CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 07/05/2018, Sentenza n.19692

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Proprietà statale delle cose d'interesse archeologico - Presunzione di proprietà pubblica - Onere della prova - Dominio privato sugli stessi oggetti - Eccezione e presupposti -  Artt. 81, 110 cod. pen. e 174 d.lgs. n. 42/2004 - L n. 364/1909, Regio decreto n. 363/1913, L. n. 1089/1939, artt. 826, c.2, 828 e 832 cod. civ.- Reato di esportazione abusiva di beni culturali - Confisca obbligatoria anche in ipotesi di proscioglimento - Presupposti - Provvedimento ablatorio ex art. 174 d.lgs. n. 42/2004 - Persona estranea al reato -  Eccezione - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Beni di interesse storico e artistico oggetto di illecito trasferimento all'estero - Beni appartenenti al patrimonio indisponibile dello Stato - Confisca obbligatoria anche se il privato non è responsabile dell'illecito o comunque non ha riportato condanna - Natura di misura recuperatoria di carattere amministrativo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/05/2018, Sentenza n.19147

RIFIUTI - Attività di gestione e smaltimento di rifiuti secondo modalità non consentite - Attività non occasionale - Integrazione del reato di cui all'art. 256, c.1,  dlgs n. 152/2006 - Fattispecie: riversamento di liquidi aspirati da fosse settiche nella rete fognaria ovvero direttamente sui terreni agricoli - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Irrogazione del trattamento sanzionatorio e concessione dei benefici di legge - Motivazione - Richiamo alla equità e criterio di sintesi - Art. 133 cod. pen. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/05/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Gestione di rifiuti - APPALTI - Produzione di rifiuti derivanti dall'obbligazione contrattuale - Committente e appaltatore - Responsabilità della stazione appaltante - Estensione della responsabilità al committente - Presupposti - Ingerenza nella esecuzione dell'opera o controllo diretto su quest'ultima da parte del committente - Art. 256 dlgs n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Obbligo di impedire l'evento - Posizione di garanzia - Investitura formale o esercizio di fatto delle funzioni - Integrazione dell'art. 40, c.2°, cod. pen. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/05/2018, Sentenza n.18891

RIFIUTI - Violazione di disposizioni e precetti o prescrizioni amministrative - Natura di reato di pericolo - Elemento soggettivo - Inosservanza delle prescrizioni dell’autorizzazione e norma penale in bianco - Artt. 184-ter, 208 e 256, commi 1, lett. a), e 4, d.lgs. n, 152 del 2006 - Ricorso ai sensi dell'art. 606, lett. b), cod. proc. pen. - Norma penale in bianco e pretesa poca chiarezza del precetto - Inescusabilità al di fuori dell'ignoranza inevitabile - Onere della prova - Giurisprudenza - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Interesse dell'imputato a impugnare la sentenza che esclude la punibilità del reato ai sensi dell'art. 131-bis cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/05/2018, Sentenza n.18878

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione mista - Stipulazione di atti negoziali e frazionamento dei terreni - Momento consumativo del reato - Art. 44, c.2, dPR n. 380/2001 - Lottizzazione abusiva - Confisca dei terreni e dei manufatti su di essi insistenti - Reato prescritto - Effetti - Estinzione del reato - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Legge applicabile alle condotte integranti un reato permanente. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/05/2018, Sentenza n.18913

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Decreto di archiviazione emesso "de plano" dal giudice per le indagini preliminari - Richiesta di archiviazione e notifica dell'avviso - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Individuazione della pubblica amministrazione quale persona offesa dal reato - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Procedimenti per reati urbanistici e paesaggistici - Giurisprudenza - Art. 169, D.Lgs. n.42/2004 - Tutela della pubblica incolumità e diritto di proprietà - Opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso, ed a struttura metallica - Artt. 64, 71 e 72, d.P.R. n. 380/2001 - Artt. 1 e 10, d.lgs. n. 42/2004 - Circostanza aggravante - Danneggiamento della cosa di interesse storico o artistico - RISARCIMENTO DEL DANNO - Intervento edilizio abusivo - Danno subito dal proprietario e situazioni giuridiche soggettive - Interesse della pubblica amministrazione - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Richiesta di archiviazione e avviso a favore della persona offesa - Titolare dell'interesse direttamente protetto dalla norma penale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 02/05/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Fertirrigazione del terreno e disciplina in deroga alla normativa sui rifiuti - Presupposti - Effettiva utilizzazione agronomica - Esistenza effettiva di colture in atto sulle aree - Artt. 192 e 256 c.1, lett. a) d.lgs. n. 152/2006 - AGRICOLTURA - Fattispecie: spandimenti autorizzati di acque di vegetazione e di lavaggio olive su terreno incolto - Gestione illecita - Responsabilità per avere tollerato l'altrui invasione - Esonero da responsabilità - Limiti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio abbreviato - Atti formati unilateralmente dalla polizia giudiziaria - Prova dichiarativa - Motivazione - Violazione del principio di autosufficienza - Giurisprudenza - Valutazione della prova e convincimento del giudice - Processo logico.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 02/05/2018, Sentenza n.18522

INQUINAMENTO ACUSTICO - Disturbo del riposo e delle occupazioni - Configurabilità dell'illecito amministrativo e/o dell'illecito penale - Abuso ripetuto di strumenti sonori all'interno e all'esterno di un locale con relativo disturbo del riposo e delle occupazioni delle persone - Giurisprudenza - Art. 10 l. 26/10/1995 n. 447 e art. 659 cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione - Limiti e preclusioni - Effetti dell'inammissibilità originaria del ricorso.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 19/04/2018, Sentenza n.17745

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Protrazione dell'abuso edilizio mediante il completamento delle opere - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Nuova volumetria - Sopraelevazione - Assenza di titolo edilizio - Artt. 10 e 44 DPR 380/01 - Art. 181 D. L.vo 42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Motivo di ricorso che si limita a reiterare il motivo d'appello - Inammissibilità - Determinazione della pena - Obbligo della motivazione il giudice di merito - Pena al di sotto della media edittale e irrogazione della pena base pari o superiore al medio edittale - Effetti - Art. 133 cod. pen.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 17/04/2018, Sentenza n.17135

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Autorizzazione paesaggistica - Termine per l'esecuzione dei progettati lavori - Efficacia, scadenza e rinnovo (cinque anni) - Art. 146 c.4  d.lgs n.42/2004 - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Differenza tra opera stagionale e opera precaria - Esecuzione di opere stagionali - Permesso di costruire - Necessità - Configurabilità del reato urbanistico - Art. 44 d.P.R. n.380/2001 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione avverso provvedimenti cautelari reali - Motivi attinenti alla violazione di legge - Nozione di "violazione di legge" - Art. 325 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 17/04/2018, Sentenza n.

* INQUINAMENTO ACUSTICO - RUMORE - CONDOMINIO - Emissioni eccedenti la normale tollerabilità - Condotta rumorosa indipendente dalla titolarità del locale e degli impianti - Obbligo di adottare le necessarie cautele atte ad evitare il disturbo alla pubblica quiete - Art.659 c.p. - Fattispecie: palestra ubicata in un edificio condominiale, rumore proveniente dall'impianto di aereazione e dall'impianto musicale - Configurabilità dell'art.659 c.p. - Disturbo potenzialmente idoneo ad essere risentito dalla collettività - Accertamento della fattispecie criminosa effettuato direttamente dal giudice del merito - Giurisprudenza - Esercizio di attività economiche legate al ciclo produttivo - Reati di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - Reato commesso nell'espletamento di un'attività commerciale - Natura di reato eventualmente permanente - Decorrenza del termine prescrizionale - Cessazione della condotta illecita - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione - Dato probatorio travisato od omesso - Carattere di decisività con indicazione o allegazione al ricorso dello specifico atto - Obbligo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/04/2018, Sentenza n.16673

VIA VAS AIA - Autorizzazione integrata ambientale (A.I.A.) - Inosservanza delle prescrizioni - Casi di depenalizzazione - RIFIUTI - Reati ambientali - Artt. 29 quattorduocies e 256 d.lgs n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Assunzione di nuove prove - Esercizio positivo del potere da parte del giudice - Effetti - Giurisprudenza - Art. 507 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 4^ 16/04/2018, Sentenza n.16715

INQUINAMENTO ATMOSFERICO - AMIANTO - Fibre di amianto - Delitto contro l'incolumità pubblica - Decessi provocati da leucemia mieloide acuta - Omicidio colposo - DANNO AMBIENTALE - Condanna al risarcimento dei danni in favore delle parti civili - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Condanna al pagamento delle spese di giudizio - DIRITTO SANITARIO - SICUREZZA SUL LAVORO - Esposizione all'amianto e al benzene - Rilevanza causale rispetto ai decessi determinati da tumore polmonare - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Rigetto delle istanze istruttorie - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 16/04/2018, Ordinanza n.16574

INQUINAMENTO ACUSTICO - Configurabilità dell'art. 659 cod. pen. e valutazione dell'insostenibile rumorosità - Incidenza sul riposo notturno - Poteri del giudice di merito - Censure difensive generiche per aspecificità - Fattispecie: Avventori di un locale rumorosi in strade limitrofe - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Motivazione esente da errori logici e giuridici - Limiti alla valutazione delle prove - Accertamenti (giudizio ricostruttivo dei fatti) e apprezzamenti (giudizio valutativo dei fatti) - Casi di inammissibilità del ricorso - Mancanza, contraddittorietà o manifesta illogicità della motivazione - Provvedimento impugnato - Esistenza di atti processuali non esplicitamente presi in considerazione nella motivazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 06/04/2018, Sentenza n.15416

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ristrutturazione edilizia - Criteri per l'individuazione - Intervento edilizio qualificato come di ristrutturazione anziché di nuova costruzione - Necessità di preventivo permesso di costruire - Art. 30 d.l. n. 69 del 2013 (conv. in legge n. 98/2013) - Realizzazione di piani interrati - Permesso di costruire - Necessità - Art. 44, c.1, lett.e), d.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Abuso d'ufficio in riferimento ad un atto interno al procedimento amministrativo - Formulazione di un parere consultivo espresso contra legem - Fattispecie: Concorso dei privati nell'iter criminis - Reato di falso ideologico in atto pubblico (art. 479 cod. pen.) - Rapporti tra privati e pubbliche amministrazioni - Configurabilità in relazione a qualsiasi documento - Funzione attestativa o probatoria esterna o interna - PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO - Atti interni destinati ad inserirsi nel procedimento amministrativo - Complessa sequenza procedimentale - Prodromico all'adozione di un atto finale - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Differimento dell'udienza - Richiesta del difensore - Legittimo impedimento per concorrente impegno professionale del difensore - Effetti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 05/04/2018, Sentenza n.15126

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Sequestro preventivo e confisca - Causa di estinzione del reato - Effetti e doveri del giudice del dibattimento - Trasformazione e alterazione di terreni agricoli sia in via cartolare che esecutiva mediante un piano di lottizzazione illegittimo - Articoli 321 del codice di procedura penale e 44, secondo comma, lettera c), d.p.r. 380/2001 - Confisca urbanistica e legittimità costituzionale - Sanzione di carattere amministrativo - Conformità e interpretazione della sentenza della Corte EDU nel caso Varvara - Accertamento di responsabilità - Sussistenza della lottizzazione abusiva - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - DIRITTO PROCESSUALE AMMINISTRATIVO - Confisca urbanistica - Sanzione amministrativa - Articolo 129 del codice di procedura penale - Causa di non punibilità - Limiti - Accertamento dell'insussistenza della lottizzazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 05/04/2018, Ordinanza n.

* RIFIUTI - Reato di abbandono incontrollato di rifiuti - Intenzione dell'autore della condotta - Irrilevanza - Deposito temporaneo - Condizioni - Luogo di produzione - Separazione per categoria - Artt. 183 e 256 d.lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Applicazione delle circostanze attenuanti generiche - Diritto dell'imputato - Esclusione - Stato di incensuratezza dell'imputato - Insufficiente - Declaratoria di inammissibilità del ricorso - Effetti conseguenziali.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/04/2018, Sentenza n.14806

RIFIUTI - Rottami ferrosi - Applicazione e deroga della disciplina dei rifiuti - Regolamento n.333/2011/UE - Artt. 184 bis e 256 D. Lgs. n. 152/2006 - Gestione dei rifiuti in assenza del prescritto titolo abilitativo - Attività di raccolta e trasporto in forma ambulante dei rifiuti prodotti da terzi - Deroga ex art. 266, c.5 d.lgs. n.152/2006 - Condizioni - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Speciale tenuità ex art. 131 bis cod. pen. - Reato continuato - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 28/03/2018, Sentenza n.14360

MALTRATTAMENTO ANIMALI - Detenzione incompatibile dell'animale con la sua natura - Comportamenti colposi di incuria - Configurabilità dell'art. 727 cod. pen. per colpa - Presupposti del reato - Condotte che incidono sulla sensibilità psico-fisica - Fattispecie: canile municipale fortemente sporco e omessa vigilanza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di estinzione del reato non rilevabili in sede di legittimità - Vizi di motivazione della sentenza impugnata - Art. 129 cod. proc. pen. - Rinuncia alla prescrizione. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 13/03/2018, Ordinanza n.11255

RIFIUTI - Discarica abusiva - Reato di deposito incontrollato di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi - Natura di reato abituale - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto - Esclusione - Art. 256, co. 1 e 3, d. lgs. n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 08/03/2018, Sentenza n.10468

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Trasferimento all’estero di cose di interesse culturale di non eccezionale rilevanza - Modifiche introdotte - Disciplina applicabile - Reato di uscita o esportazione illecite di cose di interesse culturale - Configurabilità indipendentemente dalla produzione di un danno al patrimonio artistico nazionale - Attestato di libera circolazione - Licenza di esportazione - Giurisprudenza - Esportazione di cose di interesse culturale al di fuori del territorio dell'Unione Europea - Disciplina vigente - Natura e definizione dell'interesse "culturale" - Caratteristiche oggettive del bene - Beni appartenenti allo Stato - Vincolo culturale - Valutazione in ordine all'esistenza di un interesse culturale (artistico, storico, archeologico o etnoantropologico) - Verifiche dell'Amministrazione preposta alla tutela - Inattendibilità della valutazione tecnico-discrezionale compiuta - Profili di incongruità ed illogicità evidente - Artt. 2, 10, 12, 13, 14, 65, 66, 67, 68 174 e 175 d.lgs. n. 42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Travisamento della prova - Casi di configurabilità - Effetti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 05/03/2018, Sentenza n.9879

RIFIUTI - Concetto di gestione di una discarica abusiva - Trasformazione di un sito a luogo adibito a discarica - Fattispecie: Depositato in un capannone in assenza di valore economico dei beni ivi collocati e soprattutto dell'oggettivo disinteresse al loro recupero - Realizzazione di una discarica abusiva - Mero accumulo senza alcun ulteriore riutilizzo - Condotta abituale o plurimi conferimenti - Differenza tra abbandono di rifiuti e discarica abusiva - Requisito della mera occasionalità - Unicità ed estemporaneità della condotta - Artt. 255, 256, comma 3, d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Concessione d'ufficio della sospensione condizionale della pena - Mancato esercizio del potere discrezionale - Giudice di appello - Motivazione - Necessità - Esclusione - Art. 597, c.3, cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 05/03/2018, Sentenza n.9870

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Tutela dei beni paesaggistici - Esecuzione di interventi (anche non edilizi) potenzialmente idonei ad arrecare nocumento alle zone vincolate - Assenza autorizzazione - Alterazione, danneggiamento o deturpamento del paesaggio - Reato formale e di pericolo - Art.181 d.lgs n.42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Motivi generici e/o mera rilettura degli elementi di fatto - Inammissibilità - Motivazione c.d. implicita - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 28/02/2018, Sentenza n.9070

RIFIUTI - Traffico illecito di rifiuti - Reato estinto per prescrizione - Confisca del mezzo - Esclusione - Artt. 259 e 260 d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Confisca diretta del prezzo o del profitto del reato e confisca del mezzo utilizzato per commettere il reato - Estinzione del reato per intervenuta prescrizione - Effetti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 28/02/2018, Sentenza n.9056

RIFIUTI - Gestione non autorizzata - Trasporto e smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi - Rifiuti da demolizioni/lavori edili senza la prescritta autorizzazione - Responsabilità del rappresentante legale per il trasporto illecito effettuato dal dipendente - Albo Nazionale Gestori Ambientali - Iscrizione dei mezzi di trasporto - Necessità - Artt. 192 e 256 d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio di Cassazione - Preclusione al giudice di legittimità della rilettura degli elementi di fatto - Motivi di ricorso per Cassazione non deducibili - Difetto di motivazione in ordine alla valutazione di una dichiarazione testimoniale - Difetto di specificità del motivo - Sospensione condizionale della pena o della non menzione della condanna - Mancata concessione "ex officio" - Richiesta benefici nel corso del giudizio di merito - Necessità - Causa di non punibilità - Applicazione e limiti - Particolare tenuità del fatto.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 6^ 27/02/2018, Sentenza n.

* PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Whistleblowing - Tutela del dipendente pubblico che riveli illeciti - Dipendenti infedeli - Denuncia anonima - Identità del segnalante coperta dal segreto - Presupposti e limiti - Art. 329 c.p.p. - Fattispecie: in relazione ad una pluralità di episodi di corruzione per atto contrario ai doveri d'ufficio, truffa aggravata e falso ideologico in atti informatici - (cessione dietro compenso di visura uso ufficio) - Responsabile per la prevenzione della corruzione (RPC) - Reato di corruzione ed il reato di truffa in danno dello Stato - Concorso materiale tra i reati - Accordo corruttivo - Effetti - Induzione in errore - Fattispecie: Falso in atto informatico - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Attualità del pericolo di reiterazione del reato - Possibilità di recidiva - Valutazione del giudice - Intercettazione di conversazioni o comunicazioni - Sussistenza dei gravi indizi di reato - Presupposti - Giurisprudenza WHISTLEBLOWING.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 22/02/2018, Sentenza n.8540

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Sanatoria e requisito della doppia conformità - Permesso di costruire in sanatoria - Limiti - Asservimento attraverso l’accorpamento di terreni adiacenti - Fattispecie: piscina interrata e opere connesse - Artt.31, 36, 44 e 45 d.P.R. n.380/2001 - Sanatoria degli abusi edilizi e estinzione del reato - Doppia conformità delle opere alla disciplina urbanistica - Limiti alla legittimazione postuma di opere originariamente abusive - C.d. sanatoria "giurisprudenziale" o "impropria" - Fattispecie: asservimento della volumetria necessaria espressa da un fondo limitrofo - Doppia conformità alla disciplina urbanistica ed edilizia - Criteri di verifica - Fattispecie: asservimento di maggiori superfici a quelle originariamente disponibili - Carattere della pertinenza - Presupposti per l'esclusione del permesso di costruire - Oggettiva esigenza funzionale dell'edificio principale - Sfornito di un autonomo valore di mercato - Volume non superiore al 20% di quello dell'edificio cui accede - Mancanza del requisito della doppia conformità - Effetti della c.d. sanatoria impropria - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Revoca dell'ordine di demolizione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 22/02/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Gestione dei rifiuti - Differenze tra "deposito preliminare", "messa in riserva", "abbandono" e "discarica abusiva" - Nozione di raggruppamento di rifiuti - Operazione di smaltimento in assenza di autorizzazione o comunicazione - Artt. 183, 256 c.1 e 3 d.lgs. n.152/2006 - Deposito controllato o temporaneo - Esclusione dalla disciplina ordinaria sui rifiuti - Sussistenza delle condizioni - Onere della prova - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Ordine inesistente o illegittimo - Esimente dell'adempimento di un dovere - Limiti al dovere di obbedienza - Errore incolpevole dell'agente - Obbligo dell'agente di accertare i limiti e le condizioni della sua attività - Art. 51 cod. pen. - Responsabile dell'area tecnica - Deposito temporaneo e controllato di rifiuti prodromico all'attività di bonifica e riutilizzo - Assenza di autorizzazione - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Mancata concessione delle attenuanti generiche - Art. 133 cod. pen. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 20/02/2018, Sentenza n.8026

RIFIUTI - Terre e rocce da scavo - Criteri per qualificare le terre e rocce da scavo come sottoprodotti - Evoluzione normativa e modifiche del regime giuridico - Procedura semplificata - Redazione del Piano di Utilizzo - Concetto di "rifiuto" - Opere sottoposte a VIA o ad AIA - Fattispecie: Lavori di sbancamento, scavo e movimento terra - D.P.R. 13/06/2017, n. 120 - Artt. 183, 184-bis, 186, 256 e  260 d.lgs. n. 152/2006 - Nuova disciplina della gestione delle terre e rocce da scavo - Criteri e presupposti - Qualifica di sottoprodotti - Esclusione dalla disciplina dei rifiuti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Rinvio dell'udienza - Omesso avviso del rinvio dell'udienza all'imputato non comparso - Effetti - Giurisprudenza - Presenza di una causa di estinzione del reato - Poteri del giudice. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/02/2018, Sentenza n.7735

MALTRATTAMENTO ANIMALI - Trattamento incompatibile con la indole dell'animale - Cane legato ad una catena privo di assistenza igienica, di acqua e di cibo - Ipotesi di reato di cui agli artt. 544-ter e 727 cod. pen. - Criterio discretivo fra le due fattispecie di reato - Diverso atteggiamento soggettivo dell'agente - Produzione delle gravi sofferenze - Caratteristiche etologiche - Condotta colposa o dolosa dell'agente.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/02/2018, Sentenza n.7707

RIFIUTI - Smaltimento illecito di rifiuti (combustione) - Responsabilità del proprietario del fondo - Cooperazione colposa nella realizzazione della condotta illecita - Configurabilità - Art. 256, c.1, lett. a), d.lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione - Nuova valutazione delle risultanze acquisite - Preclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/02/2018, Sentenza n.7709

RIFIUTI - Smaltimento rifiuti - Abbandono incontrollato da parte del dipendente o dei preposti - Omessa vigilanza - Responsabilità dell'imprenditore - Art. 256, D.lgs. n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Nozione e differenze tra travisamento della prova e travisamento della prova dichiarativa - Art. 606 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 13/02/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Veicoli fuori uso - Operazioni di messa in sicurezza - Cessazione della qualifica di rifiuti - Presupposti - Operazione di recupero - Art. 321 cod.proc.pen. - Artt.183, 184- ter, 256 e 259 d.lgs n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione avverso provvedimenti cautelari reali - Nozione di "violazione di legge".

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 13/02/2018, Sentenza n.6940

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Costruzione abusiva - Condanna non definitiva per reato urbanistico - Sequestro immobile abusivo e restituzione - Esigenze cautelari e richiesta di revoca - Aggravio del carico urbanistico - Art. 323 cod. proc. pen. - Art. 44 lett c) d.P.R. n. 380/2001 - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Art. 181 comma 1-bis d.lvo n. 42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Abusivismo edilizio - Sentenza di condanna non definitiva - Bene sequestrato - Permanenza o meno delle esigenze cautelari - Confisca dei beni sequestrati - Restituzione del bene sottoposto a sequestro - Presupposti giuridici - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/02/2018, Sentenza n.6738

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Parcheggi pertinenziali sotto il piano di campagna naturale - Quota-parte di parcheggi obbligatori - Volumi realizzabili - Calcolo del volume massimo edificabile - Legge c.d. Tognoli - Parcheggi coperti (non interrati) - Edilizia in zone sismiche - Pericolo la pubblica incolumità e normativa antisismica - Variazione delle dimensioni dei pilastri di sostegno di un manufatto - Reati di pericolo - Rilascio postumo del parere favorevole da parte dell'Ufficio del Genio Civile - Ininfluenza - Artt. 12, 17, 22, 32, 44, 93, 94 e 95 d.P.R. 380/2001 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Reato urbanistico di abuso d'ufficio in concorso - Attività edificatoria realizzata sulla base di titoli illeciti o macroscopicamente illegittimi - Responsabilità del titolare del permesso, progettista e responsabile dell'ufficio tecnico comunale - Art. 323 c.p. abuso d'ufficio giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio abbreviato - Giudice di appello - Disposizione d'ufficio dei mezzi di prova (documentali e non) - Poteri suppletivi di iniziativa probatoria - Obbligo di motivazione - Mancata ammissione di una prova - Prove a discarico che abbiano carattere di decisività - Perizia e consulenza tecnica di parte - Limiti di ammissibilità - Artt. 495, c.2 e 606, c.1, lett. d), cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/02/2018, Sentenza n.6727

DANNO AMBIENTALE - Processi per reati ambientali - Risarcimento del danno ambientale di natura pubblica - Stato in via esclusiva (e per esso al Ministero dell'Ambiente) - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Legittimazione al risarcimento e esercizio dell’azione civile in sede penale - Tutti gli altri soggetti, singoli o associati, ivi comprese le Regioni e le Provincie e agli enti pubblici territoriali minori - Art. 318 d.lgs n. 152/2006 - RIFIUTI - Reato di deposito incontrollato di rifiuti - Attività di stoccaggio di materiali- Presenza in parte di rifiuti - Prevalenza - Nozione deposito controllato o temporaneo - Gestione illecita dei rifiuti - Luogo di produzione funzionalmente collegato all'impresa produttrice - Adempimenti in tema di registri di carico e scarico e del divieto di miscelazione - Differenza tra deposito preliminare, messa in riserva, deposito incontrollato o abbandono e discarica abusiva  Artt. 183, 256 d.lgs n. 152/2006 - Giurisprudenza - INQUINAMENTO ACUSTICO - Getto pericoloso di cose - Art. 674 cod.pen. - Fattispecie: Attività di vivaista e bruciamento di rifiuti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio di legittimità - Profili del giudizio rimessi alla esclusiva competenza del giudice di merito.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 4^ 09/02/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Assegnazione di un CER - Codice c.d. "a specchio" - Obblighi del produttore/detentore - Presenza di sostanze pericolose e superamento delle soglie di concentrazione - Violazione - Accertamento - Principio di precauzione - Gestione dei rifiuti - Voci a specchio - VIA - Violazione delle prescrizioni dell'autorizzazione integrata ambientale - Art. 29 quattuordecies co. 3 lett. b) e co. 4, in relazione all'art. 29 sexies del d. lgs. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Misure cautelari reali - Impugnazione - C.d. "effetto devolutivo" del riesame - Requisiti della concretezza e attualità - Ricorso per cassazione contro ordinanze emesse in materia di sequestro preventivo o probatorio.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 07/02/2018, Sentenza n.5763

INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Sversamento di acque maleodoranti - Pericolo per la salute - Reato di cui all'art. 674 cod. pen. - Giurisprudenza - Getto pericoloso di cose - ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - INQUINAMENTO DEL SUOLO - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sistema di depurazione delle acque - Negligente opera di manutenzione - Controllo degli impianti - Disservizio della pompa di sollevamento dell'acqua - Estremi del caso fortuito - Esclusione - Negligente manutenzione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 02/02/2018, Sentenza n. 5075

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Sito di Interesse nazionale - Edilizia su aree ubicate all'interno del perimetro (SIN) - Divieto di frazionamento degli impianti fotovoltaici - Effetti di una falsa attestazione - Vizio ab origine - DIRITTO DELL'ENERGIA - Realizzazione e autorizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili - Procedura autorizzatoria semplificata - Limiti - AGRICOLTURA - Impianti fotovoltaici in ambito agricolo - Moduli collocati a terra in aree agricole - Esclusione all'accesso agli incentivi statali - Artt. 12, 22, 23, 31 e 44 d.P.R. n. 380/01 - Interventi realizzabili alternativamente con denunzia di inizio attività ovvero con permesso di costruire - Assenza della denunzia o la totale difformità delle opere eseguite rispetto alla d.i.a. - Reato previsto dall'art. 44, comma primo, lett. b)  d.P.R. n.380/01 - Integrazione - Rilevanza della consistenza concreta dell'intervento - Opere edilizie - Permesso di costruire - Interventi eseguiti in totale difformità - Differenza tra interventi in "totale" o "parziale" difformità - Giurisprudenza - RIFIUTI - Siti di interesse nazionale (SIN) - Interventi di caratterizzazione o bonifica - Edificabilità delle aree ricomprese nel SIN - Subordine alla completa bonifica dei suoli - Giurisprudenza amministrativa - Artt. 242 e 252 d.lgs. n.152/06 - Bonifica di siti di interesse nazionale (SIN) - Caratteristiche del sito, quantità e pericolosità degli inquinanti - Rischio sanitario ed ecologico - Procedura perimetrazione e bonifica del sito - RISARCIMENTO DANNO - Condanna generica al risarcimento dei danni in favore della parte civile - Accertamento relativo all'esistenza di un danno risarcibile - Fatto potenzialmente produttivo di conseguenze dannose - Esclusione dell'esistenza stessa di un danno eziologicamente connesso con il fatto illecito - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Pronuncia assolutoria - Reato dichiarato estinto per amnistia o per prescrizione - Presenza della parte civile e statuizioni civili - Valutazione del giudice - Risarcimento dei danni cagionati cagionati ambito di operatività degli artt. 129 e 578 cod. proc. pen. - Motivazione del provvedimento mediante la tecnica del cd. "copia e incolla" o motivazione per relationem - Motivazione meramente apparente - Diritto alla traduzione degli atti - Conoscenza da parte dell'imputato della lingua italiana - Valutazione di merito non censurabile in sede di legittimità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 31/01/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Realizzazione e gestione di una discarica non autorizzata o abusiva - Configurabilità del reato di discarica abusiva - Differenza tra: rifiuti abbandonati, accumulo di rifiuti e discarica abusiva - Art.6 lett. lett. e) L n.210/2008 - Art. 256, c.2, d.lgs n.152/2006 - Nozione di deposito controllato o temporaneo - Differenza tra: deposito controllato o temporaneo, deposito preliminare, messa in riserva e deposito incontrollato o abbandono - Sanzioni penali - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Effetti della morte dell'imputato prima dell'irrevocabilità della sentenza - Cessazione sia del rapporto processuale in sede penale che del rapporto processuale civile inserito nel processo penale - Estinzione del reato - Ricorso per cassazione - Motivi che riproducono le medesime ragioni già discusse e ritenute infondate dal giudice del gravame - Inammissibilità e prescrizione - Motivazione integrata della pronuncia di primo grado e appello - Risultato organico ed inscindibile - Giurisprudenza - Travisamento della prova - Configurabilità - Limiti del sindacato di legittimità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/01/2018, Sentenza n.4200

RIFIUTI - Distinzione tra sottoprodotto e rifiuto - Gli sfabbricidi provenienti da demolizione devono sempre essere considerati rifiuti - Artt.184, 184-bis, D.Lgs. n.152/2006 - Trasporto illecito di rifiuti - Confisca obbligatoria del mezzo - Sopravvenuta iscrizione all'Albo gestori ambientali - Ininfluenza - Natura costitutiva del fatto - Data di consumazione del reato - Illegittima pregressa utilizzazione - Giurisprudenza - Artt. 259, 256, c.1°, D.Lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Concessione delle attenuanti generiche - Presupposti per la concessione - Conversione della impugnazione ex art.568, c.5, cod.proc.pen. - Principio di conservazione degli atti - Automatico trasferimento del procedimento dinanzi al giudice competente - Particolare tenuità del fatto - Applicabilità dell'art. 131-bis cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 29/01/2018, Sentenza n. 4139

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - L'ampliamento di un fabbricato preesistente non può essere considerato pertinenza - Mancanza di autonomia rispetto all'edificio medesimo - Giurisprudenza - Artt. 3, 10 e 44, lett. e) d.P.R. 380/01 - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Artt. 134, 136 e 181 d.lgs. 42/2004 - Esecutore dei lavori edilizi - Obbligo di preventiva verifica dell'esistenza del titolo abilitativo - Responsabilità, a titolo di dolo, nel reato urbanistico - Reato proprio nel reato paesaggistico - Sanziona chiunque trasgredisca le disposizioni poste a tutela dei vincoli - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Reati edilizi - Incertezza assoluta sulla data di commissione del reato - Inizio del termine di prescrizione - Applicazione del principio del favor rei - Motivazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 4^ 26/01/2018, Sentenza n.3873

ANIMALI - Aggressioni a terzi - Reato di lesioni colpose - Obbligo del proprietario di controllare e custodire l'animale - RISARCIMENTO DANNI - Posizione di "vigilanza" - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Dichiarazioni della persona offesa - Possono essere legittimamente poste da sole a conferma della penale responsabilità dell'imputato previa verifica - Inapplicabilità dell'art.192, c.3, c.p.p.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 24/01/2018, Sentenza n.3290

MALTRATTAMENTO ANIMALI - Maltrattamento di cani attraverso collari c.d. "antiabbaio" - Invio di scosse o altri impulsi elettrici al cane - Incompatibilità naturale e produttiva di sofferenza - Giurisprudenza artt. 544 ter c.p.e 727, c.p. - Reato di abbandono di animali - Elemento oggettivo di cui all'art. 727 c.p. - Condotte che incidono sulla sensibilità psico-fisica dell'animale - Nozione di abbandono - Trascuratezza, disinteresse o mancanza di attenzione - Comportamenti colposi improntati ad indifferenza od inerzia - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio di legittimità - Controllo sulla motivazione - Rilettura degli elementi di fatto - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 22/01/2018, Sentenza n.2401

RIFIUTI - Reato di gestione non autorizzata di rifiuti -  Svolgimento di attività di gestione in forma semplificata - Condizioni prescritte all'atto della richiesta iniziale o nella richiesta di rinnovo - Difformità dal titolo o dalle condizioni - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Attività ad un controllo - Artt. 184-ter, 186, 214, 216 e 256 T.U.A. - Terre e rocce da scavo e materiali di risulta da demolizione - Distinzione - Applicabilità del regime in deroga - Effettiva destinazione finale alla produzione - Configurabilità del reato di discarica abusiva - Test di cessione sui rifiuti non spetta all'acquirente ma ai produttori di rifiuti - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Realizzazione del terrapieno di rilevanti dimensioni - Permesso di costruire - Necessità - Reato di costruzione edilizia abusiva artt. 10 e 44 d.p.r. n. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Illogicità della motivazione - C.d. metodo spannometrico (o approssimativo, impreciso) - Spiegazione logiche ed adeguate delle ragioni del convincimento.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 19/01/2018, Sentenza n.2290

RIFIUTI - Attività abusiva di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi (rottami ferrosi) - Occasionale attività di trasporto - Obblighi di comunicazione, autorizzazione o iscrizione - Inadempimento - Natura di reato istantaneo - Iscrizione nell'Albo nazionale gestori ambientali - Necessità - Artt. 212, 256, 258 e 260 d.lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Impugnazioni - Verificare dell'oggettiva impugnabilità del provvedimento - Trasmissione al giudice competente - Art. 568, comma 5, cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 19/01/2018, Sentenza n.2280

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Abusivismo edilizio - Scriminante dello stato di necessità ai reati urbanistici - Esclusione - artt. 44, lett. C),83, 93, 94, 95 d.P.R. 380\01 e 181 comma 1 d.lgs. 42\2004 - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Reati urbanistici - Tutela del paesaggio e dell'ambiente - Destinazione del suolo - Condizioni economiche disagiate - Ininfluenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Principio del "favor rei" - Decorrenza del termine di prescrizione - Fattispecie: accertamento opere abusive - Diniego attenuanti generiche - Valutazione degli elementi, favorevoli o sfavorevoli - Personalità dell'imputato e la presenza di precedenti penali specifici - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 19/01/2018, Sentenza n.2291

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere edilizie realizzate senza permesso di costruire e su un preesistente immobile abusivo - Prescrizione dei reati - Onere della prova - Giurisprudenza - Art. 44, comma 1, lett. b), d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 1^ 19/01/2018, Sentenza n.2209

INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Ecodelitti - Caratteristiche del disastro ambientale - Centrale termoelettrica di Porto Tolle - Emissioni nocive connesse al ciclo di produzione - Inquinamento ambientale - Emissioni inquinanti - Concretizzazione del disastro - Situazione di pericolo per la pubblica incolumità - Valutazione dell'incremento epidemiologico dei ricoveri ospedalieri - Artt. 434, 437 cod. pen. - Perfezione del reato di disastro e sua consumazione - Elementi della fattispecie - Decorso del termine della prescrizione - Reati a consumazione protratta per definizione normativa - Reati permanenti - Calcolo dei termini di prescrizione - DANNO AMBIENTALE - Reati a effetti permanenti - Decorrenza del termine di prescrizione - Successive lesioni riconducibili al disastro - Esclusione - Nozione unitaria di "disastro" - Elementi - Proiezione offensiva e dimensionale - Nozione di evento - Reato aggravato dall'evento - Appello - Declaratoria di estinzione del reato per prescrizione - Revoca delle statuizioni civili - Condanna dell'imputato al risarcimento dei danni - Illegittimità - Effetti sulla responsabilità civile - Reato di cui all'art. 434, 1°c., cod. pen. - Giurisprudenza - ECODELITTI - Realizzazione dell'evento disastroso - Finalità originaria dell'agente - Aggravante - SICUREZZA SUL LAVORO - Reato omissivo improprio - Titolarità di una posizione di garanzia - Automatico addebito di responsabilità colposa a carico del garante - Principio di colpevolezza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Reato di disastro ambientale innominato - Caratteristiche - Pericolo per la pubblica incolumità - Appello del P.M. contro la sentenza di assoluzione emessa all'esito del dibattimento - Ricorso per cassazione del P.M. - Nozione di interesse ad impugnare - Prospettiva utilitaristica - Concretezza e attualità dell'interesse.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 18/01/2018, Sentenza n.2001

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Immobile abusivo sito in zona paesaggisticamente vincolata - Sequestro preventivo - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Presupposto del "periculum in mora" - Verifica della compatibilità dell'uso con gli interessi tutelati dal vincolo - Situazione preesistente alla realizzazione dell'opera - Artt. 44, lett. C) d.P.R. 380/01 e 181 d.lgs. 42/2004 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Impugnazione di misure cautelari reali - Accertamento del fatto - Necessità - Emissione del provvedimento di sequestro - Art. 325, comma primo cod. proc. pen.. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 18/01/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Veicoli fuori uso - Smaltimento di rifiuti speciali pericolosi - Utilizzo di automezzi non autorizzati - Omissione/Falsificazione dei formulari per il trasporto rifiuti - Imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi - Tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) - Adesione volontaria - Disciplina applicabile - D.Lgs. 3/12/2010, n. 205 - Irretroattività degli effetti penali sfavorevoli - Abolitio criminis - Principio del favor rei - Artt. 193, 212, 256, 258 e 260 d.lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di estinzione del reato - Rilievo di vizi di motivazione - Esclusione - Declaratoria della causa estintiva - Obbligo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/01/2018, Sentenza n.1570

RIFIUTI - Rifiuti provenienti da lavori di ristrutturazione costituiti da asfalto e roccia da scavo - Illecita gestione e concorso nel reato - Responsabilità anche chi ha messo a disposizione il luogo in cui i rifiuti sono scaricati - Unitarietà del fatto collettivo - Contributo causale imprescindibile - Art.256, cc. 1 e 2 d. lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio di cassazione - Preclusioni sull'indagine di legittimità e sul discorso giustificativo della decisione. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/01/2018, Sentenza n.

* ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Prelievi di campioni finalizzati all'espletamento di analisi e diritti della difesa - Distinzione tra prelievo: di polizia giudiziaria ed amministrativo - Campioni di acque di scarico di rapida deteriorabilità - Giurisprudenza - Atti tipicamente amministrativi e non atti giudiziari - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - piena rilevanza probatoria nell'ambito del processo penale - Artt. 220 e 223 disp. att. cod. proc. pen. - Art. 137 d.lgs. n.152/2006 - RIFIUTI - Deposito incontrollato di rifiuti - Accumulo di una quantità consistente di materiali vari - Configurabilità - Reati ambientali - Raggruppamento di rifiuti - Condizioni indefettibili - Deposito controllato o temporaneo - Onere della prova - Produttore dei rifiuti - Artt. 183 e 256 d.lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/01/2018, Sentenza n.1581

APPALTI - Subappalto - RIFIUTI - Gestione dei rifiuti prodotti dalla ditta subappaltatrice - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Estinzione per amnistia o prescrizione del reato - Decisione su gli interessi civili - Risarcimento del danno - Artt. 256 e 260 d.lvo n.152/2006 - Artt. 129 e 578 cod. proc. pen. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 15/01/2018, Sentenza n.1497

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Intervento in zona vincolata - Assenza di autorizzazione - Violazioni paesaggistiche - Integrazione del reato - Natura di reato formale di pericolo e permanente - Fattispecie: strada in terra battuta e muretto di cemento di confine - Art. 181 c.1 d.lvo n. 42/2004 - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazioni urbanistiche e paesaggistiche - Incidenza sul carico urbanistico - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Diniego di concessione della speciale causa di non punibilità - Art. 131-bis cod. pen. - Art. 44 lett. c) d.P.R. n. 380/2001.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 15/01/2018, Sentenza n.1448

MALTRATTAMENTO ANIMALI - Maltrattamento con crudeltà e senza necessità (112 cuccioli di cane) - Esercizio dell'attività di commercio animali - Contraffazione di passaporti canini - Artt. 477, 482, 515 e 544-ter c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Concessione delle attenuanti generiche - Meritevolezza - Obbligo di analitica motivazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/01/2018, Sentenza n.888

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Realizzazione in zona agricola di distinti impianti fotovoltaici - Riconducibilità al medesimo centro di interessi - Opere artificiosamente frazionati allo scopo di eludere il rispetto dei limiti di potenza fino a 1 MW - Direttore dei lavori - Configurabilità dell'art.44 lett. b) d.P.R. n. 380/2001 - Fattispecie: realizzazione di serre a copertura fotovoltaica per il riscaldamento - VIA VAS AIA - AGRICOLTURA - Impianti fotovoltaici in zona agricola - Produzione di energia superiore a 1 MW - Assenza di autorizzazione - Valutazione di impatto ambientale - Necessità - Procedura semplificata di DIA in alternativa all'autorizzazione unica - Applicazione e limiti - Sussidiarietà dello Stato - L.R.Puglia n. 32/2008 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Pena irrogata è al di sotto della misura media - Non è necessaria una specifica e dettagliata motivazione - Richiamo al criterio di adeguatezza della pena - Art. 133 cod. pen. - Giurisprudenza - Inammissibilità dei ricorsi per cassazione - Effetti - Dichiarazione di cause di non punibilità (prescrizione del reato) - Esclusione - Art. 129 cod.proc.pen.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/01/2018, Sentenza n.911

DANNO AMBIENTALE - Legittimazione a costituirsi parte civile - Danni risarcibili ex art. 2043 cod.civ. - Delitti contro l'ambiente - RIFIUTI - Attività organizzate per traffico illecito di rifiuti - Risarcimento di un danno patrimoniale e non patrimoniale - Artt. 309, 311 e 318 d.lvo 152/2006 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Risarcimento del danno ambientale di natura pubblica - Interesse pubblico alla integrità e salubrità dell'ambiente - Fede pubblica (falsi) e P.A. (corruzione) - Soggetti idonei al risarcimento di un danno patrimoniale e non patrimoniale - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Parte civile - Principio di immanenza della parte civile - Casi di inapplicabilità al processo penale - Denuncia di violazioni di legge non dedotte con i motivi di appello - Inammissibilità originaria dell'impugnazione - Ricorso per cassazione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 11/01/2018 Sentenza n.

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Natura permanente - Lavori abusivi - Prescrizione - Termini - Inizio e fine della decorrenza e cessazione della permanenza - Sequestro preventivo - Art. 44 d.p.r. n. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Comparizione in giudizio dell'imputato già dichiarato contumace - Obbligo di notificare il verbale di udienza contenente la modifica dell'imputazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 11/01/2018, Sentenza n. 809

RIFIUTI - Autocarrozzeria, raccolta, recupero o gestione non autorizzata di rifiuti anche pericolosi - Nozione di veicolo fuori uso - Art. 3 D.Lgs. n. 209/2003 - Art. 256, c.1, lett. b) d.lgs. n. 152/2006 - Giurisprudenza - Gestione di rifiuti - Natura di rifiuto pericoloso di un veicolo fuori uso - Sversamento delle sostanze pericolose - Mancato accertamento fattuale - Ininfluenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro preventivo finalizzato alla confisca obbligatoria - Terzo estraneo al reato -  Buona fede - Onere della prova.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 11/01/2018, Sentenza n.791

RIFIUTI - Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti - Inerti provenienti da attività di costruzione e demolizione o da terre - Accertamento delle conseguenze dannose o pericolose della condotta - Traffico illecito di rifiuti - Configurabilità del reato Ripristino ambientale - Natura del reato - Reato di pericolo presunto e reato di danno - Requisito dell'abusività dell'attività - Ingente quantitativo di rifiuti - DANNO AMBIENTALE - Sospensione condizionale della pena - Confisca dell'area in sequestro e bonifica - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione - Presenza di una causa di estinzione del reato - Concetto di "constatazione" - Giurisprudenza - Art. 129 cod. proc. pen. - Art. 323 cod. pen. - Artt. 256 e 260 d.lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 09/01/2018, Sentenza n.223

RIFIUTI - APPALTI - Contratto di appalto - Smaltimento dei rifiuti - Obblighi dell'appaltatore - Qualità di produttore del rifiuto - Obblighi connessi - Svolgimento dei lavori - Ingerenza o controllo diretto del committente - Eccezione - Fattispecie: Raccolta e trasporto di materiali di risulta di opere di demolizione edile in assenza di autorizzazione - Art. 256 del d.lgs. n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Legittimo impedimento per una infermità fisica - Certificato medico prodotto dal difensore - Verifiche del giudice - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.6^ 8/01/2018 Sentenza n.190

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Sequestro di edificio scolastico e normativa antisismica - Inadeguatezza minima rispetto ai vigenti parametri costruttivi antisismici - Adozione del sequestro preventivo di cui all'art. 321, comma 1, cod. proc. pen., nella non prevedibilità dei terremoti - Revocato del sequestro preventivo disposto dal G.i.p. da parte del Sindaco - Reato di cui all'art. 328 cod. pen., (omissione di atti di ufficio) - Configurabilità - possibili conseguenze sulla incolumità dei terzi - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro preventivo - Presupposti per il periculum rilevante - Requisiti della concretezza e della attualità - Requisito della pertinenzialità del bene sequestrato. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 29/12/2017, Sentenza n.57939

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere edilizie non sanabili - Sequestro preventivo finalizzato alla confisca - Decisioni cautelari adottate dal giudice amministrativo - Legittimità della concessione o della autorizzazione edilizia - Limiti ed effetti - Giurisdizione del giudice ordinario - Confisca obbligatoria - Art. 44, lett. e), d.P.R. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione per violazione di legge - Limiti alla valutazione delle risultanze processuali.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 29/12/2017, Sentenza n.57914

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Costruzione di fabbricati rurali - Rilascio del permesso di costruire subordinato ad un duplice requisito - Soggettivo, costituito dallo status - Oggettivo, rapporto di strumentalità delle opere alla coltivazione del fondo - Corretto sviluppo della densità edilizia - Rispetto dell'indice di fabbricabilità fondiaria - Limiti fissati dal piano - Stretto e inscindibile legame tra atti di asservimento e normativa urbanistica - Asservimento illegittimo - DIRITTO AGRARIO - Artt. 16, 17, 31, 44, d.p.r. n.380/2001 - Cessione di cubatura o asservimento in sede di rilascio di permesso di costruire - Condizioni e limiti - Fondi compresi nella medesima zona urbanistica - Effettiva e significativa vicinanza tra i fondi asserviti - Nozione di "totale difformità" - Particolare tenuità del fatto e ordine di demolizione - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Reato di abuso d'ufficio - Prova del dolo intenzionale - Macroscopica illegittimità dell'atto - Vantaggio - Art. 323 codice penale - Reato di abuso d'ufficio - Mancanza della macroscopica illegittimità dell'atto dal pubblico amministratore - Rilievo del comportamento "non iure" osservato dall'agente - Vantaggio patrimoniale o danno ingiusto - Presenza tra anomalie istruttorie e rapporti personali tra l'agente e soggetto ricevente i benefici dell'atto - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di estinzione del reato - Rilevabilità in sede di legittimità - Vizi di motivazione - Esclusione - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Prescrizione del reato - Onere della prova grava sull'imputato - Data di inizio del decorso del termine, diversa da quella risultante dagli atti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 29/12/2017, Sentenza n.57942

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Destinazione degli immobili abusivi acquisiti al patrimonio comunale - Delibera comunale che dichiara l'esistenza di un interesse pubblico prevalente sul restauro dell'assetto urbanistico violato - Incidenza delle delibere delle amministrazioni comunali - Incompatibilità con la loro demolizione - Necessità di precisa individuazione dell'immobile - Verifiche e poteri del giudice dell'esecuzione - Fattispecie: violazione di sigilli, plurime violazioni urbanistiche e reato paesaggistico - Art. 31 e 44 d.P.R. n.380/2001 - delitto paesaggistico di cui all'art. 181 d.lgs. n.42/2004 - Art. 349 cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 1^ 29/12/2017, Sentenza n.58023

RIFIUTI - Sversamento dei rifiuti pericolosi sui terreni agricoli - Bonifica dei siti - Concetto di danno ambientale - Disastro ambientale - Ecodelitti - Rapporti tra disastro ambientale e disastro innominato - Clausola di riserva - Smaltimento dei rifiuti provenienti da impianti di depurazione - Manipolazione dei codici CER da rifiuti inquinanti a prodotti fertilizzante - Idrocarburi e sostanze cancerogene - Principio di cautela - Artt. 434, 452 quater, 452 octies, cod. pen. - L. n.68/2015 - Art. 239 d. lgs 152/2006 - INQUINAMENTO DEL SUOLO - DANNO AMBIENTALE - Differenza tra inquinamento ambientale e disastro innominato - Grado di tutela del bene protetto e progressività nell'offesa - Disastri dolosi - Delitti contro la pubblica incolumità - Reato di pericolo e aggravamento di pena - Art. 434 codice penale - Fattispecie: contaminazione di siti agricoli realizzata con regressivo accumulo di sostanze anche pericolose nell'ambiente - CODICE DELL'AMBIENTE - Disastro ambientale e configurabilità dell'art. 434 cod. pen. - Disastro innominato reato di pericolo a consumazione anticipata - Casi di inquinamento e contaminazione progressivi - Giurisprudenza - Ecodelitti: disastro ambientale - La tutela della incolumità pubblica nei reati cd. vaganti - Gestione e sversamento in ambiente di rifiuti illegalmente trattati - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Fatto punibile e successione di leggi penali - Operatività e limiti - Giudizio di appello a seguito dell'impugnazione del solo pubblico ministero - Condannai dell'imputato assolto nel giudizio di primo grado - Conseguenze sulla domanda della parte civile - Vizio di motivazione - Carenza argomentativa della sentenza - Elementi trascurati o disattesi con carattere di decisività - Diversità del fatto - Variazione dei contenuti essenziali dell'addebito nei confronti dell'imputato - Diritto di difesa - Concessione o del diniego delle circostanze attenuanti generiche - Elementi valutabili - Art. 133 cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Escussione testimoniale l'art 6 CEDU si applica anche al giudizio d'appello - Giurisprudenza Corte Edu.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 29/12/2017, Sentenza n.57958

INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Aria e molestie olfattive - Emissioni odorigene nauseabonde ed emissioni in atmosfera di composti organici volatili - Getto pericoloso di cose e requisiti del reato - Criterio della "stretta tollerabilità" - Sequestro preventivo - Restituzione dell'intero impianto produttivo (Fonderie) - Abuso d'ufficio - Falsità ideologica e falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici - VIA VAS AIA - Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - Assenza - Articoli 323, 479-476,  codice penale - Artt. 29-ter, 137, 256 e 279 d. l.vo n.152/2006 - Sito natura 2000 ZPS - Art. 181 d.lgs. n.42/2004 - Emissioni da un'attività autorizzata o da un'attività prevista e disciplinata da atti normativi speciali - Presunzione di legittimità del comportamento ed evento del reato di cui all'art. 674 c.p. - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Abuso di ufficio - Prova del dolo intenzionale - Indici fattuali - Verifiche obbligatorie del giudice - Fattispecie: Sequestro preventivo di un impianto industriale - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Misure cautelari reali - violazione di legge deducibile mediante ricorso per cassazione - Preclusione processuale in materia di procedimenti cautelari - Operatività - Obbligo di una specifica motivazione - Appello cautelare - Natura devolutiva del giudizio - Poteri e limiti del giudice cautelare - Vigenza del fumus e dei pericula - Ruolo di garanzia - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/12/2017, Sentenza n.57111

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Nozione di spostamento e rimozione - Interventi soggetti ad preventiva autorizzazione - Fattispecie - Artt. 21, 169 e 176 del dlgs n. 42/2004 - Giurisprudenza - Opere illecite su beni protetti - Natura di reato formale di pericolo - Concreta lesione del valore storico-culturale della res - Criteri e presupposti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Mancata trascrizione delle dichiarazioni fonoregistrate rese dai testimoni - Violazione del diritto di difesa - Nullità d'ordine generale della sentenza - Ricorso per cassazione - Limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/12/2017, Sentenza n.57118

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Particolare tenuità del fatto e ordine di demolizione del manufatto abusivo - Natura di sanzione amministrativa accessoria dell'ordine di demolizione - Art. 131 bis c.p. - Artt. 27, 31, 44, 93, 94 e 95 d.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - Reati edilizi legati dal vincolo della continuazione - Causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto ex art. 131-bis cod. pen. - Effetti - Valutazione condotta ed esiguità del danno o del pericolo - Violazioni edilizie e ordine di demolizione del manufatto abusivo anche a seguito dell'estinzione della sanzione penale - Natura di sanzione amministrativa di carattere ripristinatorio - Istanze e regole distinte - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Costruzione abusiva - Presenza/assenza di pronunzia di condanna o di patteggiamento - Potere e obblighi del P.M. - Fattispecie collocata nel corpus normativo che agli artt. 27 e 31, d.p.r. n. 380 del 2001 -  Applicazione sanzione amministrativa della demolizione - Estinzione del reato per prescrizione o per fatto non punibile per la sua tenuità - Art. 444 cod. proc. pen.. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/12/2017, Sentenza n.57128

RIFIUTI - Gestione di rifiuti provenienti da demolizioni edili - Disciplina derogatoria rispetto a quella ordinaria - Limiti - Riutilizzo quale materiale ammendante o di riempimento del terreno - Art. 256 dlgs n.152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Adozione di misure cautelari reali - Provvedimento di sequestro preventivo - Esclusione di tali beni da un regime di libera disponibilità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 18/12/2017 Sentenza n.56281

INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Impianti produttivi di emissioni - Emissioni in atmosfera in assenza della prescritta autorizzazione - Artt.103, 279, 269 d.lgs. n.152/06 - CODICE DELL'AMBIENTE - Tutela ambientale - Funzione abilitativa e di controllo dell'autorizzazione - Valutazione e monitoraggio ecologico della P.A. - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Scarichi a suolo - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Omessa indicazione degli articoli di legge nell'imputazione - Limiti alla compressione dell'esercizio del diritto di difesa - Puntuale indicazione del fatto.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 15/12/2017, Sentenza n.56085

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Opera edilizia in zona paesaggistica - Art. 734 codice penale - Presupposti per la configurabilità - DANNO AMBIENTALE - Reato di danno - Effettiva compromissione delle bellezze protette - Art. 181 c.1 d.lgs n. 42/2004 - Art. 44 lett. e) d.P.R. n. 380/2001 - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reato di falso ideologico - Dirigente, committente, esecutore, progettista e direttore dei lavori - Discrezionalità tecnica e valutazione di compatibilità ambientale - Verifica di conformità della situazione fattuale a parametri predeterminati - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Pubblico ufficiale e limiti ai criteri discrezionali di valutazione - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Concessione delle attenuanti generiche - Limiti - Valutazione del giudice - Onere di motivazione per il diniego dell'attenuante - Richiamo all'assenza dagli atti di elementi positivi - Fattispecie - Nozione giuridica di "fatto nuovo" e "mutamento del fatto" - Violazione del principio di correlazione tra accusa e sentenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/11/2017, Sentenza n.52827

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reato di lottizzazione abusiva - Realizzazione di uno stabile insediamento abitativo - Campeggio - Attività autorizzata - Impatto negativo sull'assetto territoriale" - Artt. 3 e 30 d.P.R. n. 380/2001 - Natura di reato progressivo - Atti di frazionamento o opere già eseguite - Configurabilità - Momento consumativo del reato - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Nozione di "violazione di legge" - Motivazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 17/11/2017, Sentenza n. 52610

RIFIUTI - Reato di combustione illecite di rifiuti - Abbruciamento di rifiuti e connesso allarme di pericolo per la salute pubblica - Principio di precauzione - Aggravante - Territorio in stato di emergenza nel settore dei rifiuti - Artt. 192, 226, 231, 255, 260, 256-bis c.1,2,3, e 4 d.lvo n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio sulla tenuità del fatto - Valutazione di tutte le componenti e peculiarità - Art. 133 cod. pen.  Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/11/2017, Sentenza n.52436

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Impianti di depurazione - INQUINAMENTO AMBIENTALE - Caratteristiche del delitto - Deterioramento significativo o compromissione ambientale altamente probabile - Art. 452-bis cod. pen. - Getto pericoloso di cose - Art. 674 cod. pen. - Art. 137, 256, d. lgs. n.152/2006 - Configurabilità del reato di inquinamento ambientale - Art. 452- bis cod. pen. - Deterioramento ambientale significativo o altamente probabile - Reato di disastro ambientale di cui all'art. 452-quater c.p. - DANNO AMBIENTALE - Condotta abusiva - Assenza di autorizzazione o autorizzazioni scadute o palesemente illegittime - Violazione di leggi statali o regionali ovvero di prescrizioni amministrative - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro preventivo - Valutazione del giudice - Sequestro preventivo o probatorio - Ricorso in cassazione - Violazione di legge.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 15/11/2017, Sentenza n.52056

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Confisca non menzionato nell'originario provvedimento di sequestro e nel successivo provvedimento di confisca - Articolo 44 d.p.r. n. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Misure cautelari reali - Confisca obbligatoria (cd. "urbanistica") - Limiti all'esecutività immediata dei provvedimenti restitutori dei beni sottoposti a sequestro preventivo - Confisca di un bene immobile realizzato con somme di denaro di illecita provenienza su terreno di provenienza lecita - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Sequestro preventivo di un edificio confiscabile - Differenza tra effetti civili e penali - Reato di lottizzazione abusiva - Principio di accessione. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2017, Sentenza n.50632

ARIA - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Impianto per la produzione di calcestruzzo - Emissioni in atmosfera non autorizzate - Natura del reato - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Autorizzazione - Necessità - Controllo preventivo degli organi di vigilanza - Pericolo per l'ambiente - Artt. 267, 269 e 279 d.lgs. n. 152/2006 - GIURISPRUDENZA - Emissioni in atmosfera - Reato di cui agli artt. 269 e 279, c.1, d.lgs. n. 152/2006 - Reato permanente, formale e di pericolo - Inizio attività inquinante - Ininfluenza - Sottrazione dell'attività al controllo preventivo degli organi di vigilanza - Conseguenze potenzialmente dannose per l'ambiente - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Violazione di legge - Vizi della motivazione - Requisiti minimi di coerenza, completezza e ragionevolezza - Art. 125 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2017, Sentenza n.50629

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Ruscellamento - Disciplina applicabile - Sversamento dei reflui promananti dal depuratore comunale nell'area ad esso circostante - Rapporti tra la normativa sulla tutela delle acque e quella dei rifiuti - Concetto giuridico di scarico -   Artt. 74, 114, 137, 183, 185, 256, d. Lgs. n. 152/2006 - RIFIUTI - Abbandono incontrollato di liquami - Nozione e disciplina sugli scarichi - Limiti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Fatto contestato in sentenza - Attribuzione qualificazione giuridica diversa - Violazione dell'art. 521 cod. proc. pen. - Esclusione - Presupposti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/10/2017, Sentenza n.48333

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Responsabilità per reati edilizi - Natura di reato comune - Individuazione dei soggetti responsabili - Artt. 64, 65, 71, 94 e 95 d.P.R. n. 380/2001 - Reati urbanistici - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Onere della prova della data di commissione del reato - Grava sull'accusa.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/10/2017, Sentenza n.48348

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Manufatto in zona agricola - Edificazione, destinazione e posizione soggettiva di chi lo realizza - art. 44, lett. b) d.PR. 380/01 - Reati edilizi - Cessazione dell'attività ed ultimazione dei lavori - Differenza - Nozione di edificio concretamente funzionale - Valutazione complessiva delle opere - Natura di reato permanente - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Mancata annotazione formale nella sentenza di secondo grado del capo di imputazione - Scopo della contestazione - Completezza dell'imputazione - Effetti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/10/2017, Sentenza n.48350

RIFIUTI - Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti - Luogo di consumazione del reato - Condizioni di legge che derogano alla disciplina generale - Onere della prova - Rifiuti da demolizione - Fattispecie: documentazione falsa e apposizione di timbri contraffatti - Art. 260 d.lgs. n.152/06 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Attenuanti generiche - Riconoscimento o diniego - Valutazione del giudice - Motivazione congrua e non contraddittoria - Necessità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 19/10/2017, Sentenza n.48178

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Permesso di costruzione - Violazione dell'obbligo di esposizione del cartello - Responsabilità del titolare del permesso, del direttore dei lavori e dell'esecutore - Art. 27, 29, 44, lett. a, d.P.R. n. 380 del 2001 - Giurisprudenza - "Google Eerth" - Utilizzazione dei fotogrammi scaricati dal sito internet - Prove documentali pienamente utilizzabili - Presupposti e limiti - Artt. 189 o 234, c.1, cod. proc. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Presupposti e limiti del sindacato di legittimità - Illogicità della motivazione come vizio denunciabile - Percepibilità "ictu oculi" - Diniego della concessione delle attenuanti generiche - Motivazione e considerazione tutti gli elementi favorevoli o sfavorevoli dedotti dalle parti o rilevabili dagli atti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 2^ 17/10/2017, Sentenza n.47843

RIFIUTI - Gestione dei rifiuti - Attività di produzione di fertilizzanti e composti azotati - Stoccaggio senza autorizzazione - Sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente - Presupposti per la qualificazione come sottoprodotto - Artt. 184 bis, 208 e 256 d. lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Nozione di violazione di legge - Vizi afferenti la motivazione - Inosservanza di precise norme processuali.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/10/2017, Sentenza n.47591

RIFIUTI - Reato di illecita attività di gestione di rifiuti - Autofficina - Registro di riparazione - Sequestro dei mezzi - Pessimo stato di conservazione - Integrale bonifica del sito - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Concessione della circostanza attenuante Necessità di valutazione - Art. 256 d. lgs n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/10/2017, Sentenza n.46603

RIFIUTI - Deposito incontrollato di rifiuti - Bonifica dell'area - Subordine al beneficio della sospensione condizionale della pena - Revoca - Violenta opposizione di un terzo - Verifica di eventuali fattori impeditivi dell'adempimento dell'obbligo - Necessità - Art. 257 d.L.vo n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenza di condanna - Beneficio della sospensione condizionale della pena - Obbligo volto alla eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato - Inadempimento -  Revoca della sospensione condizionale - Impossibilità sopravvenuta - Verifica da parte del giudice della esecuzione - Obbligo - Artt. 163 e 165 cod. pen. - GIURISPRUDENZA.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/10/2017, Sentenza n.46598

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opera abusiva - Parziale demolizione - Inidoneità a determinare l'effettivo estintivo della pena - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Basamento in cemento - Compromissione dell'assetto del territorio e del paesaggio - Permesso di costruire e autorizzazione paesaggistica - Necessità - Artt. 3, 6, 10, 44, lett. b), d.P.R. 380/2001 e 181 d.lgs. 42/2004 - Elementi della pertinenza e caratteristiche del manufatto - Giurisprudenza - Opere abusive - Responsabilità del proprietario o comproprietario non formalmente committente - Rilevanza dei dati indiziari - Difetto di specificità - Fattispecie - Reato urbanistico - Natura di reato permanente - Individuazione della cessazione della permanenza - Concetto di ultimazione dei lavori - Natura oggettiva - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Determinazione della pena - Obbligo della motivazione - Effetti dell'inammissibilità originaria del ricorso - Causa di estinzione del reato intervenuta successivamente alla decisione impugnata - Applicabilità - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/10/2017, Sentenza n.46477

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Realizzazione di un muro di recinzione - Tipologia e struttura idonea a modificare l'assetto urbanistico del territorio - Permesso a costruire - Necessità - Art. 3, lett. e), d.P.R. n. 380/2001 - Qualificazione di un vano come "volume tecnico" - Nozione di volumi tecnici - Giurisprudenza - Art. 44, c.1°, lett. b), d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 - Volumi tecnici - Parametri - Conteggio dell'indice edificatorio - Esclusione - Opere edilizie completamente prive di una propria autonomia funzionale, anche potenziale - Legittimità del permesso in sanatoria - Poteri e verifiche del giudice penale - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Atto amministrativo - Conformità a tutti i parametri di legalità fissati dalla legge, dai regolamenti edilizi, dagli strumenti urbanistici e dalla concessione edificatoria - Illeciti edilizi - Direttore dei lavori - Casi di Esclusione o responsabilità - Rilascio del permesso di costruire in sanatoria - Causa di estinzione del reato per violazioni edilizie - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Obblighi e verifiche del giudice penale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 09/10/2017, Sentenza n.46357

RIFIUTI - Deiezioni animali - Sottrazione dalla disciplina sui rifiuti - Presupposti - Fertirrigazione del terreno - Esistenza effettiva di colture in atto sulle aree interessate dallo spandimento - Adeguatezza di quantità e qualità degli effluenti e dei tempi e modalità di distribuzione - AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Artt. 183, 184 bis, 185, 192, 256, d. lgs. n.156/2006 - ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Refluo digestato - Reato di scarico di acque reflue industriali senza autorizzazione - Successivo rilascio dell'autorizzazione - Effetti - Circostanza attenuante del danno patrimoniale di speciale tenuità - Esclusione - Artt. 101, 137 d. lgs. n.156/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio di Cassazione - Rilettura degli elementi di fatto - Preclusione - Motivi non deducibili - Impugnazioni - Doglianze generiche - Differente comparazione dei significati probatori del singolo elemento.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 09/10/2017, Sentenza n.46355

RIFIUTI - Deposito incontrollato di rifiuti - Natura di reato "permanente" e/o "istantanea con effetti eventualmente permanenti" - Accertamento della natura giuridica della condotta - Decorso del termine di prescrizione Fattispecie: materiale proveniente da demolizioni - Artt. 183 e 256, d. lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Principio dell' <<al di là di ogni ragionevole dubbio>> - Applicazione e limiti - Dati acquisiti al processo non meramente ipotetici o congetturali - Esclusione della punibilità - Particolare tenuità del fatto - Questione di applicabilità - Concessione delle attenuanti generiche - Verifiche elementi e circostanze.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2017, Sentenza n.

* INQUINAMENTO ACUSTICO - Attività musicale - Immissioni sonore esuberanti rispetto ai limiti fissati dalla normativa di settore - Sequestro della sala da concerti - Contenimento dell'inquinamento acustico - Interventi di adeguamento tecnico - Art. 659 cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Provvedimenti cautelari reali - Ordinanze emesse in materia di sequestro preventivo - Ricorso per cassazione - Limiti e requisiti - Art. 325 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/10/2017, Sentenza n.45968

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ampliamento di un fabbricato preesistente - Esclusione di pertinenza - Caratteristiche della pertinenza - Opera a servizio del fabbricato principale legittimamente edificato - Insuscettibile di destinazione autonoma - Artt. 3 e 44 lett. b) dpr n. 380/2001 - Qualificazione degli interventi di manutenzione straordinaria - Rinnovazione o sostituzione di parti anche strutturali degli edifici - Integrazione o realizzazione di servizi igienici sanitari o tecnologici - Esclusione di modifiche ai volumi o alle superfici delle singole unità immobiliari - Modifiche della destinazione d'uso - Esclusione - Giurisprudenza - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Artt. 149, 181 dlgs 42/2004. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Violazioni urbanistiche - Eliminazione delle conseguenze dannose del reato - Subordine della sospensione condizionale della pena inflitta alla demolizione dell'opera eseguita - Genericità del ricorso.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/10/2017, Sentenza n.45946

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - D.i.a. illegittima e responsabilità - Vincolo paesaggistico-ambientale - Presupposti per la procedura semplificata - Perfezionamento della procedura di condono edilizio - Violazione di sigilli - Vincolo della continuazione - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Reati edilizi - Nozione di "nuova costruzione" - Super D.I.A. - Ristrutturazione attuata attraverso demolizione e ricostruzione dell'edificio preesistente - Immobili sottoposti a tutela storico-artistica o paesaggistica-ambientale - Rispetto della volumetria e sagoma dell'edificio preesistente - Preventivo rilascio del parere o dell'autorizzazione - Permesso a costruire - Necessità - Art. 444 cod. proc. pen. - Artt. 3, 10, 22, 23, 29, 36, 44, 64-65 e ss. d.P.R. n. 380/2001 - Artt. 134, 146, 159 e 181 d.lgs. n.42/2004 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Avvio dell'intervento edilizio - Necessità della prescritta autorizzazione paesaggistica - Inerzia da parte dell'amministrazione comunale - Circostanza legittimante - Esclusione - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Mancato esame di un motivo di appello in astratto insuscettibile di accoglimento - Effetti - Esclusione di annullamento della sentenza - Omessa motivazione e rimedio, ai sensi dell'art. 619 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/10/2017, Sentenza n.45943

RIFIUTI - Smaltimento non autorizzato di rifiuti frantumando inerti da demolizione - Operazioni di livellamento - Natura di deposito temporaneo - Esclusione - Artt. 183 e 256 D. Lgs n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudice di legittimità - Controllo sulla motivazione - Limiti - Art. 606, 1°c., lett.e), cod. proc. pen. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/10/2017, Sentenza n.45750

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Scarico nella pubblica fognatura di acque reflue industriali - Assenza di autorizzazione - Natura permanente del reato - Cessazione della permanenza - Individuazione - Fattispecie: attività di lavaggio dei mezzi di trasporto - Artt. 124 e 137, c.1, d. lgs. n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Valutazione della concessione o esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto - Criteri - Attenuanti generiche - CODICE DELL'AMBIENTE - Fattispecie: scarichi nella pubblica fognatura di acque reflue industriali provenienti dall'attività di lavaggio dei mezzi di trasporto in assenza di autorizzazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/10/2017, Sentenza n.45739

RIFIUTI - Deposito temporaneo - Criterio quantitativo e/o temporale - Deposito incontrollato sul suolo di rifiuti pericolosi e non - Illecita gestione di rifiuti - Artt. 183, 192 e 256 D.lgs. n.152/06 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Diniego della concessione delle attenuanti generiche - Reati in materia ambientale e giudizio prognostico sfavorevole in capo al reo - Ipotesi di sostanziale "doppia conforme" - Verifiche e limiti del ricorso in cassazione - Ragionamento probatorio e  giustificazione della decisione del giudice di merito.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.7^ 26/09/2017, Ordinanza n.44257

ARIA - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Ristorante emissione di fumi e vapori maleodoranti - Molestie olfattive promananti da impianto munito di autorizzazione - Emissioni in atmosfera - Criteri della normale tollerabilità e stretta tollerabilità - Cortile condominale - Art. 674 cod. pen. - Art. 844 cod. civ. - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Vizi della motivazione - Controllo del Giudice di legittimità - Limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/09/2017, Sentenza n.43153

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Permesso di costruire - Conformità delle opere - Soggetti responsabili - Committente, costruttore, progettista e direttore dei lavori - Artt. 29, 32, 44, 64, 65, 71, 72 d.P.R. n. 380/2001 - Art. 181 d.lgs. n. 42/2004 - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Interventi edilizi in una zona paesaggisticamente vincolata - Qualificazione giuridica - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di esclusione della punibilità - Reato continuato - Comportamento abituale - Configurabilità - Art. 131-bis cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2017, Sentenza n.41592

DIRITTO VENATORIO - CACCIA - Caccia in periodo di divieto generale - Esercizio della caccia nei giorni di silenzio venatorio - Differenza delle due fattispecie - art. 30, c.1, lett. a), f) e h) L. n. 157/1992 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Appello avverso una sentenza che abbia erroneamente ritenuto applicabile la sola pena pecuniaria dell'ammenda - Ricorso proposto dall'imputato - Giurisprudenza - Revoca del decreto penale di condanna o mancata revoca - Effetti - Ex art. 464, c.3, cod. proc. pen..  

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2017, Sentenza n.

* RIFIUTI - Attività di gestione di rifiuti non autorizzata - Raccolta di rifiuti non pericolosi in mancanza della prescritta comunicazione ex art. 216, d.lgs. n. 152/2006 - Configurabilità del reato di gestione abusiva di rifiuti - Natura di reato comune - Deposito di rifiuti da demolizione - Nozione di sottoprodotti - Destinazione al riutilizzo nel medesimo ciclo produttivo o alla loro utilizzazione da parte di terzi - Certezza oggettiva del riutilizzo - Artt. 183 e 256 d.lgs. 152/2006  - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Impugnazione con mezzo di gravame diverso da quello legislativamente prescritto - Verifica dell'oggettiva impugnabilità del provvedimento da parte del giudice - Trasmissione degli atti  al giudice competente - Art. 568, comma 5, cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

Pagine