d.lgs. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez. 2^ 03/09/2018, Ordinanza n.21554

INQUINAMENTO ACUSTICO - Immissione rumorose - Diritto al normale svolgimento della vita familiare all'interno della propria abitazione - Risarcimento del danno non patrimoniale - Art. 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo - Artt. 844, 2043, 2059, 1226 c.c. - Giurisprudenza - RISARCIMENTO DEL DANNO - Liquidazione del danno da immissioni ex art. 844 cod. civ. - Determinazione dell'ammontare del risarcimento - Criteri di determinazione del danno - Contemperamento di interessi contrastanti e di priorità dell'uso - Illiceità del fatto generatore del danno arrecato a terzi e danno non patrimoniale risarcibile - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Omesso esame di un fatto storico principale o secondario - Vizio specifico denunciabile per cassazione ex art. 360 c.1 cpc - Obblighi del ricorrente.

Categoria: 

Autorità: 

Pagine